CARNEFICE PRIMO SECONDO LIBRO CRONACHE

la potente macchina mediatica massonica finanziaria ha paura, e questo è una ottima patente di promozione per Donald TRUMP: dopo tutto chi non sarebbe orgoglioso della Frase di Mussolini che ha detto: "meglio un giorno da leone che 100 da pecora?" LE FRASI GIUSTE SONO GIUSTE IN SE STESSE! inoltre, quale democrazia massonica senza sovranità monetaria: ALTO TRADIMENTO COSTITUZIONALE, è mai esistita dopo la seconda guerra mondiale? CHI NON SCEGLIE Donald TRUMP: SCEGLIE LA GUERRA MONDIALE NUCLEARE OVVIAMENTE! "L'Europa, terra in cui il fascismo è nato, guarda con sgomento l'ascesa di Donald Trump", scrive il Times, sottolineando come ci sia grande preoccupazione a Londra, Parigi e Berlino: "L'Europa sa che le democrazie possono collassare".
=============
Siria: giornalisti sotto attacco nella provincia di Latakia. sono MOLTEPLICI I DELITTI E LE VIOLAZIONI INTERNAZIONALI CHE LA TURCHIA STA COMMETTENDO: LEGA ARABA, NATO ED USA NE PAGHERANNO IL PREZZO! 01.03.2016 Un gruppo di giornalisti russi e stranieri sono si sono imbattuti in un bombardamento di artiglieria nella provincia di Latakia nel nord della Sira. Lo ha comunicato il corrispondente di RIA Novosti. L'incidente è avvenuto martedi pomeriggio non lontano dalla città di confine di Kessab. In tutto sono stati sparati otto proiettili. I giornalisti hanno dovuto abbandonare immediatamente il luogo, e sono stati poi evaquati dagli autoblindo dei militari della base Khmeimim.
Sono state ferite alcune persone, tutti sono stranieri, secondo i dati preliminari, cittadini cinesi, canadesi e bulgari. Come comunicato dal rappresentante del ministero della Difesa russo, generale maggiore Igor' Konashenkov, l'attacco proveniva dal territorio della Turchia: http://it.sputniknews.com/mondo/20160301/2191667/siria-attacco-giornalisti.html#ixzz41fcxllf4
===============
mi piace vedere la LEGA ARABA totalmente nel panico: "se lo meritano" dato che, con i satana della CIA: governo occulto e parallelo NWO SpA FED, loro avevano progettato di distruggere Europa Israele e tutte le Nazioni del mondo!

SALMAN SHARIA SAUDI ARABIA ] diciamo che, era impossibile da pensare, che, non sarebbe mai dovuta giungere la tua ora di dover pagare tutti i tuoi delitti dal giorno del tuo maledetto esoterico lussurioso profeta, ad oggi! MOLTI ANALISTI DI GEOPOLITICA PENSANO CHE: "I SATANA" STANNO ARMANDO, una riottosa EUROPA (che mai aggredirebbe la Russia) PER DISINTEGRARE LA LEGA ARABA!

CHI è dalla parte del Nuovo Ordine Mondiale SPA FED SPA BCE, SPA FMI CIA BILDENBERG? lui andrà da Satana: e condividerà il suo futuro di distruzione disperazione e morte, che: LUCIFERO JABULLON è lo ideologo del NWO OLIGARCHIA MASSONICA DI SALAFITI FARISEI! COSA LE LOBBY GAY HANNO FATTO PER DIFENDERE IL GENOCIDIO DEI MARTIRI CRISTIANI NEL MONDO: e per difendere ISRAELE, la PAtria di tutti gli ebrei? CERTO, fosse SOLTANTO PER QUESTO, loro SONO DA SATANA E SATANA è IL LORO PADRE! i furbi prendono la strada in discesa del potere(politico finanziario e religioso) e del successo: che porterà all'inferno, mentre gli stupidi prendono la strada in salita: la ascesi, la rinuncia, il sacrificio: che porterà in Paradiso!
 ================
questi bastardi NAZISTI: GENOCIDIO MERKEL Pravy Sector CIA CECCHINI GOLPE, BOIA BILDENBERG! loro si mettono le mine, e loro si ammazzano da soli! ] GIà NON RIDE SEMPRE LA MOGLIE DELL'ASSASSINO MASSONE! [ 1 MAR - Un mezzo militare é saltato su una mina nel Donbass: almeno tre soldati ucraini sono morti e almeno altri due sono rimasti feriti. Lo riporta l'amministrazione regionale di Lugansk, precisando che i soldati deceduti appartenevano all'80esima brigata e che la tragedia é avvenuta oggi sulla strada tra Novotoshkovskoe e Gorskoe.
===========
CIOè, VOI VOLETE INTERAGIRE CON MASSONI, BILDENBERG, GENDER FARISEI USURAI SATANISTI DARWIN CIA CANNIBALI E TROIE, GOVERNO MERKEL LUCIFERINI, OCCULTO GOVERNO KABBALAH GMOS TALMUD AGENDA, REGIME TECNOCRATICO FINANZIARIO PARALLELO SPA FMI NWO: POTERI OCCULTI ED ESOTERICI ENLIGHTENED I DEMONI OLIGARCHIA? NO! VOI INTERAGITE SOLTANTO CON ME! ] [ TEHERAN, 1 MAR - "Abbiamo dimostrato il nostro amore per la pace e la stabilità e che vogliamo interagire con il mondo": è quanto ha affermato il presidente della Repubblica iraniana, Hassan Rohani, all'indomani dei risultati ufficiali, pur se ancora non definitivi, del voto del 26 febbraio per il nuovo Parlamento e la nuova Assemblea degli Esperti, assise di religiosi che dovrà scegliere la prossima Guida Suprema.
======
MA TU VEDI CHE CAZZO HANNO FATTO, I SAUDITI SALAFITI WAHHABITI, CHE CONTROLLANO LA LEGA ARABA, E QUEL GAY DI AL-SISSI DI EGITTO, A QUESTO POVERO RAGAZZO INNOCENTE!! ROMA, 1 MAR - Giulio Regeni è stato interrogato per sette giorni prima di essere ucciso: le ferite ritrovate sul suo corpo dimostrano che le torture sarebbero avvenute ad intervalli di 10-14 ore. "Questo significa che chiunque sia accusato di averlo ucciso, lo stava interrogando per ottenere informazioni". Lo riferiscono in esclusiva alla Reuters - che pubblica la notizia sul suo sito - due fonti della procura egiziana che a loro volta riportano la testimonianza di Hisham Abdel Hamid, direttore del dipartimento di medicina legale del Cairo, che ha eseguito l'autopsia.
=========
QUESTI HANNO UN PROFETA MAOMETTO ESOTERISTA: PEDOFILO MISOGINO POLIGAMO OMOFOBO, STUPRATORE, ASSASSINO SERIALE, MANIACO RELIGIOSO, PIRATA, LADRO, PLURI OMICIDA SERIALE, INDEMONIATO, ERETICO, BLASFEMO, APOSTATA: IDOLATRA, DI CUI NESSUNO PUò FARE UNA QUALCHE CRITICA: PER NON INCORRERE NELLA PENA DI MORTE, GIUDICATE VOI STESSI, DA SOLI, SE DOBBIAMO MORIRE TUTTI NOI, O SE DEVONO MORIRE TUTTI LORO! ] [ La guardia del corpo che aveva ucciso il governatore della provincia pachistana del Punjab Salman Taseer perché aveva criticato la legge anti blasfemia è stato impiccato stamane in una prigione di Rawalpindi. Lo riferiscono i media locali. Mumtaz Qadri, reo confesso e condannato a morte da un tribunale anti terrorismo, aveva assassinato il politico nel gennaio del 2011. La notizia dell'esecuzione ha gia' sollevato diverse proteste dei fondamentalisti islamici. Il corpo di Qadri è stato consegnato ai familiari. E' previsto un funerale nel parco Liaqat Bagh Rawalpindi, dove nel 2007 è stata uccisa la leader Benazir Bhutto. Secondo la stampa, si prevede la partecipazione di una grande folla proveniente da tutto il Paese. E' stata rafforzata la sicurezza nella capitale per pausa di disordini. Alcuni dimostranti si sono radunati alla periferia e hanno bloccato un'autostrada. Altre proteste sono in corso nella metropoli di Karachi e a Lahore.
=======
tutte le forze che NON SONO SOTTO IL CONTROLLO SAUDITA E TURCO ADERISCONO ALLA TREGUA! Siria: più di 1200 opposizionisti aderiscono alla tregua, 01.03.2016 In Siria più di 1200 opposizionisti della provincia di Daraa, che prima si erano opposti all’esercito governativo, hanno aderito all’accordo sulla cessazione delle ostilità. "Ci aspettiamo che nei prossimi giorni saranno firmati nuovi accordi nell'ambito del processo di tregua nazionale", ha dichiarato il governatore della provincia Mohammed Khaled al-Hannus, citato da RIA Novosti. L'agenzia ha evidenziato che ai negoziati per la firma dell'accordo della tregua hanno partecipato il capo del servizio nazionale di sicurezza della provincia di Daraa, generale di brigata Uafik Nasser, i membri dell'Esercito libero siriano, la formazione "Brigata al-Yarmuk" e una serie di autodifese locali. I guerriglieri del fronte "al-Nusra" hanno tentato di far fallire i negoziati per la tregua, bloccando una delle strade di Ebta-Dar. Ciononostante la loro azione non ha influito sullo svolgimento dell'evento.
    Correlati:
Francia: necessità di creare gruppo per controllo tregua in Siria
Siria: al-Nusra attacca i quartieri curdi di Aleppo: http://it.sputniknews.com/mondo/20160301/2187851/siria-opposizionisti-tregua.html#ixzz41dgwBhCa

Nichi VENDOLA e l'utero in affitto ] anche il Presidente della Camera Boldrini, esprime riserve circa la maternità surrogata! [ QUESTO è ALTO TRADIMENTO: DA PARTE DI ALCUNI POLITICI CHE DOVREBBERO ESSERE ESEMPIO DI LEGALITà E DI RISPETTO DELLE LEGGI DELLO STATO! ] #Nichi #VENDOLA ha reso orfano della madre un bambino, ha eluso la costituzione e le leggi della Repubblica, ma questo Nichi VENDOLA non era un uomo di sinistra? PER SODDISFARE IL SUO DESIDERIO DI PALADINO DEI POVERI, e degli oppressi è andato all'estero come un facoltoso signore.

KingxKingdom ha pubblicato un commento #322 Bush, system masonic, scam, occult power, IMF NWO, 187AUDIOHOSTEM --- but, just because I am the enemy of all? just that: it shows that I'm really an honest man! --- ma, proprio perché io sono il nemico di tutti? proprio questo: dimostra, che, io sono veramente un uomo onesto!
#666 IMF NWO Rothschild, 187AUDIOHOSTEM ---- WHOEVER can see, like, you're a dead skeleton head .. and certainly, I am your enemy

KingxKingdom 04/26/2013 16:30 SYRIA - UNITED STATES US intelligence accuses Damascus of using nerve gas. US Secretary of Defence Chuck Hagel recently stressed that the new intelligence assessment is not a sufficient basis for military intervention. However, he warned that the use of such weapons "violates every convention of warfare." -- ANSWER -- So, is it true that you are evil people, 1. anyone can introduce chemical weapons in the country! 2. Al Queada, etc. .. the ethnic cleansing of the Salafis against minorities, against defenseless people, etc. .. this does not violate your rules of the game for you? is not your: violates every convention of warfare."

187AUDIOHOSTEM SAID ME: [ WHOEVER TOLD YOU THAT IS YOUR>>ENEMY ] ANSWER [ certo vi ammazzerò tutti come bestie!

secondo voi, Dio farà costruire il Suo Tempio: ad un usurai SpA FED, massone culto, satanista fariseo, Talmud apostasia, e kabbalah magia NERA? ok! voi potete provarci! IL TEMPIO è DEL RE, ED IL RE è LA SUA LEGGE! IL MIO DESIDERIO ATTUALE è COSTRUIRE IL TEMPIO EBRAICO SUL SINAI IN ARABIA SAUDITA!

Erdogan deve essere giustiziato insieme a SALMAN: DA UN TRIBUNALE INTERNAZIONALE, o Nazionale, per genocidio del popolo siriano! Tutti i siriani devono dimostrare la loro identità, oppure, saranno messi a morte! Salafiti hanno fatto il genocidio ed hanno sostituito i siriani con Egiziani, Turchi, Ecc.. e così hanno fatto con i Palestinesi: QUESTI SOSTITUISCONO I POPOLI, CON LA AGGRAVANTE CHE IN SIRIA HANNO FATTO LA PULIZIA ETNICA DEI SIRIANI!

OK, voi AVETE APPREZZATO molto la mia piccola preghiera di oggi, e che farete voi, quando voi conoscerete le benedizioni e le preghiere e gli insegnamenti del mio Sommo Sacerdote Ebreo nel mio Tempio Ebraico?

BOIA: CAMERON, NAZISTI MERKEL PRAVY SECTOR, CIA 666 NATO, SATANISTI ASSASSINI NAZISTI, FARISEI GENDER DARWIN, USURAI AIPAC: PARASSITI: NAZISTI, LADRI TRADITORI, SPERGIURI, SACRILEGHI, SPA FED, SPA BCE: ALTO TRADIMENTO COSTITUZIONALE: GOVERNO MONDIALE OCCULTO E PARALLELO: OBAMA è UN ATTORE, INSIEME A TUTTI I POLITICI! LA DEMOCRAZIA UE TROIA DEI NAZISTI ] La Crimea e Sebastopoli sono entrati far parte della Russia dopo il referendum del marzo 2014. La riunificazione con la russia è stata sostenuta dal 96,77% di abitanti della Crimea e dal 95,6% di quelli di Sebastopoli.

MA, SE gli schiavi felici dei Bildenberg, in UE USA, I MASSONI LADRI E TRADITORI: anticristo Merkel Cameron, loro SONO FELICI DI PAGARE LE TASSE, AL LORO DIO e padrone INVISIBILE: il fariseo Talmud ROTHSCHILD sPa? ok! si accomodino pure! ma, la smettano di minacciare il mondo! SE POI, PER MOTIVAZIONI CONTABILI DEVONO FARE UNA GUERRA: A QUALCUNO IN OGNI MODO? POI, CHI è PIù NAZISTA DELLA LEGA ARABA E DELLA COREA DEL NORD? ANDASSERO A FARE LA GUERRA CONTRO DI LORO!

gli attori di questa farsa calunniosa, sanzioni economiche e commerciali: nuova schizofrenia di massoni e satanisti come Cameron, nuova artificiale guerra fredda: di UE contro Russia? è nata da un Golpe in Ucraina Kiev Maidan di cecchini della CIA, e un conseguente repressione genocidio annientamento delle identità politiche e culturali: delle popolazioni russofone a Sud del Paese! ed il minimo che la Russia poteva fare, è proprio quello che ha fatto, impedire al NWO NATO SpA FED, di commettere il genocidio e il pogrom contro i popoli russofoni che erano stati aggrediti! IO HO ORDINATO ALLA RUSSIA LA SUA CONDOTTA ETICA!

non c'è nessun elemento: politico, logico, economico, strategico che ipotizerebbe un interesse di invasione da parte della Russia contro la Europa, questa è una favola bestiale della NATO e della CIA, che hanno avuto l'obbligo e il compito di attaccare la Russia, per nascondere il fallimento crollo e le truffe del sistema monetario mondiale!

SE LA RUSSIA INVADESSE IL TERRITORIO DELLA NATO (schizofrenia paranoia maniacale interna alla NATO 666 SpA FED CIA: il governo occulto parallelo al NWO): poi, la Russia NON SAREBBE PIù LEGITTIMATA AD USARE LE ATOMICHE TATTICHE CONTRO LE installazioni militari delle NAZIONI CONFINANTI! La Romania regala mezzi militari all’Ucraina, 29.02.2016 Bucarest ha donato a Kiev mezzi militari per le forze armate ucraine. Lo ha comunicato lunedi l’ufficio stampa del ministero della Difesa romeno: http://it.sputniknews.com/mondo/20160229/2187130/romania-regalo-ucraina.html#ixzz41af6qGqz

La caduta della Turchia è inarrestabile, IL GIOCO CRIMINALE SUNNITA è SFACCIATAMENTE SPORCO! E GLI USA: PENSANO, PROGETTANO: DI FARE DISINTEGRARE: INSIEME: UE E RUSSIA UNO CONTRO L'ALTRO (ELIMINARE I CRISTIANI), QUINDI GLI USA NON POSSONO CONDURRE IL GIOCO IN MEDIO ORIENTE, E SE, LA RUSSIA NON VIENE PRIMA AGGREDITA DALLA EUROPA? ISLAMICI AFFOGHERANNO, TRA DI LORO E CONTRO LA RUSSIA, IN UN MARE DI SANGUE! 29.02.2016( Secondo lo Hurriyet Daily, le autorità turche, a causa delle loro ambizioni neoimperiali e dei loro calcoli strategici, stanno sempre più affondando nel caos il paese. Ankara vede i vicini regionali come nemici, e i suoi alleati occidentali gli voltano le spalle. Affinché in Medio Oriente si stabilisca la pace, è necessario rispondere ad alcune domande. Tra le quali: si renderanno conto un giorno gli islamisti turchi che le loro ambizioni neo-imperiali sono sproporzionate rispetto alle loro forze e alla loro influenza nella regione? Potranno un giorno i sunniti frenare la loro brama di espansione religiosa? Potranno un giorno i sunniti arrestare autonomamente la radicalizzazione senza l'intervento di paesi non musulmani? Secondo l'autore dell'articolo, la risposta a queste domande è negativa: http://it.sputniknews.com/mondo/20160229/2186540/caduta-inarrestabile-turchia.html#ixzz41acy5iPx

è UNA PIAGA PARALIZZANTE DELL'OCCIDENTE MASSONICO: I CAMERIERI DEI BANCHIERI, POI TUTTI GLI ALTRI, POSSONO MORIRE! QUESTO è UN CATTIVO ESEMPIO DI MAGISTRATURA ORDINARIA, CHE NON è IL GRADO DI DIFENDERE L'INTERESSE COLLETTIVO! PERCHé ALCUNE CAUSE DI UTILITà SOCIALE: POSSONO SOLTANTO ESSERE DI COMPETENZA DI UNA MAGISTRATURA STRAORDINARIA! ALCUNE FAIDE INTERNE: POSSONO PORTARE ALLA CHIUSURA DI AZIENDE, ASSOCIAZIONI, SINDACATI, ECC.. QUINDI è NECESSARIA UNA MAGISTRATURA SPECIALE: QUANDO SI RAVVISA LA PUBBLICA UTILITà! NEW YORK, 29 FEB - Il bunker in Florida dove Jfk sarebbe stato messo al riparo in caso di attacco nucleare potrebbe chiudere ben presto i battenti. Costruita per 'salvare' il presidente nel caso la terza guerra mondiale fosse scoppiata durante le sue vacanze al mare nel Sunshine State, la struttura - chiamata Hotel - è oggi un'attrazione turistica, insieme alla vecchia stazione della Guardia Costiera a Peanut Island. E' al centro però di una lunghissima battaglia legale tra le autorità portuali che sono proprietarie dell'isola, e il museo marittimo di Palm Beach che gestisce il sito. Una guerra che potrebbe portare alla chiusura dei cancelli per mancanza di risorse.

ERDOGAN E SALMAN NON RISPETTANO NEANCHE LA SACRALITà DI UN FUNERALE: SONO LE BESTIE DI SATANA, E NON C'è NULLA DI UMANO IN LORO! BEIRUT, 29 FEB - L'Isis ha rivendicato un attentato suicida che oggi in Iraq ha provocato almeno 25 morti durante i funerali di un miliziano sciita. Lo riferisce il Site sul suo account Twitter. L'attacco è avvenuto a Muqdadiya, nella provincia di Diyala, circa 80 chilometri a nord-est di Baghdad. L'esplosione ha anche provocato una quarantina di feriti.

Casa Bianca, 'Trump preoccupa' Portavoce Obama, crea allarme in altri Paesi. CERTO, CHE CREA DELLE PREOCCUPAZIONI NEI MASSONI DEGLI ALTRI PAESI, DUBITO IO, CHE VOI ABBIATE UN MINIMO DI RISPETTO PER LA VERA VOCE DEI POPOLI! E IL VOSTRO PROBLEMA è SOLTANTO QUELLO CHE, DONAD TRUMP NON HA PRESO I SOLDI, CHE QUELLA CORROTTA DI HILLARY CLINTON HA PRESO! NEW YORK, 29 FEB - Donald Trump suscita "preoccupazione e allarme" anche al di fuori degli Stati Uniti. Queste, alla vigilia del Super Tuesday, le parole del portavoce della Casa Bianca, Josh Earnest, che ha ribadito come per Barack Obama "Trump non diventerà mai presidente". Quello che dice il tycoon - ha aggiunto il portavoce - "e' chiaro che ha un impatto sulla reputazione del nostro Paese".

Siria: ong, nuovi raid turchi su curdi [ COME RAID TURCHI? LA TURCHIA DI ERDOGAN VIVE NEL DISPREZZO DELLA COMUNITà INTERNAZIONALE ] è Colpite postazioni nella provincia di Raqqa BEIRUT, 29 FEB - Nuovi bombardamenti dell'artiglieria turca sulle milizie curde dell'Ypg in Siria sono segnalate oggi dall'Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus). Secondo l'organizzazione, che ha sede in Gran Bretagna ma conta su una vasta rete di informatori in Siria, sono state colpite postazioni nella provincia di Raqqa, in particolare nella cittadina di Tal Abyad, sul confine con la Turchia, e quella di Monbahteh.

nel fare i genocidi? I TURCHI SONO I MIGLIORI! ISTANBUL, 29 FEB - Una delegazione di deputati ed esponenti curdi, di cui fa parte anche il leader del partito Hdp, Selahattin Demirtas, ha iniziato questo pomeriggio un sit-in nel 'Centro culturale Dicle Firat' di Sur, centro storico di Diyarbakir nel sud-est della Turchia, per protestare contro il coprifuoco totale nella città, giunto oggi al 90esimo giorno, che è stato imposto nell'ambito del conflitto tra Ankara e il Pkk. Il gruppo ha in programma di proseguire il sit-in insieme alle famiglie degli abitanti del posto - alcuni dei quali sono rimasti intrappolati tra gli scontri - fino a mercoledì, quando è prevista una marcia pacifista fino alla zona 'vietata' per chiedere la fine delle ostilità. La scorsa settimana l'Hdp aveva lanciato un appello alla comunità internazionale per fare pressione sul governo turco per "togliere il coprifuoco, anche se temporaneamente, per permettere un trasferimento sicuro" di circa 200 civili intrappolati, tra cui diversi bambini, "al di fuori della zona di conflitto".

preghiamo per tutte le persone che muoiono ingiustamente, e prematuramente: dai minatori russi, a tutti coloro che muoiono per incidenti, in tutto il mondo: LA NOSTRA COMPASSIONE ACCOMPAGNI QUESTI NOSTRI FRATELLI DAVANTI AL TRONO DI DIO! Eterno riposo dona loro o Signore JHWH holy, fai splendere tu, su di loro: la luce della consolazione e della felicità, concedi loro il premio delle loro fatiche e delle loro speranze, la tua grazia come un oceano sommerga le colpe dei loro peccati, e la tua consolazione sia anche con loro e con le loro famiglie, amen!

la maledizione dei salafiti sauditi, si è abbattuta sulla LEGA ARABA, e su tutto il genere umano, al punto tale che, soltanto Unius REI potrebbe salvare questa situazione, da una rovina definitiva e senza speranza!

QUESTA MUSULMANA PAZZA, PIENA DI ODIO è DIVENTATA IL SIMBOLO DELLA LEGA ARABA SHARIA E IL SIMBOLO DELL'ISLAM! ERA LA TATA, CHE HA DECAPITATO IL SUO BAMBINO ED HA APPICCATO IL FUOCO ALL'APPARTAMENTO! ADESSO CHIAMATE ABU MAZEN A GIUSTIFICARLA! ] [  29.02.2016) A Mosca è stata arrestata una donna alla stazione della metropolitana sospettata dell’uccisione di un bambino, il cui corpo decapitato è stato scoperto dopo l’incendio di un appartamento nella zona nord-ovest della capitale. Lo ha comunicato il portavoce ufficiale del Comitato investigativo di Mosca, Yuliya Ivanova, all’agenzia “Moskva”. "Nella zona della fermata della metropolitana Oktyabr'skoe pole è stata arrestata una donna con il sospetto di aver ucciso un bambino, di cui era tata" ha detto Ivanova. Secondo il canale televisivo REN TV, la donna in hijab era in possesso della testa mozzata del bambino e minacciava di farsi esplodere: http://it.sputniknews.com/mondo/20160229/2184224/arresto-donna-mosca.html#ixzz41ZuPNmcS

il problema della LEGA ARABA SHARIA, è SEMPLICE! loro non possono prendere il loro mondo: ALLAH AKABAR, per portarselo su di un altro pianeta: QUINDI, o loro uccideranno tutti noi, o noi uccideremo tutti loro! ORMAI ISLAMICI, GENDER DARWIN FARISEI SPA FED, NWO CIA, LORO SONO DIVENTATI GLI ALIENI PREDATORI E NOI LE LORO VITTIME IN QUESTO PIANETA!

la maledizione di Allah Akbar e del suo falso profeta: Maometto il cancro dell'inferno! ] questa è una religione islamica corrotta: dal nazismo sharia di dogmatici assassini seriali: sotto egida ONU Bildenberg: tutto il demone di religione Mecca Caaba: dove il loro verme non muore e dove il loro fuoco non si consuma! MOGADISCIO: 28 febbraio 2016 [ Un duplice attentato in Somalia ha causato oggi la morte di 13 persone e il ferimento di almeno altre 20. Lo riferiscono fonti di polizia. Gli attacchi si sono verificati a Baidoa, città a nord est di Mogadiscio: entrambi gli attentati hanno colpito due ristoranti. Il primo ristorante è stato colpito da un'autobomba, il secondo, situato nelle vicinanze, da un kamikaze. Entrambi i ristoranti sono centrali e frequentati da impiegati e residenti. Gli attacchi, secondo quanto riportano media locali, sono stati rivendicati dal gruppo islamista somalo di al Shabaab.

la maledizione di Allah Akbar e del suo falso profeta! ] questa è una religione islamica corrotta: dal nazismo sharia di dogmatici assassini seriali: sotto egida ONU Bildenberg!  [ BEIRUT, 29 FEB - Sale a 25 uccisi il bilancio dell'attentato suicida compiuto nel nord-est dell'Iraq contro un raduno di miliziani sciiti che celebravano un funerale di un loro commilitone. Lo riferiscono fonti locali, secondo cui tra i morti nell'attacco di Muqdadiya, nella regione nord-orientale di Diyala, c'è anche Diya Ghazal Tamimi, capo di una delle milizie filo-iraniane accusate di crimini commessi contro la comunità sunnita locale.

3WW nuclear ] quando le truppe della NATO invaderano la RUSSIA, poi, le atomiche tattiche: da utilizzare nei territori dell'aggressore, diventeranno legali sul piano della difesa strategica, E SUL PIANO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE. La RUSSIA DEVE PREPARSI AD UNA GUERRA DI CONTENIMENTO DELLA AGGRESSIONE DELLA NATO: SUL FRONTE EUROPEO: sia, CON LE STRUTTURE SOTTERRANEE, che con le ARMI SEGRETE!!

shalom salam R:رد:salam رد:salam كويتي بحق ! ياصديقي انا رجل لا يوجد كلنا واحد الغني والفقير واحد عند الله من الممكن Inviato a: az99920 my big friend e brother in Kuweit
Re Israele Kingdom Universal Unius REI

SALMAN Sharia HITLER ] voi umani, siete incastrati nei poteri satanici del NWO, e certo, senza di me, voi non potrete mai uscire da questa trappola mortale ]
 [ 666 NWO CIA canniballs Synnek1 youtube master [ I see: under the influence of occult powers? Exclusionary Power? why? ] ANSWER [ KingxKingdom [ all your technology, and his occult power, is not a problem for the Kingdom of God, that I represent!
Synnek1 [ very good my friend...>;-)
Re Israele Kingdom Universal Unius REI

SALMAN Sharia HITLER ] in realtà, nessuno dovrebbe errare o andare in confusione, circa, la funzione politica: di Unius REI, io sono soltanto un giudice di pace, un mediatore: per coloro che: sono tutti "uomini di buona volontà", che, loro cercano la pace!
Re Israele Kingdom Universal Unius REI

SALMAN Sharia HITLER ] ovviamente, a tradimento, falsi cristiani, e islamici, e sacerdoti di satana DEL NWO, I MASSONI, FARISEI SPA FED, hanno caricato i video del martirio dei cristiani, ed hanno fatto chiudere per copyright molti miei canali di youtube: TUTTI CANALI CHE MI SONO COSTATI TANTI SACRIFICI! TUTTI LORO BRUCERANNO NEL GIORNO DEL GIUDIZIO UNIVERSALE! Perché i farisei hanno fatto tutte le leggi per far cadere nella loro trappola i popoli innocenti! e così ogni perversione sessule, e ogni ingiustizia, crimine, ipocrisia menzogna, corruzione: ecc.. cinismo, malvagità, egoismi, e ogni peccato, si sono diffusi per tutto il mondo!
Re Israele Kingdom Universal Unius REI

Dirty Game: Imported Mercenaries https://www.youtube.com/watch?v=uq7cX6M0Rn4
Re Israele Kingdom Universal Unius REI
 (modificato)
Assad Adviser: West’s “Moderate Rebels” are the “only opposition in the world who are agents of foreign countries” ] diciamo agents of foreign countries al 80% ! [ OVVIAMENTE, QUESTO è SOLTANTO UN LATO DELLA VERITà, ED è IN SE, UNA VERITà PARZIALE: di un problema irrisolto all'interno dell'ISLAm dogmatico, dei salafiti, che non ha maturato concetti di convivenza pacifica, o concetti di tolleranza e libertà di religione. QUELLO CHE SI STA FACENDO CONTRO IL POPOLO SIRIANO, è UNA GUERRA di invasione, con truppe di terroristi islamici che nulla hanno in comune con le rivendicazioni del popolo siriano: è tutta GEOPOLITICA, PER LA CONQUISTA DEL MONDO. Ma che, le false democrazie massoniche, senza sovranità monetaria, di un regime bildenberg siano diventate: il supporto dei salafiti nazisti assassini seriali? questo può essere l'assurdo dell'assurdo, più assurdo!
Re Israele Kingdom Universal Unius REI

MA TUTTO QUESTO, PUò AVERE UN SIGNIFICATO, SOLTANTO PER SOSTENITORI SATANA! BAGHDAD, 29 FEB - E' salito a 73 il bilancio delle vittime del duplice attentato suicida di ieri in un mercato di Sadr City, il distretto sciita della capitale irachena Baghdad. Lo hanno reso noto funzionari iracheni.
Re Israele Kingdom Universal Unius REI

Assad Adviser: West’s “Moderate Rebels” are the “only opposition in the world who are agents of foreign countries”
globalresearch.ca http://www.globalresearch.ca/assad-adviser-wests-moderate-rebels-are-the-only-opposition-in-the-world-who-are-agents-of-foreign-countries/5510527
Re Israele Kingdom Universal Unius REI

SALMAN HITLER Sharia ] come puoi notare sul mio profilo, io ho messo la immagine della CUPOLA DELLA ROCCIA, perché io sono un costruttore e non voglio essere costretto a demolire nulla! Ed ovviamente, io sono il Governatore del Regno di Dio con poteri legislativi, e io non sono un profeta che porta la volontà di Dio: perché Dio si fida di noi! Quindi, tutto quello che la volontà fraterna degli uomini, in comunione con me, riterrà più giusto di fare, questo sarà ratificato, sia in terra come in cielo! INFATTI DIO HA ESPESSO GIà LA SUA VOLONTà NEL LIBRO DELL'UNIVERSO: LA LEGGE NATURALE E LA LEGGE UNIVERSALE!
Re Israele Kingdom Universal Unius REI

SALMAN Sharia ] non sono un fanatico intollerante, anzi io sono molto conciliativo, perché, io credo nel libero arbitrio di tutte le persone. Quindi, va tutto bene con me, finché qualcuno non viola il libero arbitrio di un altra onesta persona, e poiché, io rappresento, in forma politica, il Regno di Dio JHWH, che è il Regno terrestre di ISRAELE, io tutto quello che ritengo giusto vero e onesto: io ho la autorità, giurisdizione e sovranità politica universale: PER POTERLO PRETENDERE DA TUTTI! e questa è una minaccia, per tutti coloro che, in questo pianeta, si voglio dissociare dal mio Spirito SANTO, che è la fratellanza universale, fondata sul fondamento razionale agnostico teocratico laico, della legga Naturale e della Legge Universale: che non sono un dato religioso dogmatico, che ma che sono, al contrario: un dato naturale oggettivo e razionale: incontestabile! UN PRINCIPIO INVIOLABILE PER LA CIVILTà E LA SOPRAVVIVENZA DEL GENERE UMANO: LA METAFISICA.
Re Israele Kingdom Universal Unius REI

SALMAN Sharia ] Questo mio amico SEDEVACANTISTA, INGIUSTAMENTE, lui ritiene eretica la Chiesa CATTOLICA, ma, che c'è qualcosa di strano nella Chiesa Cattolica in riferimento: ALLA ERESIA DEL MODERNISMO, e ALLA ERESIA MASSONICA, CENTINAIA DI VOLTE CONDANNATA IN PASSATO ma, SOTTACIUTA AL PRESENTE, tutta una DERIVA SECOLARE IMMANENTE (che come dice Gesù: "il sale che perde il suo sapore, poi, serve soltanto, ad essere calpestato dagli uomini"), cioè, circa la negazione dalle sue radici più trascendenti: QUESTO è QUALCOSA CHE TUTTI POSSONO OSSERVARE! Anche perché se la Chiesa faceva al meglio, il suo lavoro, la MADRE di Dio (Maria di Nazareth) non avrebbe avuto bisogno di apparire, continuamente, in questi ultimi due secoli!
vaticanocatolico.com "CustodeDellaFede, "Cattolico Tradizionalista" Sedevacantista, "Il Testo Canonico https://www.youtube.com/user/laveradottrina/discussion TUTTAVIA, QUESTA ESPERIENZA delirante: IN YOUTUBE DI UN SEDEVACANTISTA, COME LUI, CI HA FATTO CAPIRE QUANTO PUò ESSERE PERICOLOSO SUL PIANO POLITICO E SOCIALE, UN QUALSIASI DOGMATICO TESTA DI CAZZO DI ISLAMICO COME TE.
Re Israele Kingdom Universal Unius REI

SALMAN Sharia ] cosa è allora, questo regno: REAME: dei Sacerdoti di Satana, SpA Banche CENTRALI CIA NATO, perché, per la morte: OMICIDIO, di https://www.youtube.com/user/MarlaMarleen/discussion 187AudioHostem ha detto: "TU NON AVRESTI MAI DOVUTO MANDARLA NEL MIO REAME" chi ha dato il reame di Satana, ai Farisei GENDER DARWIN Bildenberg, D'Alema PD, e tutte le teosofie, ideologie, islamiche salafite, tutte create: in chiave: 1. anti Bibbia, 2. anti Israele, e 3. anti Cristiane? è CHIARO PER TUTTI: soltonto, i veri cristiani biblici fondamentalisti e soltanto un Regno di ISRAELE potrebbero fermare tutto questo satanismo sul mondo! Ecco perché, SE tu NON LO FAI, con me, questo Regno di ISRAELE, certo, ANCHE I TUOI NIPOTI DOVRANNO DIRE: "LUCIFERO è DIO"
Re Israele Kingdom Universal Unius REI

SALMAN Sharia ] così, questo cattolico SEDEVACANTISTA, un agente sciita dei servizi segreti Siria IRAN (che per anni ha fatto finta di essere un cristiano), e 4 sacerdoti di satana (due americani con la tecnologia aliena, e due europei: un tedesco ed un italiano di Napoli): sulla PAGINA di https://www.youtube.com/user/YouTube/discussion erano tutti alleati contro di me, MA, IL FATTO CHE, IO SONO UN CRISTIANO, QUESTO NON VUOL DIRE CHE, IO SONO PREPARATO AL MARTIRIO, anche perché la mia natura ebraica si ribella a tutto questo, ECCO PERCHé, LO SPIRITO SANTO HA FATTO DI TUTTI LORO UN SOLO SPETTACOLO PER IL MANICOMIO!
Re Israele Kingdom Universal Unius REI

SALMAN Sharia ] in realtà, io ho associato un giovane MEDICO al mio ministero, ed insieme a lui, noi abbiamo terrorizzato il NWO: proprio per bene! MA lui era un neofita, senza esperienza, e senza umiltà e ubbidienza nei miei confronti, e avendo visto uno scollamento ed un tradimento totale del Vaticano II, contro il Concilio di TRENTO, lui ha pensato, che, il Papa era un eretico (ed invece lui non è ancora un eretico), e quindi è diventato un SEDEVACANTISTA ed ha cominciato a fare il mio nemico sulla pagina di YOUTUBE https://www.youtube.com/user/YouTube/discussion , e così sono stati portati alla follia tutti i sacerdoti di satana sulla pagina di youtube: insieme a lui, infatti, anche lui ha perso l'equilibrio mentale, ed è dovuto uscire da youtube anche lui: anche perché come medico, lui aveva capito subito: di avere perso l'equilibrio mentale!
Re Israele Kingdom Universal Unius REI

SALMAN Sharia ] DUE DONNE ECCEZIONALI, due amiche: casualmente cattoliche, MI SONO STATE UCCISE IN YOUTUBE: cioè, una tedesca, ed una asiatica, NON è CHE, IO LE ABBIA ASSOCIATE AL MIO MINISTERO, perché è improbabile che qualcuno abbia la mia maturità spirituale, per poter essere associato al mio ministero! LORO HANNO FATTO SOLTANTO LE MIE AMICHE, COSì SPONTANEAMENTE, e PER ESSERE STATE UCCISE? è BASTATO PER LORO AVER DIMOSTRATO DI ESSERE LE MIE AMICHE: perché i sacerdoti di satana non trovando in loro, la mia perfezione e coerenza di fede e di opere, le hanno uccise!
Re Israele Kingdom Universal Unius REI

SALMAN Sharia ] COSì, ovunque arriva la NATO, CIA e SpA BANCHE Centrali, arriva anche, il potere di un Governo Mondiale: esoterico, parallelo occulto: che sono gli omosessuali regime Sodoma, e cannibali sacerdoti di satana. In questo modo, coloro che, sono i Figli di Dio (come me), che vogliono mettere in discussione questo potere demoniaco MONDIALE dei ENLIGHTENED Farisei: se, commettono qualche errore, loro fanno sempre una brutta fine: perché "Satana non dimentica, non perdona: lui è una legione di demoni islamici e farisei" ECCO PERCHé, I CODARDI SI INSCRIVONO AL PD, AI PARTITI DI SINISTRA, PER FARE I GAY GIULIVI, E PER NON ESSERE ATTACCATI DAI SATANA: che, ovviamente e sovranamente odiano ISRAELE e i cristiani e tutti i veri servi di Dio, anche Musulmani ovviamente! CIOè, LORO ODIANO TUTTO QUELLO CHE IO AMO!
Re Israele Kingdom Universal Unius REI

SALMAN Sharia ] è se: tu non eri un bastardo con le corna: alte due chilometri, e la Regina ELISABETTA, di Inghilterra UK, non era Gezabele second? POI, I FARISEI AVREBBERO UCCISO ANCHE VOI, COME HANNO UCCISO TUTTE LE MONARCHIE, perché, è impossibile rubare il signoraggio bancario e schiavizzare i popoli, se esistono monarchie teocratiche nel mondo! INFATTI, IN IRAN E COREA DEL NORD: NON PAGANO IL SIGNORAGGIO BANCARIO: AI FARISEI, ED ECCO PERCHé, DEVONO ESSERE UCCISI, DISTRUTTI, ANNIENTATI anche loro AL PIù PRESTO! Ora tu dimmi, come io possono difendere queste Nazioni, dove si fa del male ai martiri cristiani?
Re Israele Kingdom Universal Unius REI

SALMAN ] [ in tutta la PUGLIA c'è un solo ISPETTORE, e guarda caso, sta nella mia scuola: in questi giorni MATHESIS, è vero, che, il mio Dirigente è una donna ECCEZIONALE, ma, è anche vero che, lui non aveva bisogno di guardarmi con intensità per qualche frazione di secondo! ] nel NWO comandano i Farisei, ENLIGHTENED INVISIBILI, RABBINI,TALMUD 666 KABBALah, SpA FED, SpA FMI, ma, i gestori sono i sacerdoti di satana, I CANNIBALI della CIA, ed ovunque arriva: la Banca Mondiale sPa, POI, arrivano anche loro, con il loro Dominio o Reame! ma, COSA POSSONO FARE I NOSTRI POLITICI: Obama, Merkel, ecc.. CHE SONO COSì INSIGNIFICANTI, E MINUSCOLI, CONTRO I SACERDOTI DI SATANA? nulla! non POSSONO FARE NULLA!
Re Israele Kingdom Universal Unius REI

io sono LORENZO SCAROLA, questa è la mia mail lorenzo_scarola@fastwebnet.it ED IO SONO IL PROGETTO POLITICO per dare un RE ad ISRAELE ed a tutto il Medio Oriente: si è vero c'è SALMAN ma lui è cattivo ed ha bisogno di me per sopravvivere, ed ovviamente, se io sono un politico razionale: agnostico: io non posso essere un uomo religioso, mistico, profeta, carismatico ecc.. e se succedono cose strane: è tutta colpa dei miei ministri angeli ed io non ne so niente, perché, come io ho già detto io sono un agnostico razionale teocratico laico!
Re Israele Kingdom Universal Unius REI

Rothschild 666 ] ciao [ l'ultima volta che, io ho fatto un canale youtube, con la ICONA: vera foto del mio volto? TU ME LO HAI FATTO DISTRUGGERE! ora non ti permettere più!
Rothschild 666 ] ciao [ se, tu credi di essere migliore di me a governare il Genere Umano, per sederti sul tuo trono Satana in Gerusalemme: abominio della desolazione nel Tempio Ebraico? tu me lo devi dimostrare!
===========================
SE CI VOLETE CAMBIARE? VOI CI STATE PORTANDO A LUCIFERO! [ come il FILOSOFO ENLIGHTENED SPA FED FARISEI TALMUD KABBALAH, 666 MARDUK BAAL JABULLON: MINISTRO DELLA DIFESA PINOTTI, giustifica filosoficamente gli orrori islamici della Arabia SAUDITA? ] è da questo articolo, che, oggi, il 26-02-2016, io ho deciso di ripartire, oggi ] cara Ministro PINOTTI che tipo di società voi Enlightened, sistema massonico: USURA alto tradimento Banche centrali SpA Rothschild Bildenberg, voi avete deciso di costruire in violazione del dettato costituzionale? CERTO SE CI VOLETE CAMBIARE? VOI CI STATE PORTANDO A LUCIFERO! [ lei dice: "la QUESTIONE DELLA LEGALITà DEI CONFLITTI, E NEI CONFLITTI è DA SEMPRE AL CENTRO DEL DIBATTITO POLITICO, FILOSOFICO E DOTTRINALE E TOCCA NEL PROFONDO IL TIPO DI SOCIETà INTERNAZIONALE CHE ALLAH AKBAR INTENDIAMO COSTRUIRE!" sintentizzando significa" "TUTTINCULO AI MARTIRI CRISTIANI IN TUTTO IL MONDO!" [ La Notizia di Manlio Dinucci - Allarme nucleare: l’Arabia Saudita ha la Bomba, PandoraTV https://youtu.be/g5gDH_RgX2k Pubblicato il 23 feb 2016. Allarme nucleare: l’Arabia Saudita ha la Bomba e noi forniamo i bombardieri

dear Takfir Salman Erdogan sharia ] se voi non state andando al nostro Lucifero, poi, come avete progettato di ucciderlo? [ SE CI VOLETE CAMBIARE? VOI CI STATE PORTANDO A LUCIFERO! ] come il TRADITORE, FILOSOFO MINISTRA DELLA DIFESA PINOTTI, CI PUò COSTRINGERE A PAGARE IL SIGNORAGGIO BANCARIO a ROTHSCHILD SpA Banche CENTRALI ? CON UN PRELIEVO FISCALE DEL 70%, E CON UN COSTO DEL DENARO PARI AL 270%, del suo valore, (FONTE SCIENZIATO GIACINTO Auriti) [ CONFLITTI è DA SEMPRE AL CENTRO DEL DIBATTITO POLITICO, FILOSOFICO E DOTTRINALE E TOCCA NEL PROFONDO IL TIPO DI SOCIETà INTERNAZIONALE CHE ALLAH AKBAR INTENDIAMO COSTRUIRE!" sintentizzando significa" "TUTTINCULO AI MARTIRI CRISTIANI, IN TUTTO IL MONDO!" [ La Notizia di Manlio Dinucci - Allarme nucleare: l’Arabia Saudita ha la Bomba, PandoraTV https://youtu.be/g5gDH_RgX2k Pubblicato

in USA CIA NATO, hanno bevuto il sangue umano sull'altare di satana ed hanno preso il virus della mucca pazza nel cervello! QUESTI SONO MALATI! Breedlove shock: se necessario USA pronti a guerra e vittoria con Russia in Europa, 25.02.2016 Le forze armate statunitensi in Europa sono pronte a "combattere e sconfiggere" la Russia, se necessario, ha dichiarato il comandante supremo delle forze alleate della NATO in Europa, il generale statunitense Philip Breedlove. "Siamo pronti, se necessario, a combattere e vincere," — ha detto Breedlove durante un'udienza della commissione Forze Armate della Camera dei Rappresentanti, in cui vengono discusse le misure contro "l'aggressione russa" in Europa, segnala "RIA Novosti". Ha inoltre detto che la Russia "ha scelto di diventare nemico" degli Stati Uniti e dell'Alleanza Atlantica e minaccia l'Europa. Intervenendo nella commissione delle Forze Armate degli Stati Uniti della Camera dei Rappresentanti, ha accusato la Russia di cercare di "riscrivere le regole" delle relazioni sulla scena internazionale. La Russia considera gli Stati Uniti e la NATO "vincoli alle sue aspirazioni egemoni", ritiene Breedlove, che comanda le forze armate americane in Europa: http://it.sputniknews.com/mondo/20160225/2168203/NATO-geopolitica-difesa.html#ixzz41CkjQrTn 666 Breed love CIA USA SpA ] UN branco di coglioni, cioè di Farisei: le bagasce! [ in USA CIA NATO, hanno bevuto il sangue umano sull'altare di satana ed hanno preso il virus della mucca pazza nel cervello! QUESTI SONO MALATI! Breedlove shock: "se necessario USA pronti a guerra e vittoria contro Russia in Europa" [ 666 Breed love to all: Bank of America, Citigroup, Goldman Sachs, Jp Morgan CHsae, Morgan Stanley, SPA, BANCHE CENTRALI, SINAGOGA DI SATANA

Bank of America, Citigroup, Goldman Sachs, Jp Morgan CHsae e Morgan Stanley: SPA BANCHE CENTRALI LA SINAGOGA DI SATANA? se loro non brucciassero bene all'INFERNO? le anime maledette e disperate tra di loro non si potrebbero vedere! MA, ANCHE QUESTA è UNA SCELTA POLITICA, C'è CHI HA SCELTO DI PRENDERE TUTTO ORA, PER METTERLA IN CULO A TUTTI E A TUTTO, E POI, HA RINUNCIATO ALLA VITA ETERNA! Eppure i loro parenti vengono a supplicarmi, che, loro SPA FMI, loro figli vendano la loro maledetta proprietà a me, perché non vogliono essere disintegrati nel giorno del giudizio universale!
NATO attacca RUSSIA

Bank of America, Citigroup, Goldman Sachs, Jp Morgan CHsae e Morgan Stanley: SPA BANCHE CENTRALI LA SINAGOGA DI SATANA: I CANNIBALI? cioè, tutti i miei ebrei apostati traditori, occhio di Lucifero: piramide massonica, tutti gli ASSASSINI di ISRAELE? LORO SONO i miei sudditi, ed io li conosco tutti personalmente: e conosco bene fin dove si può spingere il loro satanismo e crudeltà: sono dei contenitori demoniaci: la spazzatura dell'inferno! TU IN MEZZO ALLA LORO MAFIA? TU NON PUOI ENTRARE! HILLARY CLINTON TUTTE LE MATTINE, LEI PORTA IL CAFFE A LETTO A TUTTI QUANTI LORO!
NATO attacca RUSSIA

QUESTA è LA IPOCRISIA dei Farisei: COME SE OBAMA L'ATTORE GENDER A HOLLYWOOD SODOMA, PER I GOYIM SCIMMIE SCHIAVI DEL TALMUD, LUI PUò COMANDARE LE BANCHE SPA FMI, E NON è INVECE IL CONTRARIO! QUINDI IL FMI SpA NWO 666 il GUFO marduck dio Mardoch: DEVE ESSERE DISTRUTTO IMMEDIATAMENTE, SE PENSATE CHE I POPOLI SI DEBBANO SALVARE? VENDETE DOLLARI E COMPRATE MONETA CINESE! NEW YORK, 25 FEB - Monito dell'amministrazione Obama alle banche regine di Wall Street: comprare titoli russi indebolisce le sanzioni internazionali verso Mosca e va contro la politica estera degli Stati Uniti. Il messaggio - come scrive il Wall Street Journal - e' stato inviato forte e chiaro a gruppi come Bank of America, Citigroup, Goldman Sachs, Jp Morgan CHsae e Morgan Stanley. E arriva nel momento in cui la Russia si appresta a emettere obbligazioni rivolte ai mercati stranieri per almeno 3 miliardi di dollari.
NATO attacca RUSSIA

ma, se non volete radere al suolo l'IRAN, per amore di ISRAELE, PERCHé SIETE I GAY CHE ODIANO Benyamin Netanyahu? OK! almeno uccidete IRAN per amore di: I versi satanici (nell'originale inglese, The Satanic Verses) è un romanzo scritto da Salman Rushdie! CHE è VERO CHE SONO VERSETTI SATANICI: PER QUANTE PERSONE INNOCENTI IL CORANO SHARIA HA UCCISO? NESSUNO LO HA FATTO NEANCHE IL COMUNISMO! TEL AVIV, 25 FEB - Il premier israeliano Benyamin Netanyahu ha condannato l'annuncio attribuito all'ambasciatore dell'Iran in Libano Mohammad Fateh Ali che, secondo quanto riportato dai media israeliani, Teheran intenderebbe finanziare le famiglie dei palestinesi responsabili di attacchi o le cui case sono state distrutte in conseguenza delle loro azioni. "Questo dimostra che l'Iran anche dopo l'accordo sul nucleare - ha detto il premier, citato dai media, nell'incontro con l'omologo bulgaro Bokyo Borissov - sta continuando ad aiutare il terrorismo, incluso quello palestinese, quello degli hezbollah e l'assistenza ad Hamas" "Questo - ha aggiunto - è qualcosa nei confronti del quale le nazioni del mondo devono prendere posizione, condannare e aiutare Israele, e naturalmente gli altri paesi, a respingere". Netanyahu è poi tornato ad accusare l'Autorità nazionale palestinese e il suo sistema da cui "deriva il terrorismo di chi brandisce coltelli".
NATO attacca RUSSIA

ovviamente Donald TRUMP è il candidato dei Figli di Dio! QUESTI SONO TEMI DELIRANTI: di una società corrotta dall'ANTICRISTO, COME SE LA VIOLENZA LA PORTANO LE ARMI E NON LA LORO CULTURA DELLE CHIESE DI SATANA, E A SODOMA, DOVE SI FACEVANO GLI STESSI DELITTI: LA PORNOCRAZIA, La USURA BANCARIA Spa horror halloween le streghe: cose pazze! DELITTO DI ALTO TRADIMENTO BANCHE CENTRALI: SIGNORAGGIO BANCARIO TRUFFA.. GLI USA SONO TUTTO UN SATANISMO sociale istituzionale: la peggiore corruzione morale e massonica sul mondo! e che dire di come hanno coltivato i nazisti sharia islamici in tutta la LEGA ARABA! ovviamente Donald TRUMP è il candidato dei Figli di Dio! "Vi scrivo per un caso che mi sta a cuore: eleggere Hillary presidente e sostenere i democratici" si legge nell'email firmata Wintour e inviata ai sostenitori democratici. "Sono impegnata a vedere una donna alla Casa Bianca, ma Hillary non e' solo una donna. E' brillante e decisa, e' un candidato in cui credo su temi come la prevenzione della violenza con le armi da fuoco e i diritti dei gay. Non c'e' nessuno meglio preparato di Hillary a proteggere a far aumentare l'eredita' del presidente Obama" spiega Wintour.
NATO attacca RUSSIA

IN QUESTI ULTIMI 5 SECOLI, MALEFICATI DALLA PIRAMIDE MASSONICA dei farisei Enlightened, SONO STATE fatte, TANTE STRAGI, CHE, I FARISEI massoni: HANNO FATTO FARE AI DaNNI DI TUTTI I POPOLI.. e incredibilmente, non sono mai stati uccisi così tanti ebrei, come sotto il loro governo mondiale: spa Banche cEntrali! ] il SECOLO DEI MARTIRI! TUTTO QUELLO CHE I FARISEI FANNO LO FANNO IN ODIO A CRISTO E IN ODIO AD ISRAELE: PERCHé CORANO, ISLAMICI, COMUNISMO, NAZISMO, ECC.. ECC.. SONO I FRUTTI VELENOSI DEL TALMUD! [ Inserire in un qualsiasi motore di ricerca: martiri, cristiani, islam, oppure, martiri, cristiani, comunismo, http://web.tiscali.it/martiri
Adesso leggete documenti per un anno e affogate nel sangue di 45.000.000 di innocenti martiri cristiani uccisi in appena 100 anni. Riguardo alle vittime del comunismo, anche se un calcolo preciso non si può fare ancora perchè gli archivi non sono accessibili, sono a mio parere intorno ai 200 milioni.
NATO attacca RUSSIA

andate tranquilli, voi potrete trovare molte notizie di islamici che sono menzognere e calunnie, ma, non troverete mai una notizia di organo ufficiale di ISRAELE che non sia attendibile! ] SEMPLICE PER ISRAELE LA VERITà è UN ARMA! [ Photography site LensCulture published a biased photo essay by photographer Antonio Faccilongo, which falsely portrays Palestinian women living alone as victims of Israel’s policies, when in fact the husband or father was most likely arrested for criminal or terror related activity. Protest this anti-Israel bias! aACT NOW! Protest to ‘LensCulture’ Over its Biased Photo Essay. A photo essay on LensCulture by Antonio Faccilongo, a freelance photojournalist based in Rome, Italy, offers a biased look at Palestinian women living alone while their husbands remain imprisoned in Israel. The site offers no context, makes no mention of Palestinian terrorism and attempts to pull at the reader’s heartstrings by misrepresenting the reason these women live alone. In fact, there are so many Israeli women now living alone because of terrorists – likely some of them the arrested Palestinians – who killed their spouses and orphaned their children. In a description of his photo essay, Faccilongo writes, “One of the dramas involving the Palestinian people, in addition to the difficult socio-political situation, is that a very large number of their men are in Israeli prisons. But what, then, can we say about the struggle of the women left behind? I sought to respond to this question in my work “(Single) Women,” which tells the story of the mothers, wives and daughters of Palestinian political prisoners held in Israeli detainment. Waiting for the return of their men, these women struggle to support their families, both economically and emotionally, often finding themselves with many children to raise. I was intrigued by how the lives of these women are suspended as they wait and wait…and wait…”Faccilongo attempts to portray these women as suffering in a refugee camp when in fact the photos show most of them sitting in opulent, luxurious surroundings. Some women are described as living in Palestine, which is a non-existing country. Faccilongo also writes that the men are “political prisoners” which is a flat-out lie. Israel does not have political prisoners. Israel arrests terrorists and criminals and those involved in terror- or criminal-related activity. Protest this ridiculously biased photo essay, which should never have been considered by LensCulture as “great contemporary portraiture.”
http://unitedwithisrael.org/act-now-protest-to-lensculture-over-its-biased-photo-essay/
NATO attacca RUSSIA

CIRCA le PROVOCAZIONI, DEVONO ESSERE SALMAN ED ERDOGAN AD ORDINARE, ai loro terroristi jihadisti di NON FARLE: e questo mi sembra non credibile! QUINDI CHI FA PrOVOCAZIONI SARà MACELLATO INSIEME AD ISIS. 25.02.2016, La Federazione Russa ritiene importante non interrompere il lavoro sull'implementazione della dichiarazione congiunta in merito alla tregua in Siria; Mosca spera che non ci saranno provocazioni, ha dichiarato la portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova. "Penso che sia importante non far saltare questo lavoro collettivo che, sottolineo ancora una volta, è appena iniziato. Ci basiamo sul fatto che non ci siano azioni provocatorie, ma non sono poche, ogni volta vediamo che quando parte un meccanismo, purtroppo, si susseguono provocazioni l'una dietro l'altra, ci auguriamo che nessuna provocazione rompa questo processo", — ha detto in una conferenza stampa oggi la Zakharova, segnala "RIA Novosti": http://it.sputniknews.com/politica/20160225/2166761/Zakharova-diplomazia-USA.html#ixzz41BoHdgOG
NATO attacca RUSSIA

DITE QUESTO soltanto PERCHé, è OCCULTO IL PATRIMONIO DEI FARISEI SPA BANCHE CENTRALI: dato CHE, all'atto del signoraggio bancario: il 100% della massa monetaria mondiale: finisce a nero: sparisce: diventa invisibile! INVENTANO IL DENARO DAL NULLA, LO METTONO IN PASSIVO DI BILANCIO: E COSì QUANDO PRENDONO I TITOLI DI STATO: CHIUDONO, sempre, IL BILANCO A ZERO: e poi, vanno nei paradisi fiscali isole Kaiman a spendere! E' Pechino la nuova capitale mondiale dei paperoni, batte New York, 100 miliardari in più, contro 95 Big Apple
NATO attacca RUSSIA

ERDOGAN TAKFIR SALMAN ] proprio come dite voi: l'inferno è il luogo adatto per portare addosso la vostra vergogna! [STUPRI IN NOME DI ALLAH, stupri religiosi come arma di dissuasione all'apostasia dal CRISTIANESIMO, ecc... MARTIRI CRISTIANI: Quella persecuzione senza fine di ANDREA T0RNIELLI ] Il Giornale, 21-04-02 raccontato da Mary Ajak Kuel Kout, quattordicenne sudanese, cattolica, rapita dalle milizie musulmane e ridotta in schiavitù per sei anni. Stuprata, sottoposta all’infibulazione e a mille violenze da parte del suo "padrone", costretta a frequentare la scuola coranica e a convertirsi all’Islam, è stata liberata dall’organizzazione umanitaria svizzera "Christian Solidarity International": "Io -ha detto nel genn“Si calcola - scrive nella prefazione al libro Ernesto Galli della Loggia - che siano circa 160 mila le persone che ogni anno trovano la morte per la loro fede. Inutile aggiungere che molti di più sono i perseguitati, coloro che subiscono restrizioni della loro libertà religiosa: che non possono aprire una chiesa, assistere a una funzione religiosa pubblica, stampare i testi della propria fede. Insomma - osserva ancora il professore - il Novecento appare davvero il "secolo del martirio". Un martirio di cui proprio la nostra cultura ha scarsa memoria e consapevolezza. http://web.tiscali.it/martirio 2000 - credo in Gesù. Sono veramente felice perché oggi mi avete liberato. Non mi aspettavo una cosa simile.
NATO attacca RUSSIA

ERDOGAN TAKFIR SALMAN ] come, non siete stati voi ad uccidere i cristiani in Sudan? sono forse io la sharia? OCI è la vostra: internazionale del terrorismo: i fratelli musulmani salafiti Ed Egitto, mancava, per un poco, ed ora è entrato anche lui: nella mafia complotto maomettani assassini: genocidio akbar!
NATO attacca RUSSIA

E NON DOBBIAMO DIMENTICARE CHE ANCHE IN SUDAN LA INTERNAZIONALE ISLAMICA DI ERDOGAN TAKFIR E sharia SALMAN: HANNO FATTO quasi, altri 2MILIONI DI MARTIRI CRISTIANI!
NATO attacca RUSSIA

NO FLY ZONE, PER TUTTI GLI AEREI DA E PER LA TURCHIA! LA SICUREZZA I BASTARDI SE LA DEVONO VEDERE NEI LORO CONFINI! La Turchia mette le mani avanti sulla tregua in Siria, 25.02.2016(Il primo ministro turco Ahmet Davutoglu ha detto che il cessate il fuoco in Siria non sarà imprescindibile se sarà minacciata la sicurezza della Turchia, segnala l'agenzia “Reuters”. Il premier turco ha osservato che, se necessario, Ankara intraprenderà "misure appropriate" nei confronti delle milizie curde e dei terroristi del Daesh.
"Ankara è l'unico luogo in cui vengono prese le decisioni in materia di sicurezza della Turchia," — ha sottolineato.
L'accordo sul cessate il fuoco in Siria dovrebbe entrare in vigore alla mezzanotte del 27 febbraio. Correlati:
Erdogan appoggia a denti stretti la tregua in Siria
Lavrov: da USA e suoi alleati appelli per la guerra piuttosto che per la pace in Siria
Accordo tra USA e Russia sul cessate il fuoco in Siria
Militari di USA e Russia determineranno le zone dove non si combatterà in Siria: http://it.sputniknews.com/mondo/20160225/2164447/Curdi-Daesh-Davutoglu-Ankara.html#ixzz41BWTg4av
NATO attacca RUSSIA

SE nasci italiano PECORA SPA BANCHE CENTRALI e finisci che so: in india, Egitto, o in qualsiasi ALTRA parte del mondo? LO PRENDI NEL CULO SENZA PRESERVATIVO! IL PD CI HA DISONORATO!
NATO attacca RUSSIA

L'Italia MASSONICA, colonia degli USA SATANICA SPA REGNO BANCHE CENTRALI TRADIMENTO: SIGNORAGGIO BANCARIO, non farà nulla sulle intercettazioni. Chissà perché alla notizia delle intercettazioni che gli americani facevano sulle telefonate del nostro Presidente del Consiglio mi sono venute alla mente queste due citazioni! .. Leggi tutto: http://it.sputniknews.com/#ixzz41BVKIRyI
NATO attacca RUSSIA

SIRIA UNICA ED INDIVISIBILE: FINO ALLA DISTRUZIONE DEL GENERE UMANO! MOSCA, 25 FEB - "Non c'è e non ci sarà mai" un 'Piano B' sulla Siria: lo ha dichiarato il ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov commentando la possibilità ventilata da John Kerry. Il segretario di Stato Usa, parlando martedì davanti alla commissione Esteri del Senato americano, ha evocato l'ipotesi di una divisione della Siria nel caso di fallimento della tregua, prevista a partire da sabato, o se non ci sarà un effettivo passaggio di poteri a un governo di transizione nel Paese entro i prossimi mesi.
NATO attacca RUSSIA

è indispensabile, distruggere il nucleare iraniano, e far precipitare IRAN dentro le peggiori sanzioni della Storia del genere umano! QUESTI MAOMETTANI LEGA ARABA DEVONO ESSERE CAUSTICATI: TEHERAN, 25 FEB - Grazie a recenti donazioni di alcuni organi di informazione conservatori iraniani, è arrivata a quasi quattro milioni di dollari (circa 3,6 milioni di euro) la ricompensa per chi ucciderà lo scrittore britannico Salman Rusdhie, colpito da una fatwa di Khomeini nel 1989 per il suo libro 'I versi satanici'. Il giornale Kayhan, vicino ai Pasdaran, riferisce la decisione presa nelle scorse settimane di raccogliere altri 600 mila dollari da aggiungere agli oltre 3,3 milioni già versati negli anni passati da varie fondazioni fondamentaliste. La nuova raccolta per la taglia contro Rushdie è stata fatta durante la fiera dei 'Media digitali della Repubblica islamica', avvenuta a inizio mese a Teheran.
NATO attacca RUSSIA

in onore di santa GEZABELE second UK, e del suo 666 scomuniche Chiesa Cattolica, contro, SpA Banca Centrale: il demonio di rothschild bildenberg, la lobby massoneria pornocratica: della sinagoga di satana! LONDRA, 25 FEB - Lo staff della Bbc sapeva delle tante accuse di abusi sessuali rivolte a Jimmy Savile ma nessuno si impegnò per denunciare il defunto dj. E' quanto si legge nel rapporto principale sullo scandalo pedofilia che ha colpito l'emittente pubblica britannica in cui sono state identificate 72 vittime del noto personaggio tv, fra cui otto che sono state stuprate. I vertici della Bbc, il direttore generale Tony Hall e la presidente Rona Fairhead, hanno fatto 'mea culpa' presentando il documento a Londra e affermando che l'emittente ha "abbandonato" quanti hanno subito violenze e abusi nei decenni scorsi. Savile e Stuart Hall, altro conduttore televisivo della Bbc che però è finito in carcere per pedofilia, sono stati definiti come "predatori sessuali seriali" nel rapporto.
NATO attacca RUSSIA

in ISLAM sharia, i martiri sono quasi sempre: assassini di persone innocenti per due motivi: 1. il loro dio Allah è una vagina di nove anni di argento idolo pietra Mecca Caaba: il demonio, inoltre, 2. il loro è un falso profeta criminale, pedofilo poligamo, cinico misogeno, in CONCLUSIONE: se, maomettani LORO avessero un vero Dio, LORO saprebbero vincere il male attraverso il bene! ed invece sono dei froci spirituali: pieni di cattiveria!
NATO attacca RUSSIA

#ISRAELE ] e cos'altro potrebbe fare un PADRE come me, per salvare figli ostinati dalla distruzione dell'INFERNO? seminerò tribolazioni multiple penose persistenti, e terribili, su tutti loro certamente! LI CASTIGHERò PER STRAPPARE DAL FUOCO DELLA DISTRUZIONE LA LORO VITA!
Rothschild spa FED ] che significa? come che fine io farò fare ai tuoi sacerdoti di Satana della CIA? farò fare a tutti loro: la esperienza della teologia percorrendo tutta la Via Crucis, e quando saranno giunti con me: sul Calvario? io li inchioderò tutti alla CROCE SANTA: così, staranno appesi finché, anche la loro anima si sarà santificata!
Rothschild spa FED, caro, figlio parassita, è arrivato il momento anche per te, di trovarti un lavoro onorevole! Ecco perché, io ho deciso di mandarti a fertilizzare il deserto saudita ed egiziano!
#ISRAELE ] HO GIURATO A DIO JHWH DI NON RESPINGERE NESSUNO E DI NON VENDICARMI CONTRO QUALCUNO!
#ISRAELE ] in realtà, se vogliono vincere, devono salire tutti sul carro del vincitore! ED IO HO VINTO LA VITA DI TUTTI, GLI ESSERI VIVENTI SU QUESTO PIANETA, ED IO NON HO PROGETTATO DI UMILIARE NESSUNO!


Obama firma legge su privacy per Stati “amici” PERCHé TUTTE LE NAZIONI DEL MONDO SONO COSì IMPOTENTI DI FRONTE ALLA TECNOLOGIA DI SATANISTI CIA USA? 25.02.2016. GLI USA SONO LA PIù GRANDE MINACCIA PER GLI UOMINI LIBERI DI TUTTO IL PIANETA! La Casa Bianca corre ai ripari dopo le rivelazioni apparse sulla stampa europea in questi giorni sull'ascolto segreto di conversazioni dei leader europei da parte dell'intelligENce Usa: http://it.sputniknews.com/politica/20160225/2163773/obama-legge-privacy-stati-amici.html#ixzz41B4nGYe9
NATO attacca RUSSIA

Terroristi del Daesh acquistano componenti per le bombe in Turchia e Iraq. ERDOGAN NON TROVERà MAI QUELLO CHE LUI NON VUOL TROVARE! 25.02.2016 L'organizzazione britannica “Conflict Armament Research” ha rilevato che i combattenti del Daesh acquistano la maggior parte dei componenti per la fabbricazione di bombe in Turchia e in Iraq, segnala “RIA Novosti”. I ricercatori hanno spiegato che la Turchia e l'Iraq hanno ben sviluppati i settori agricolo e minerario, nei quali si utilizzano sostanze chimiche, nonché si trovano nelle immediate vicinanze delle posizioni dei terroristi, rendendo così questi Paesi ideali per le forniture. Inoltre è stato scoperto che i terroristi comprano componenti bellici in più di 20 Paesi, tra cui Stati Uniti, Cina, Brasile e Giappone. Tuttavia la catena logistica non si snoda direttamente, pertanto le compagnie stesse non sono molto spesso al corrente di dove vadano a finire realmente le loro merci. La componente più frequentemente utilizzata e acquistata tra le imprese di Turchia e Iraq è il nitrato di ammonio. Per attivare le bombe spesso i terroristi utilizzano il cellulare "Nokia 105": http://it.sputniknews.com/mondo/20160225/2164170/Terrorismo-Siria.html#ixzz41B46NazL
NATO attacca RUSSIA

REALLY? SE, VOI NON VI FATE RESPONSABILI DEL TERRORISMO ISLAMICO SHARIA DI TUTTA LA LEGA ARABA: GLI ASSASSINI NAZISTI? ALLORA NON AVETE DIRITTO DI PAROLA! ANCHE PERCHé QUANDO CADRANNO I VOSTRI FIGLI, VITTIME DEL TERRORISMO ISLAMICO? ED è SOLO QuESTIONE DI TEMPO, PER COMPIERSI QUESTO EVENTO? POI, NE RIPARLEREMO! TEL AVIV, 25 FEB - Le rappresentanze Ue a Gerusalemme e Ramallah hanno espresso "profondo sconcerto" per il numero di demolizioni e confische "senza precedenti" nelle passate settimane di strutture palestinesi nell'Area C della Cisgiordania, quella sotto controllo amministrativo e militare israeliano. Comprese - recita un comunicato - quelle umanitarie dei paesi donatori europei "consegnate nel rispetto del diritto internazionale umanitario". Tra queste, hanno segnalato "lo smantellamento e la confisca" della scuola ad Abu Nwar del 21 febbraio scorso finanziata dalla Francia e che è l'unica per la comunità beduina della zona "minacciata nella sua esistenza". La Ue - segnalando che dall'inizio dell'anno, più di 480 persone "sono state spostate a seguito delle demolizioni" - ha quindi richiamato Israele "al rispetto dei suoi obblighi "sulle condizioni di vita della popolazione palestinese dell'Area C così come la sua ferma opposizione alla politica degli insediamenti israeliani e alle azioni prese in questo contesto".
NATO attacca RUSSIA

SAN FRANCISCO, 25 FEB - Le richieste delle autorità americano in tema di sicurezza degli iPhone equivalgono a un "cancro": QUALE è IL TUO GRADO MASSONICO? TI HO CHIESTO SOLTANTO DI DECRIPTARE CASO PER CASO, NON DI PASSARE IL SOFTWARE PER FARLO! parola dell'amministratore delegato della Apple, Tim Cook, che in una intervista alla ABC News ha ribadito il suo 'no' all'ordine di un giudice federale di sbloccare il cellulare del killer di San Bernardino, la strage del due dicembre scorso in cui morirono 14 persone.
NATO attacca RUSSIA

dopo il massacro di Elia? Gezabele ed i sacerdoti di satana, ritornano, si, loro gli scarafaggi farisei massoni salafiti, si sono nascosti nel cimitero, e poi, escono di nuovo: l'erba cattiva di lucifero Allah Gufo Baal! Così sarà anche per Unius REI, dopo 50 anni dopo il mio ministero politico universale ( tra 100 anni ) riprenderanno nuovamente il controllo del pianeta!
NATO attacca RUSSIA

CINA RUSSIA INDIA ] se non partecipate con la CIA a questo massacro di ISLAMICI? voi ne sarete le vittime! PER SOSTENERE IL FMI SPA USUROCRATICO, BANCHE CENTRALI ROTHSCHILD GEZABELE UK, UN MASSACRO DI: almeno: 2 MILIARDI DI PERSONE, ALMENO? è INDISPENSABILE!
NATO attacca RUSSIA

Per il Corriere della Sera, sulla morte del ricercatore italiano al Cairo: "L'indagine egiziana su Giulio Regeni un'offesa alla verità". dobbiamo sterminare la LEGA ARABA: CHE è UN POTERE CENTRALIZZATO SAUDITA, se vogliamo far sopravvivere le generazioni dei nostri figli! è INEVITABILE: ISLAMICI DEVONO ESSERE STERMINATI!

petizione del Ministro PINOTTI al boia islamico sharia ERDOGAN: teologia della sostituzione: genocidio a tutti: MEGLIO LUI CHE IL LUCIFERO DELLA NATO! ] 25 febbraio 2016 [ Circa 200 civili, tra cui almeno 12 bambini, sono intrappolati da giorni negli scantinati di alcuni edifici di Sur, il centro storico della 'capitale' curda Diyarbakir nel sud-est della Turchia, sotto coprifuoco totale da quasi 3 mesi nell'ambito del conflitto tra Ankara e il Pkk. A denunciarlo è il partito filo-curdo Hdp. Secondo la deputata Sibel Yigitalp, in contatto con alcuni dei civili bloccati, le loro condizioni sarebbero allarmanti e il rischio di essere colpiti durante gli scontri sempre più alto. Tra i bambini intrappolati ci sarebbe anche una neonata di soli 4 mesi. L'Hdp ha lanciato un appello alla comunità internazionale per fare pressione sul governo turco per "togliere il coprifuoco, anche se temporaneamente, per permettere un trasferimento sicuro dei civili al di fuori della zona di conflitto". Ieri Ankara aveva sostenuto che ci sarebbe stata una finestra durante le operazioni militari per permettere ai civili che ne fanno richiesta di abbandonare la città in sicurezza.

Can Dundar ed Erdem Gul, AVEVANO DETTO CHE ERDOGAN DAVA LE ARMI A TUTTI I TERRORISTI (dopo averli organizzati e fatti entrare ) ANCHE AD ISIS, E CHE COMPRAVA IL PETROLIO DA DAESH, ECCO PERCHé, ALLA NATO SI ERANO ARRABBIATI CONTRO I GIORNALISTI! ma, il LUCIFERO DI ALLAH? è più BUONO DEL LUCIFERO del GUFO MARDUK DI SPA BANCHE CENTRALI CIA E NATO! ] io credo che, se non vogliamo morire: NOI DOVREMMO SCEGLIERE UNO DEI DUE LUCIFERO VINCENTI! ... COME Israele che fine farà? E che importa a noi? Qui si tratta di salvare la pelle! [ ISTANBUL, 26 FEB - Il tribunale di Istanbul ha deciso stasera la scarcerazione di Can Dundar ed Erdem Gul, direttore e caporedattore del quotidiano di opposizione laica Cumhuriyet, dopo che la Corte costituzionale turca aveva giudicato una "violazione dei diritti" la loro detenzione in attesa di giudizio, iniziata il 26 novembre scorso. I due giornalisti avevano fatto un'inchiesta sul traffico di armi verso la Siria. Turchia, reporter saranno scarcerati, Dundar e Gul liberi dopo 3 mesi, fecero scoop su armi in Siria, 26 febbraio 2016

LUCIFERO signora Ministro della Difesa PINOTTI, come ella fa l'alleato islamico SHARIA nazista saudita iraniano e turco? SENZA RENDERSI RESPONSABILE E COMPLICE di ECCIDIO DI TUTTI I CRISTIANI DEL MONDO? COSA, LUCIFERO NWO è il suo SPA FED Gufo questo è IL SUO DIO?
i SAUD hanno detto che, loro hanno comprato le bombe atomiche per proteggere i musulmani nel mondo! CIOè, LUI VOLEVA DIRE: "IL DIRITTO DEI MUSULMANI DI FARE IL GENOCIDIO sharia NAZISTA, contro TUTTI I POPOLI DEL MONDO" quindi, voi i luciferini del NWO SPA FED, voi avete deciso anche, di fare: una quarta guerra mondiale contro ISLAM, dopo questa terza guerra mondiale nucleare contro RUSSIA e CINA?
signora Ministro della Difesa PINOTTI, voi avete messo quel piccolo buco di culo GENDER di ISRAELE, in mezzo a tanti cazzoni islamici sharia nazisti nucleari, e noi pensiamo che, anche, lei non sarebbe felice, di trovarsi in mezzo ad una specie di aracia meccanica, per soddisfare le bramosie erotiche di una cinquantina di maschioni: tutti teste di cazzo come ERDOGAN e SALMAN, che non ti dovrebbe ingannare la loro età: tu li dovevi vedere da giovani come loro erano promettenti sharia stalloni!
LUCIFERO signora Ministro della Difesa PINOTTI SpA Banche CENTRALI ROthschild: alto tradimento sistema regime Bildenberg: NWO, SE, la memoria non mi inganna, tutti i problemi della RUSSIA sono iniziati quando ha optato per il diritto naturale della FAMIGLIA, perché, voi GENDER pervertiti a Sodoma? voi non siete stati felici!
LUCIFERO signora Ministro della Difesa PINOTTI SpA Banche CENTRALI ROthschild: alto tradimento sistema regime Bildenberg: ED IO DUBITO CHE, QUALCUNO POSSA CALUNNIARE E DIRE CHE: UNIUS REI POSSA ESSERE UN CATTIVO RAGAZZO, NO! PERCHé TUTTI I SACERDOTI DI SATANA della CIA NSA, CHE QUì IN YOUTUBE IO NON HO UCCISO ANCORA? LORO LO POSSONO RACCONTARE!

nessuno dovrebbe lasciarsi ingannare dal fatto che, io voglio prendermela con una Pinotti, O CON UN Obama, qualsiasi! NO! IO DEVO RAGGIUNGERE SOLTANTO LE CORNA SPA FED, SPA FMI, DI LUCIFERO che sono sulla TESTA DEL FARISEO ROTHSCILD, E POI, TUTTI I PROBLEMI DEL PIANETA? TROVERANNO RAPIDAMENTE UNA LORO SOLUZIONE!

IL FATTO CHE PARLO MALE DEI POLITICI? QUESTO NON VUOL DIRE CHE IO VOGLIO INDEBOLIRE LE ISTITUZIONI, o che io voglio istigare qualcuno a far loro del male: no! è scritto: "ogni autorità viene da Dio"! ] [ come perché, io non VOGLIO fare del male ad OBAMA ed ai politici del mondo? lui è loro: sono le isTituzioni del nostro popolo: DI OGNI POPOLO, ed io non posso fare del male al popolo, poi, io farei un favore, agli usurai Piramide del GUFO, il governo occulto della notte: i farisei vampiri delle BAnche CENTRALI SpA, mondialialisti luciferini, e del sistema massonico poteri occulti ed esoterici traditori Bildenberg! IL FATTO CHE PARLO MALE DEI POLITICI? QUESTO NON VUOL DIRE CHE IO VOGLIO INDEBOLIRE LE ISTITUZIONI!

fottiti LUCIFERO Allah, islamico dogmatico assassino inquisitore sharia: il nazismo sotto egida: ONU OCI AMNESTY CIA NATO spa FED SpA FMI, NWO
=====================
e che se ne fottono loro: gli islamici sharia nazisti assasini? tanto pagano: il conto dei danni, i sauditi salafiti wahhabiti, sono loro: 1. i padroni della LEGA ARABA adesso: 2. il governo occulto islamico mondiale: 3. la galassia jihadista terrorismo mondiale! ] [  Turismo egiziano dal novembre 2015 ha perso circa 2,3 miliardi di dollari: http://it.sputniknews.com/mondo/20160229/2182716/turismo-egitto-perdite.html#ixzz41YIALgUh

lo conosco bene io, sharia SALMAN Saud, è come suo Fratello SAUD AZIZ al-Satana all'inferno, entrambi dicono: "è bravo Unius REI" e intanto, continuano a fare gli assassini ISLAMICI SHARIA, per tutto il mondo! ] [ Daesh, strage di sciiti a Baghdad: oltre 70 morti. 29.02.2016 Duplice attentato del sedicente Stato islamico nella capitale irachena: più di 70 vittime e cento feriti gravi: http://it.sputniknews.com/mondo/20160229/2183760/daesh-baghdad-strage-sciiti-70-morti.html#ixzz41YJJ8KWV

LO DICE IL PROVERBIO: "se non sono cose tuche"? poi, certamente "sono cose bulgare"! ] CHE POI, è TUTTA UNA STORIA OSCENA TRA I SATANA DELLA CIA NELLA NATO! [ In Bulgaria si vende carburante del Daesh. 01.03.2016, Le informazioni relative al contrabbando di carburante realizzato dal Daesh sul territorio della Bulgaria, Sofia le ha ricevute dai servizi speciali russi e americani, che hanno avuto la prova dalle foto satellitari. Lo hanno reso noto i media locali. Carburante prodotto dal Daesh prende il mare per la Bulgaria e viene venduto nei distributori locali, scrive il quotidiano locale Trud, citando una fonte del servizio daganale. Le informazioni relative al contrabbando, la Bulgaria che hanno messo a disposizione di Sofia le relative foto satellitari. Grazie a questi fotogrammi, le autorità del paese sono riusciti a scoprire lo schema della fornitura illegale di diesel e benzina nei porti delle città bulgare di Varna e Burgas — evidenzia la pubblicazione. In base alla documentazione, il carburante rappresenta una parte delle forniture in UE e, secondo il Trud, arriva dal deposito situato in Grecia. Il quotidiano nota che secondo i dati del sistema elettronico del controllo del traffico marittimo, le navi cisterna con il carburante si sono fermate in sette porti turchi nel Mar Nero e nel Mediterraneo prima di fare scalo nei porti di Grecia e Bulgaria. La pubblicazione rileva che proprio durante queste fermate è stato caricato il combustibile dal Daesh: http://it.sputniknews.com/mondo/20160301/2190441/carburante-daesh-bulgaria.html#ixzz41fE1xWik
=================
un mio amico, come me, collega di Religione IRC (materia facoltativa), mi ha confidato: che, il suo alunno migliore, in realtà, è un adolescente gay luciferino culto religion, in piena fase di attività sessuale, tanto che cammina con le gambe deformate, che, questo alunno è ormai, convinto, che, godendo lui, tutti i favori del NWO BUSH SPA BANCHE CENTRALI FMI satana PARALLELO Governo occulto mondiale? poi, insieme al loro dovrà andare all'inferno: ANCHE! e il mio collega è soddisfatto di lui, non perché è riuscito a convincerlo su qualcosa, no! mi ha detto: "il mio migliore alunno? non si avvale nemmeno della mia materia!" - "Però, almeno, è una soddisfazione parlarsi chiaramente!" "lui è CONVINTO! ANDRà ALL'INFERNO!"
OVVIAMENTE, è incontestabile il fatto che: 1. l'amore tra gli animali, è un amore più nobile, 2. dell'amore di una prostituta, poi, 3. abbiamo l'amore tra i GAY, 4. l'amore tra marito e moglie, 5. L'AMORE DEI SANTI, e poi, 6. abbiamo anche l'amore di Dio, ed ovviamente, tra i VARI amori? NOI NON FACCIAMO DI TUTT'ERBA UN FASCIO!
====================
circa: sindaco Kiev Vitalij Klyčko HA DETTO: "Noi difendiamo il nostro territorio, noi difendiamo il nostro paese" ] REALLY? [ ma, NESSUNO HA VISTO CHE SONO STATI ATTACCATIDA QUALCUNO, MENTRE, TUTTI HANNO VISTO CHE CON L'ESERCITO SONO ANDATI A FARE IL GENOCIDIO NEL DONBASS, E PER QUESTO CRIMINE DELITTO DI GENOCIDIO? ONU la troia Darwin SpA FMI GENDER, NON GLI HA DETTO NIENTE!
===========
salman sharia boia ] non hai molte possibilità di scelta! [ 1. o io uccido te insieme a; con la complicità di: Rothschild: fisicamente, insieme a tutta la LEGA ARABA: e insieme a tutta la tua corrotta religione, ] oppure [ 2. io insieme a te, io distruggo il NWO SPA FMI e faccio diventare Rothschild da luciferino un santo ebreo!

IHATENEWLAYOUT IE 666 UFuckWithWrongPerson SAID ME: "who his datagate???" ] answer [ This is right ] ALIENS ABDUCTIONS: agenda NWO demonic TECHNOLOGY NEURONAL CONNECTIONS: GMOS A.I., ALIEN TECHNOLOGY, THAT KNOW their about Datagate?
=========
A TUTTI I GOVERNI ] voi negate il debito ALLE BANCHE, poi, quando vengono per farvi del male, voi dite: "che c'è, NOI dobbiamo chiamare Unius REI?" poi, vedrete come se ne andranno in silenzio! il DEBITO DELLE NAZIONI PER TANTI MOTIVI DIVERSI è UN CRIMINE CHE NON SI DEVE PAGARE, E NESSUNO LO DEVE PIù PAGARE!
===========
QUESTA è UNA POLITICA SBAGLIATA! POICHé, LE BANCHE CENTRALI HANNO RUBATO LA SOVRANITà MONETARIA AI POPOLI (ALTO TRADIMENTO) POI, I DEBITI DEVONO ESSERE NEGATI, è ROTHSCHILD SPA FMI, CHE LI DEVE PAGARE A TUTTI!! Argentina, accordo sul debito con hedge fund Usa, 01.03.2016(Il mediatore incaricato per trattare con i fondi statunitensi: ristrutturazione del debito argentino vicina. Sarebbe ad una svolta il braccio di ferro tra l'Argentina e gli hedge fund americani, a distanza di 15 anni da default che costò al Paese 82 miliardi di dollari. Secondo quanto riferito in queste ore da Daniel Pollock, mediatore chiamato a trovare un accordo tra le parti, ha riferito della firma su un accordo preliminare avvenuta questa notte a New York. L'intesa prevederebbe il pagamento di una cifra attorno ai 4,65 miliardi di dollari ai cosiddetti holdouts, ossia quei creditori che si oppongono alla ristrutturazione del debito argentino. L'Argentina con questo accordo liquiderà così il 75% di quanto stabilito dalle sentenze che l'avevano vista soccombente per non avere rimborsato a pieno i titoli di Stato al centro del default del 2001: http://it.sputniknews.com/economia/20160301/2190794/agrentina-accorda-hedge-fund-debito-usa.html#ixzz41fhWSP2V
===========
ah è lui "Joseph F. Dunford, Jr."  il segretario alla Difesa statunitense, quello che invece di ubbidire ad OBAMA e KERRY sulla Siria ubbidisce a AIPAC NEOCON E BUSH NWO: il governo occulto parallelo mondiale banche spa centrali!

IL CARNEFICE NAZISTA sindaco Kiev Vitalij Klyčko si scusa per le sue origini ucraine: anche PERCHé PER LUI è MEGLIO FARE L'AGUZZINO CHE IL PUGILE! [ 01.03.2016, sindaco di Kiev Vitalij Klyčko al canale televisivo Al Jazeera. Quando il conduttore gli ha chiesto se conosce Amnesty International, il sindaco di Kiev ha risposto: "Scusatemi, vengo dall'Ucraina". [ Questo è avvenuto al tempo della controversia sulle violazioni dei diritti umani nel Donbass da parte delle forze armate ucraine. Il conduttore ha citato le tesi del rapporto di Human Rights Watch e Amnesty International, in cui si dice, in particolare, che le forze armate ucraine e le formazioni armate belligeranti dalla parte di Kiev violano i diritti umani, compiono crimini contro i civili, rapiscono e torturano le persone. Il conduttore ha posto a Klyčko la domanda sulla presenza nella zona del confltto di battaglioni di volontari di tendenza nazista, come Azov. Rispondendo, il sindaco ha dichiarato che tali affermazioni sono "menzogne" e "propaganda". Quando il conduttore ha detto che questo è un fatto documentato, dei guerriglieri che usano le svastiche ne ha parlato pure la stampa americana, ma Klyčko ha evidenziato che lui svastiche non ne ha viste. "Noi difendiamo il nostro territorio, noi difendiamo il nostro paese" ha ripetuto diverse volte Klyčko, rispondendo al conduttore a proposito della posizione delle autorità di Kiev e delle forze armate. Quando il conduttore gli ha chiesto se conosce Amnesty International, il sindaco di Kiev ha risposto: "Scusatemi, vengo dall'Ucraina".
Correlati:
ONU: Kiev pronta ad ammettere violazioni dei diritti umani
Russia, il rapporto sui diritti umani in Ucraina “non è obiettivo”
Kiev recede ufficialmente da diverse norme sui diritti umani nel Donbass: http://it.sputniknews.com/mondo/20160301/2189495/sindaco-kiev-scuse.html#ixzz41fF0Z4IP


PRIMO LIBRO DELLE CRONACHE

cap 1]
http://web.tiscali/martiri
1] Adamo,
Set,
Enos,
2] Kenan,
Maalaleèl,
Iared.
.
3] Enoch,
Matusalemme,
Lamech.
.
4] Noè,
Sem,
Cam e Iafet.
5] Figli di Iafet:
Gomer,
Magòg,
Media,
Grecia,
Tubal,
Mesech e Tiras.
6] Figli di Gomer:
Ascanaz,
Rifat e Togarma.
7] Figli di Grecia:
Elisa,
Tarsìs,
quelli di Cipro e quelli di Rodi.
8] Figli di Cam:
Etiopia,
Egitto,
Put e Canaan.
9] Figli di Etiopia:
Seba,
Avila,
Sabta,
Raema e Sabteca.
Figli di Raema:
Saba e Dedan.
10] Etiopia generò Nimròd,
che fu il primo eroe sulla terra.
11] Egitto generò i Ludi,
gli Anamiti,
i Leabiti,
i Naftuchiti.
12] i Patrositi,
i Casluchiti e i Caftoriti,
dai quali derivarono i Filistei.
13] Canaan generò Sidone suo primogenito,
Chet.
14] il Gebuseo,
l'Amorreo,
il Gergeseo.
15] l'Eveo,
l'Archita,
il Sineo.
16] l'Arvadeo,
lo Zemareo e l'Amateo.
17] Figli di Sem:
Elam,
Assur,
Arpacsad,
Lud e Aram.
Figli di Aram:
Uz,
Cul,
Gheter e Mesech.
18] Arpacsad generò Selach;
Selach generò Eber.
19] A Eber nacquero due figli,
uno si chiamava Peleg,
perché ai suoi tempi si divise la terra,
e suo fratello si chiamava Ioktan.
20] Ioktan generò Almodad,
Salef,
Cazarmavet,
Ièrach.
21] Adoram,
Uzal,
Dikla.
22] Ebal,
Abimaèl,
Saba.
23] Ofir,
Avila e Iobab;
tutti costoro erano figli di Ioktan.
24] Sem,
Arpacsad,
Selach,
25] Eber,
Peleg,
Reu.
26] Serug,
Nacor,
Terach.
27] Abram,
cioè Abramo.
28] Figli di Abramo:
Isacco e Ismaele.
29] Ecco la loro discendenza:
Primogenito di Ismaele fu Nebaiòt;
altri suoi figli:
Kedar,
Adbeèl,
Mibsam.
30] Misma,
Duma,
Massa,
Cadad,
Tema.
31] Ietur,
Nafis e Kedma;
questi furono discendenti di Ismaele.
32] Figli di Ketura,
concubina di Abramo:
essa partorì Zimran,
Ioksan,
Medan,
Madian,
Isbak e Suach.
Figli di Ioksan:
Saba e Dedan.
33] Figli di Madian:
Efa,
Efer,
Enoch,
Abiba ed Eldaa;
tutti questi furono discendenti di Ketura.
34] Abramo generò Isacco.
Figli di Isacco:
Esau e Israele.
35] Figli di Esau:
Elifaz,
Reuèl,
Ieus,
Ialam e Core.
36] Figli di Elifaz:
Teman,
Omar,
Zefi,
Gatam,
Kenaz,
Timna e Amalek.
37] Figli di Reuèl:
Nacat,
Zerach,
Samma e Mizza.
38] Figli di Seir:
Lotan,
Sobal,
Zibeon,
Ana,
Dison,
Eser e Disan.
39] Figli di Lotan:
Corì e Omam.
Sorella di Lotan:
Timna.
40] Figli di Sobal:
Alvan,
Manacat,
Ebal,
Sefi e Onam.
Figli di Zibeon:
Aia e Ana.
41] Figli di Ana:
Dison.
Figli di Dison:
Camran,
Esban,
Itran e Cheran.
42] Figli di Eser:
Bilan,
Zaavan,
Iaakan.
Figli di Dison:
Uz e Aran.
43] Ecco i re che regnarono nel paese di Edom,
prima che gli Israeliti avessero un re:
Bela,
figlio di Beòr;
la sua città si chiamava Dinaba.
44] Morto Bela,
divenne re al suo posto Iobab,
figlio di Zerach di Bozra.
45] Morto Iobab,
divenne re al suo posto Cusam della regione dei Temaniti.
46] Morto Cusam,
divenne re al suo posto Hadad figlio di Bedad,
il quale sconfisse i Madianiti nei campi di Moab;
la sua città si chiamava Avit.
47] Morto Hadad,
divenne re al suo posto Saul di Recobòt sul fiume.
49] Morto Saul,
divenne re al suo posto Baal-Canan,
figlio di Acbòr.
50] Morto Baal-Canan,
divenne re al suo posto Hadad;
la sua città si chiamava Pai;
sua moglie si chiamava Mechetabèl,
figlia di Matred,
figlia di Mezaab.
51] Morto Hadad,
in Edom ci furono capi:
il capo di Timna,
il capo di Alva,
il capo di Ietet.
52] il capo di Oolibama,
il capo di Ela,
il capo di Pinon.

53] il capo di Kenaz,
il capo di Teman,
il capo di Mibzar.
54] il capo di Magdièl,
il capo di Iram.
Questi furono i capi di Edom.

PRIMO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 2]
1] Questi sono i figli di Israele:
Ruben,
Simeone,
Levi,
Giuda,
Issacar,
Zabulon.
2] Dan,
Giuseppe,
Beniamino,
Neftali,
Gad e Aser.
3] Figli di Giuda:
Er,
Onan,
Sela;
i tre gli nacquero dalla figlia di Sua la Cananea.
Er,
primogenito di Giuda,
era malvagio agli occhi del Signore,
che perciò lo fece morire.
4] Tamar sua nuora gli partorì Perez e Zerach.
Totale dei figli di Giuda:
cinque.
5] Figli di Perez:
Chezròn e Camùl.
6] Figli di Zerach:
Zimri,
Etan,
Eman,
Calcol e Darda;
in tutto:
cinque.
7] Figli di Carmì:
Acar,
che provocò una disgrazia in Israele con la trasgressione dello sterminio.
8] Figli di Etan:
Azaria.
9] Figli che nacquero a Chezròn:
Ieracmel,
Ram e Chelubai.
10] Ram generò Amminadab;
Amminadab generò Nacsòn,
capo dei figli di Giuda.
11] Nacsòn generò Salma;
Salma generò Booz.
12] Booz generò Obed;
Obed generò Iesse.
13] Iesse generò Eliab il primogenito,
Abinadab,
secondo,
Simèa,
terzo.
14] Netaneèl,
quarto,
Raddai,
quinto.
15] Ozem,
sesto,
Davide,
settimo.
16] Loro sorelle furono:
Zeruia e Abigail.
Figli di Zeruia furono Abisai,
Ioab e Asaèl:
tre.
17] Abigail partorì Amasa,
il cui padre fu Ieter l'Ismaelita.
18] Caleb,
figlio di Chezròn,
dalla moglie Azuba ebbe Ieriòt.
Questi sono i figli di lei:
Ieser,
Sobab e Ardon.
19] Morta Azuba,
Caleb prese in moglie Efrat,
che gli partorì Cur.
20] Cur generò Uri;
Uri generò Bezaleèl.
21] Dopo Chezròn si unì alla figlia di Machir,
padre di Galaad;
egli la sposò a sessant'anni ed essa gli partorì Segùb.
22] Segùb generò Iair,
cui appartennero ventitrè città nella regione di Galaad.
23] Ghesur e Aram presero loro i villaggi di Iair con Kenat e le dipendenze:
sessanta città.
Tutti questi furono figli di Machir,
padre di Galaad.
24] Dopo la morte di Chezròn,
Caleb si unì a Efrata,
moglie di suo padre Chezròn,
la quale gli partorì Ascùr,
padre di Tekòa.
25] I figli di Ieracmel,
primogenito di Chezròn,
furono Ram il primogenito,
Buna,
Oren,
Achia.
26] Ieracmel ebbe una seconda moglie che si chiamava Atara e fu madre di Onam.
27] I figli di Ram,
primogenita di Ieracmel,
furono Maas,
Iamin ed Eker.
28] I figli di Onam furono Sammai e Iada.
Figli di Sammai:
Nadab e Abisùr.
29] La moglie di Abisùr si chiamava Abiail e gli partorì Acban e Molìd.
30] Figli di Nadab furono Seled ed Efraim.
Seled morì senza figli.
31] Figli di Efraim:
Isèi;
figli di Isèi:
Sesan;
figli di Sesan:
Aclai.
32] Figli di Iada,
fratello di Sammai:
Ieter e Giònata.
Ieter morì senza figli.
33] Figli di Giònata:
Pelet e Zaza.
Questi furono i discendenti di Ieracmel.
34] Sesan non ebbe figli,
ma solo figlie;
egli aveva uno schiavo egiziano chiamato Iarca.
35] Sesan diede in moglie allo schiavo Iarca una figlia,
che gli partorì Attai.
36] Attai generò Natan;
Natan generò Zabad;
37] Zabad generò Eflal;
Eflal generò Obed;
38] Obed generò Ieu;
Ieu generò Azaria;
39] Azaria generò Chelez;
Chelez generò Eleasa;
40] Eleasa generò Sismai;
Sismai generò Sallum;
41] Sallum generò Iekamia;
Iekamia generò Elisama.
42] Figli di Caleb,
fratello di Ieracmel,
furono Mesa,
suo primogenito,
che fu padre di Zif;
il figlio di Maresa fu padre di Ebron.
43] Figli di Ebron:
Core,
Tappùach,
Rekem e Samai.
44] Samai generò Racam,
padre di Iorkoam;
Rekem generò Sammai.
45] Figlio di Sammai:
Maòn,
che fu padre di Bet-Zur.
46] Efa,
concubina di Caleb,
partorì Caran,
Moza e Gazez;
Caran generò Gazez.
47] Figli di Iadai:
Reghem,
Iotam,
Ghesan,
Pelet,
Efa e Saaf.
48] Maaca,
concubina di Caleb,
partorì Seber e Tircana;
49] partorì anche Saaf,
padre di Madmanna,
e Seva,
padre di Macbena e padre di Gabaa.
Figlia di Caleb fu Acsa.
50] Questi furono i figli di Caleb.
Ben-Cur,
primogenito di Efrata,
Sobal,
padre di Kiriat-Iearìm,
51] Salma,
padre di Betlemme,
Haref,
padre di Bet-Gader.
52] Sobal,
padre di Kiriat-Iearìm,
ebbe come figli Reaia,
Cazi e Manacat.

53] Le famiglie di Kiriat-Iearìm sono quelle di Ieter,
di Put,
di Suma e di Masra.
Da costoro derivarono quelli di Zorea e di Estaòl.
54] Figli di Salma:
Betlemme,
i Netofatiti,
Atarot-Bet-Ioab e metà dei Manactei e degli Zoreatei.
55] Le famiglie degli scribi che abitavano in Iabèz:
i Tireatei,
Simeatei e i Sucatei.
Questi erano Keniti,
discendenti da Cammat della famiglia di Recab.

PRIMO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 3]
1] Questi sono i figli che nacquero a Davide in Ebron:
il primogenito Amnòn,
nato da Achinoam di Izreèl;
Daniele secondo,
nato da Abigail del Carmelo;
2] Assalonne terzo,
figlio di Maaca figlia di Talmai,
re di Ghesur;
Adonia quarto,
figlio di Agghìt;
3] Sefatìa quinto,
nato da Abital;
Itram sesto,
figlio della moglie Egla.
4] Sei gli nacquero in Ebron,
ove egli regnò sette anni e sei mesi,
mentre regnò trentatrè anni in Gerusalemme.
5] I seguenti gli nacquero in Gerusalemme:
Simèa,
Sobab,
Natan e Salomone,
ossia quattro figli natigli da Betsabea,
figlia di Ammièl;
6] inoltre Ibcar,
Elisama,
Elifèlet.
7] Noga,
Nefeg,
Iafia,
8] Elisama,
Eliada ed Elifèlet,
ossia nove figli.
9] Tutti costoro furono figli di Davide,
senza contare i figli delle sue concubine.
Tamar era loro sorella.
10] Figli di Salomone:
Roboamo,
di cui fu figlio Abia,
di cui fu figlio Asa,
di cui fu figlio Giosafat,
11] di cui fu figlio Ioram,
di cui fu figlio Acazia,
di cui fu figlio Ioas.
12] di cui fu figlio Amazia,
di cui fu figlio Azaria,
di cui fu figlio Iotam.
13] di cui fu figlio Acaz,
di cui fu figlio Ezechia,
di cui fu figlio Manasse.
14] di cui fu figlio Amòn,
di cui fu figlio Giosia.
15] Figli di Giosia:
Giovanni primogenito,
Ioakìm secondo,
Sedecìa terzo,
Sallum quarto.
16] Figli di Ioakìm:
Ieconia,
di cui fu figlio Sedecìa.
17] Figli di Ieconia,
il prigioniero:
Sealtièl.
18] Malchiram,
Pedaia,
Seneazzar,
Iekamia,
Hosama e Nedabia.
19] Figli di Pedaia:
Zorobabele e Simei.
Figli di Zorobabele:
Mesullam e Anania e Selomìt,
loro sorella.
20] Figli di Mesullam:
Casuba,
Oel,
Berechia,
Casadia,
Iusab-Chèsed:
cinque figli.
21] Figli di Anania:
Pelatia,
di cui fu figlio Isaia,
di cui fu figlio Refaia,
di cui fu figlio Arnan,
di cui fu figlio Abdia,
di cui fu figlio Secania.
22] Figli di Secania:
Semaia,
Cattùs,
Igheal,
Barìach,
Naaria e Safat:
sei.
23] Figli di Naaria:
Elioenai,
Ezechia e Azrikam:
tre.
24] Figli di Elioenai:
Odavia,
Eliasìb,
Pelaia,
Akub,
Giovanni,
Delaia e Anani:
sette.

PRIMO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 4]
1] Figli di Giuda:
Perez,
Chezròn,
Carmì,
Cur e Sobal.
2] Reaia figlio di Sobal generò Iacat;
Iacat generò Acumai e Laad.
Queste sono le famiglie degli Zoreatei.
3] Questi furono i figli del padre di Etam:
Izreèl,
Isma e Ibdas;
la loro sorella si chiamava Azlelpòni.
4] Penuel fu padre di Ghedor;
Ezer fu padre di Cusa.
Questi furono i figli di Cur il primogenito di Efrata padre di Betlemme.
5] Ascùr padre di Tekòa aveva due mogli,
Chelea e Naara.
6] Naara gli partorì Acuzzam,
Chefer,
il Temanita e l'Acastarita;
questi furono figli di Naara.
7] Figli di Chelea:
Zeret,
Zocar,
Etnan e Koz.
8] Koz generò Anub,
Azzobeba e le famiglie di Acarchè,
figlio di Arum.
9] Iabez fu più onorato dei suoi fratelli;
sua madre l'aveva chiamato Iabez poiché diceva:
«Io l'ho partorito con dolore».
10] Iabez invocò il Dio di Israele dicendo:
«Se tu mi benedicessi e allargassi i miei confini e la tua mano fosse con me e mi tenessi lontano dal male sì che io non soffra!».
Dio gli concesse quanto aveva chiesto.
11] Chelub,
fratello di Suca,
generò Mechir,
che fu padre di Eston.
12] Eston generò Bet-Rafa,
Paseach e Techinna,
padre di Ir-Nacas.
Questi sono gli uomini di Reca.
13] Figli di Kenaz:
Otniel e Seraia;
figli di Otniel:
Catat e Meonotai.
14] Meonotai generò Ofra;
Seraia generò Ioab,
padre della valle degli artigiani,
poiché erano artigiani.
15] Figli di Caleb,
figlio di Iefunne:
Ir,
Ela e Naam.
Figli di Ela:
Kenaz.
16] Figli di Ieallelèl:
Zif,
Zifa,
Tiria e Asarèl.
17] Figli di Ezra:
Ieter,
Mered,
Efer e Ialon.
Partorì Miriam,
Sammai e Isbach,
padre di Estremoa.
18] Sua moglie,
la Giudea,
partorì Ieter padre di Ghedor,
Cheber padre di Soco e Iekutièl padre di Zanòach.
Questi invece sono i figli di Bitia,
figlia del faraone,
che Mered aveva presa in moglie.
19] Figli della moglie Odaia,
sorella di Nacam,
padre di Keila il Garmita e di Estremoa il Maacateo.
20] Figli di Simone:
Ammòn,
Rinna,
Ben-Canan e Tilon.
Figli di Iseì:
Zochet e Ben-Zochet.
21] Figli di Sela,
figlio di Giuda:
Er padre di Leca,
Laada padre di Maresa,
e le famiglie dei lavoratori del bisso in Bet-Asbèa.
22] Iokim e la gente di Cozeba,
Ioas e Saraf,
che dominarono in Moab e poi tornarono in Betlemme.
Ma si tratta di fatti antichi.
23] Erano vasai e abitavano a Netaim e a Ghedera;
abitavano la con il re,
al suo servizio.
24] Figli di Simeone:
Nemuèl,
Iamin,
Iarib,
Zerach,
Saul.
25] di cui fu figlio Sallum,
di cui fu figlio Mibsam,
di cui fu figlio Misma.
26] Figli di Misma:
Cammuèl,
di cui fu figlio Zaccur,
di cui fu figlio Simei.
27] Simei ebbe sedici figli e sei figlie,
ma i suoi fratelli ebbero pochi figli;
le loro famiglie non si moltiplicarono come quelle dei discendenti di Giuda.
28] Si stabilirono in Bersabea,
in Molada,
in Cazar-Sual.
29] in Bila,
in Ezem,
in Tolad.
30] in Betuel,
in Corma,
in Ziklag.
31] in Bet-Marcabòt,
in Cazar-Susìm,
in Bet-Bireì e in Saaraim.
Queste furono le loro città fino al regno di Davide.
32] Loro villaggi erano Etam,
Ain,
Rimmòn,
Tochen e Asan:
cinque città 33] e tutti i villaggi dei loro dintorni fino a Baal.
Questa era la loro sede e questi i loro nomi nei registri genealogici.
34] Mesobab,
Iamlech,
Iosa figlio di Amasia.
35] Gioele,
Ieu figlio di Iosibia,
figlio di Seraia,
figlio di Asièl.
36] Elioenai,
Iaakòba,
Iesocaia,
Asaia,
Adièl,
Iesimièl,
Benaia,
37] Ziza figlio di Sifei,
figlio di Allon,
figlio di Iedaia,
figlio di Simrì,
figlio di Semaia.
38] Questi,
elencati per nome,
erano capi nelle loro famiglie;
i loro casati si estesero molto.
39] Andarono verso l'ingresso di Ghedor fino a oriente della valle in cerca di pascoli per i greggi.
40] Trovarono pascoli pingui e buoni;
la regione era estesa,
tranquilla e quieta.
Prima vi abitavano i discendenti di Cam.
41] Ma gli uomini di cui sono stati elencati i nomi,
al tempo di Ezechia,
re di Giuda,
assalirono e sbaragliarono le tende di Cam e i Meuniti,
che si trovavano la;
li votarono allo sterminio,
che è durato fino ad oggi,
e ne occuparono il posto poiché era ricco di pascoli per i greggi.
42] Alcuni di loro,
fra i discendenti di Simeone,
andarono sulle montagne di Seir:
cinquecento uomini,
guidati da Pelatia,
Nearia,
Refaia e Uzzièl,
figli di Iseì.
43] Eliminarono i superstiti degli Amaleciti e si stabilirono la fino ad oggi.

PRIMO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 5]
1] Figli di Ruben,
primogenito di Israele.
Egli era il primogenito,
ma,
poiché aveva profanato il letto del padre,
la primogenitura fu assegnata ai figli di Giuseppe,
figlio d'Israele.
Ma nella registrazione non si tenne conto della primogenitura.
2] perché Giuda ebbe il sopravvento sui fratelli,
essendo il capo un suo discendente;
tuttavia la primogenitura appartiene a Giuseppe.
3] Figli di Ruben,
primogenito di Israele:
Enoch,
Pallu,
Chezròn e Carmi.
4] Figli di Gioele:
Semaia,
di cui fu figlio Gog,
di cui fu figlio Simei,
5] di cui fu figlio Mica,
di cui fu figlio Reaia,
di cui fu figlio Baal,
6] di cui fu figlio Beera,
che fu deportato nella deportazione di Tiglat-Pilezer,
re d'Assiria;
egli era il capo dei Rubeniti.
7] Suoi fratelli,
secondo le loro famiglie,
come sono iscritti nelle genealogie,
furono:
primo Ieiel,
quindi Zaccaria 8] e Bela figlio di Azaz,
figlio di Sema,
figlio di Gioele,
che dimorava in Aroer e fino al Nebo e a Baal-Meòn.
9] A oriente si estendevano fra l'inizio del deserto che va dal fiume Eufrate in qua,
perché i loro greggi erano numerosi nel paese di Galaad.
10] Al tempo di Saul mossero guerra agli Agarèni;
caduti questi nelle loro mani,
essi si stabilirono nelle loro tende su tutta la parte orientale di Galaad.
11] I figli di Gad dimoravano di fronte nella regione di Basan fino a Salca.
12] Gioele,
il capo,
Safam,
secondo,
quindi Iaanai e Safat in Basan.
13] Loro fratelli,
secondo i loro casati,
furono Michele,
Mesullam,
Seba,
Iorai,
Iaacan,
Zia ed Eber:
sette.
14] Costoro erano figli di Abicail,
figlio di Curì,
figlio di Iaròach,
figlio di Galaad,
figlio di Michele,
figlio di Iesisai,
figlio di Iacdo,
figlio di Buz.
15] Achì,
figlio di Abdièl,
figlio di Guni,
era il capo del loro casato.
16] Dimoravano in Galaad e in Basan e nelle loro dipendenze e in tutti i pascoli di Saron fino ai loro estremi confini.
17] Tutti costoro furono registrati negli elenchi genealogici di Iotam re di Giuda e al tempo di Geroboamo,
re di Israele.
18] I figli di Ruben,
i Gaditi e metà della tribù di Manasse,
gente valorosa,
armata di scudo e di spada,
tiratori di arco ed esperti della guerra,
potevano uscire in campo in quarantaquattromilasettecentosessanta.
19] Essi attaccarono gli Agarèni,
Ietur,
Nafis e Nodab.
20] Essi furono aiutati contro costoro,
perché durante l'assalto si erano rivolti a Dio,
che li aiutò per la loro fiducia in lui e così gli Agarèni e tutti i loro alleati furono consegnati nelle loro mani.
21] Essi razziarono il bestiame degli Agarèni:
cinquantamila cammelli,
duecentocinquantamila pecore,
duemila asini e centomila persone.
22] poiché numerosi furono i feriti a morte,
dato che la guerra era voluta da Dio.
I vincitori si stabilirono nei territori dei vinti fino alla deportazione.
23] I figli di metà della tribù di Manasse abitavano dalla regione di Basan a Baal-Ermon,
a Senir e al monte Ermon;
essi erano numerosi.
24] Questi sono i capi dei loro casati:
Efer,
Isèi,
Elièl,
Azrièl,
Geremia,
Odavìa e Iacdièl,
uomini valorosi e famosi,
capi dei loro casati.
25] Ma furono infedeli al Dio dei loro padri,
prostituendosi agli dei delle popolazioni indigene,
che Dio aveva distrutte davanti a essi.
26] Il Dio di Israele eccitò lo spirito di Pul re d'Assiria,
cioè lo spirito di Tiglat-Pilezer re d'Assiria,
che deportò i Rubeniti,
i Gaditi e metà della tribù di Manasse;
li condusse in Chelach,
presso Cabòr,
fiume del Gozan,
ove rimangono ancora.
27Figli di Levi:
Gherson,
Keat e Merari.
28] Figli di Keat:
Amram,
Isear,
Ebron e Uzzièl.
29] Figli di Amram:
Aronne,
Mose e Maria.
Figli di Aronne:
Nadab,
Abìu,
Eleazaro e Itamar.
30] Eleazaro generò Pincas;
Pincas generò Abisua;
31] Abisua generò Bukki;
Bukki generò Uzzi;
32] Uzzi generò Zerachia;
Zerachia generò Meraiòt;
33] Meraiòt generò Amaria;
Amaria generò Achitòb;
34] Achitòb generò Zadok;
Zadok generò Achimaaz;
35] Achimaaz generò Azaria;
Azaria generò Giovanni;
36] Giovanni generò Azaria,
che fu sacerdote nel tempio costruito da Salomone in Gerusalemme.
37] Azaria generò Amaria;
Amaria generò Achitòb;
38] Achitòb generò Zadok;
Zadok generò Sallum;
39] Sallum generò Chelkia;
Chelkia generò Azaria;
40] Azaria generò Seraia;
Seraia generò Iozadak.
41] Iozadak partì quando il Signore,
per mezzo di Nabucodonosor,
fece deportare Giuda e Gerusalemme.

PRIMO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 6]
1] Figli di Levi:
Gherson,
Keat e Merari.
2] Questi sono i nomi dei figli di Gherson:
Libni e Simei.
3] Figli di Keat:
Amram,
Izear,
Ebron e Uzzièl.
4] Figli di Merari:
Macli e Musi;
queste sono le famiglie di Levi secondo i loro casati.
5] Gherson ebbe per figlio Libni,
di cui fu figlio Iacat,
di cui fu figlio Zimma.
6] di cui fu figlio Ioach,
di cui fu figlio Iddo,
di cui fu figlio Zerach,
di cui fu figlio Ieotrai.
7] Figli di Keat:
Amminadab,
di cui fu figlio Core,
di cui fu figlio Assir.
8] di cui fu figlio Elkana,
di cui fu figlio Abiasaf,
di cui fu figlio Assir.
9] di cui fu figlio Tacat,
di cui fu figlio Urièl,
di cui fu figlio Ozia,
di cui fu figlio Saul.
10] Figli di Elkana:
Amasai e Achimòt.
11] di cui fu figlio Elkana,
di cui fu figlio Sufai,
di cui fu figlio Nacat.
12] di cui fu figlio Eliab,
di cui fu figlio Ierocam,
di cui fu figlio Elkana.
13] Figli di Samuele:
Gioele primogenito e Abia secondo.
14] Figli di Merari:
Macli,
di cui fu figlio Libni,
di cui fu figlio Simei,
di cui fu figlio Uzza.
15] di cui fu figlio Simea,
di cui fu figlio Agghìa,
di cui fu figlio Asaia.
16] Ecco coloro ai quali Davide affidò la direzione del canto nel tempio dopo che l'arca aveva trovato una sistemazione.
17] Essi esercitarono l'ufficio di cantori davanti alla Dimora della tenda del convegno finché Salomone non costruì il tempio in Gerusalemme.
Nel servizio si attenevano alla regola fissata per loro.
18] Questi furono gli incaricati e questi i loro figli.
Dei Keatiti:
Eman il cantore,
figlio di Gioele,
figlio di Samuele.
19] figlio di Elkana,
figlio di Ierocam,
figlio di Elièl,
figlio di Toach.
20] figlio di Zuf,
figlio di Elkana,
figlio di Macat,
figlio di Amasai.
21] figlio di Elkana,
figlio di Gioele,
figlio di Azaria,
figlio di Sofonia.
22] figlio di Tacat,
figlio di Assir,
figlio di Abiasaf,
figlio di Core.
23] figlio di Izear,
figlio di Keat,
figlio di Levi,
figlio di Israele.
24] Suo collega era Asaf,
che stava alla sua destra:
Asaf,
figlio di Berechia,
figlio di Simea.
25] figlio di Michele,
figlio di Baasea,
figlio di Malchia.
26] figlio di Etni,
figlio di Zerach,
figlio di Adaia.
27] figlio di Etan,
figlio di Zimma,
figlio di Simei,
28] figlio di Iacat,
figlio di Gherson,
figlio di Levi.
29] I figli di Merari,
loro colleghi,
che stavano alla sinistra,
erano Etan,
figlio di Kisi,
figlio di Abdi,
figlio di Malluch.
30] figlio di Casabia,
figlio di Amasia,
figlio di Chilkia.
31] figlio di Amsi,
figlio di Bani,
figlio di Semer.
32] figlio di Macli,
figlio di Musi,
figlio di Merari,
figlio di Levi.
33] I loro colleghi leviti,
erano addetti a ogni servizio della Dimora nel tempio.
34] Aronne e i suoi figli presentavano le offerte sull'altare dell'olocausto e sull'altare dell'incenso,
curavano tutto il servizio nel Santo dei santi e compivano il sacrificio espiatorio per Israele secondo quanto aveva comandato Mose,
servo di Dio.
35] Questi sono i figli di Aronne:
Eleazaro,
di cui fu figlio Pincas,
di cui fu figlio Abisua.
36] di cui fu figlio Bukki,
di cui fu figlio Uzzi,
di cui fu figlio Zerachia.
37] di cui fu figlio Meraiòt,
di cui fu figlio Amaria,
di cui fu figlio Achitòb.
38] di cui fu figlio Zadok,
di cui fu figlio Achimaaz.
39] Queste sono le loro residenze,
secondo le loro circoscrizioni nei loro territori.
Ai figli di Aronne della famiglia dei Keatiti,
che furono sorteggiati per primi.
40] fu assegnata Ebron nel paese di Giuda con i pascoli vicini,
41] ma il territorio della città e i suoi villaggi furono assegnati a Caleb,
figlio di Iefunne.
42] Ai figli di Aronne furono assegnate Ebron,
città di rifugio,
Libna con i pascoli,
Iattir,
Estremoa con i pascoli.
43] Chilez con i pascoli,
Debir con i pascoli.
44] Asan con i pascoli,
Bet-Sèmes con i pascoli 45] e,
nella tribù di Beniamino,
Gheba con i pascoli,
Alèmet con i pascoli,
Anatòt con i pascoli.
Totale:
tredici città con i loro pascoli.
46] Agli altri figli di Keat,
secondo le loro famiglie,
furono assegnate in sorte dieci città prese dalla tribù di Efraim,
dalla tribù di Dan e da metà della tribù di Manasse.
47] Ai figli di Gherson,
secondo le loro famiglie,
furono assegnate tredici città prese dalla tribù di Issacar,
dalla tribù di Aser,
dalla tribù di Neftali e dalla tribù di Manasse in Basan.
48] Ai figli di Merari,
secondo le loro famiglie,
furono assegnate in sorte dodici città prese dalla tribù di Ruben,
dalla tribù di Gad e dalla tribù di Zabulon.
49] Gli Israeliti assegnarono ai leviti queste città con i pascoli.
50] Le suddette città prese dalle tribù dei figli di Giuda,
dei figli di Simeone e dei figli di Beniamino,
le assegnarono in sorte dando loro il relativo nome.
51] Alle famiglie dei figli di Keat furono assegnate in sorte città appartenenti alla tribù di Efraim.
52] Assegnarono loro Sichem città di rifugio,
con i suoi pascoli,
sulle montagne di Efraim,
Ghezer con i pascoli.

53] Iokmeam con i pascoli,
Beti-Coròn con pascoli.
54] Aialòn con i pascoli,
Gat-Rimmòn con i pascoli 55] e,
da metà della tribù di Manasse,
Taanach con i pascoli,
Ibleam con i pascoli.
Le suddette città erano per la famiglia degli altri figli di Keat.
56] Ai figli di Gherson,
secondo le loro famiglie assegnarono in sorte dalla metà della tribù di Manasse:
Golan in Basan con i pascoli e Asaròt con i pascoli;
57] dalla tribù di Issacar:
Kedes con i pascoli,
Daberat con i pascoli.
58] Iarmut con i pascoli e Anem con i pascoli;
59] dalla tribù di Aser:
Masal con i pascoli,
Abdon con i pascoli.
60] Cukok con i pascoli e Recob con i pascoli;
61] dalla tribù di Neftali:
Kedes di Galilea con i pascoli,
Cammòn con i pascoli e Kiriataim con i pascoli.
62] Agli altri figli di Merari della tribù di Zabulon furono assegnate:
Rimmòn con i pascoli e Tabor con i pascoli;
63] oltre il Giordano di Gerico,
a oriente del Giordano,
dalla tribù di Ruben:
Bezer nel deserto con i pascoli,
Iaza con i pascoli.
64] Kedemòt con i pascoli,
Mefaat con i pascoli;
65] della tribù di Gad:
Ramot di Galaad con i pascoli,
Macanaim con i pascoli.
66] -81-Chesbon con i pascoli e Iazer con i pascoli.

PRIMO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 7]
1] Figli di Issacar:
Tola,
Pua,
Iasub,
Simron:
quattro.
2] Figli di Tola:
Uzzi,
Refaia,
Ierièl.
Iacmai,
Ibsam,
Samuele,
capi dei casati di Tola,
uomini valorosi.
Nel censimento al tempo di Davide il loro numero era di ventiduemilaseicento.
3] Figli di Uzzi:
Izrachia.
Figli di Izrachia:
Michele,
Abdia,
Gioele,
Issia:
cinque,
tutti capi.
4] Secondo il censimento,
eseguito per casati,
avevano trentaseimila uomini nelle loro schiere armate per la guerra,
poiché abbondavano di mogli e di figli.
5] I loro fratelli,
appartenenti a tutti i clan di Issacar,
uomini valorosi,
nel censimento erano ottantasettemila in tutto.
6] Figli di Beniamino:
Bela,
Beker e Iedaièl;
tre.
7] Figli di Bela:
Ezbon,
Uzzi,
Uzzièl,
Ierimot,
Iri,
cinque capi dei loro casati,
uomini valorosi;
ne furono censiti ventiduemilatrentaquattro.
8] Figli di Beker:
Zemira,
Ioas,
Eliezer,
Elioenai,
Omri,
Ieremòt,
Abia,
Anatòt e Alèmet;
tutti costoro erano figli di Beker.
9] Il loro censimento,
eseguito secondo le loro genealogie in base ai capi dei loro casati,
indicò ventimiladuecento uomini valorosi.
10] Figli di Iedaièl:
Bilan.
Figli di Bilan:
Ieus,
Beniamino,
Eud,
Kenaana,
Zetan,
Tarsìs e Achisacar.
11] Tutti questi erano figli di Iedaièl,
capi dei loro casati,
uomini valorosi,
in numero di diciassettemiladuecento,
pronti per una spedizione militare e per combattere.
12] Suppim e Cuppim,
figli di Ir;
Cusim,
figlio di Acher.
13] Figli di Neftali:
Iacazièl,
Guni,
Iezer e Sallum,
figli di Bila.
14] Figli di Manasse:
Asriel.
.
.
,
quelli che gli aveva partoriti la concubina aramea:
Machir,
padre di Galaad.
15] Machir prese una moglie per Cuppim e Suppim;
sua sorella si chiamava Maaca.
Il secondo figlio si chiamava Zelofcad;
Zelofcad aveva figlie.
16] Maaca,
moglie di Machir,
partorì un figlio che chiamò Peres,
mentre suo fratello si chiamava Seres;
suoi figli erano Ulam e Rekem.
17] Figli di Ulam:
Bedan.
Questi furono i figli di Galaad,
figlio di Machir,
figlio di Manasse.
18] La sua sorella Ammolèket partorì Iseod,
Abiezer e Macla.
19] Figli di Semida furono Achian,
Seken,
Likchi e Aniam.
20] Figli di Efraim:
Sutèlach,
di cui fu figlio Bered,
di cui fu figlio Tacat,
di cui fu figlio Eleada,
di cui fu figlio Tacat.
21] di cui fu figlio Zabad,
di cui furono figli Sutèlach,
Ezer ed Elead,
uccisi dagli uomini di Gat,
indigeni della regione,
perché erano scesi a razziarne il bestiame.
22] Il loro padre Efraim li pianse per molti giorni e i suoi fratelli vennero per consolarlo.
23] Quindi si unì alla moglie che rimase incinta e partorì un figlio che il padre chiamò Beria,
perché nato con la sventura in casa.
24] Figlia di Efraim fu Seera,
la quale edificò Bet-Coròn inferiore e superiore e Uzen-Seera.
25] Suo figlio fu anche Refach,
di cui fu figlio Resef,
di cui fu figlio Telach,
di cui fu figlio Tacan.
26] di cui fu figlio Laadan,
di cui fu figlio Amiùd,
di cui fu figlio Elisama.
27] di cui fu figlio Nun,
di cui fu figlio Giosue.
28] Loro proprieta e loro domicilio furono Betel con le dipendenze,
a oriente Naaran,
a occidente Ghezer con le dipendenze,
Sichem con le dipendenze fino ad Aiia con le dipendenze.
29] Appartenevano ai figli di Manasse:
Beisan con le dipendenze,
Taanach con le dipendenze e Dor con le dipendenze.
In queste localita abitavano i figli di Giuseppe,
figlio di Israele.
30] Figli di Aser:
Imna,
Isva,
Isvi,
Beria e Serach loro sorella.
31] Figli di Beria:
Cheber e Malchiel,
padre di Birzait.
32] Cheber generò Iaflet,
Semer,
Cotam e Sua loro sorella.
33] Figli di Iaflet:
Pasach,
Bimeal e Asvat;
questi furono i figli di Iaflet.
34] Figli di Semer suo fratello:
Roga,
Cubba e Aram.
35] Figli di Chelem suo fratello:
Zofach,
Imna,
Seles e Amal.
36] Figli di Zofach:
Such,
Carnefer,
Sual,
Beri,
Imra.
37] Bezer,
Od,
Samma,
Silsa,
Itran e Beera.
38] Figli di Ieter:
Iefunne,
Pispa e Ara.
39] Figli di Ulla:
Arach,
Caniel e Rizia.
40] Tutti costoro furono figli di Aser,
capi di casati,
uomini scelti e valorosi,
capi tra i principi.
Nel loro censimento,
eseguito in base alla capacita militare,
risultò il numero ventiseimila.

PRIMO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 8]
1] Beniamino generò Bela suo primogenito,
Asbel secondo,
Achiram terzo.
2] Noca quarto e Rafa quinto.
3] Bela ebbe i figli Addar,
Ghera padre di Ecud.
4] Abisua,
Naaman,
Acoach,
5] Ghera,
Sepufan e Curam.
6] Questi furono i figli di Ecud,
che erano capi di casati fra gli abitanti di Gheba e che furono deportati in Manacat.
7] Naaman,
Achia e Ghera,
che li deportò e generò Uzza e Achiud.
8] Sacaraim ebbe figli nei campi di Moab,
dopo aver ripudiato le mogli Cusim e Baara.
9] Da Codes,
sua moglie,
generò Iobab,
Zibia,
Mesa,
Melcam.
10] Jeus,
Sachia e Mirma.
Questi furono i suoi figli,
capi di casati.
11] Da Cusim generò Abitùb ed Elpaal.
12] Figli di Elpaal:
Eber,
Miseam e Semed,
che costruì Ono e Lidda con le dipendenze.
13] Beria e Sema,
che furono capi di casati fra gli abitanti di Aialon,
misero in fuga gli abitanti di Gat.
14] Loro fratelli:
Sasak e Ieremòt.
15] Zebadia,
Arad,
Ader.
16] Michele,
Ispa e Ioca erano figli di Beria.
17] Zebadia,
Mesullam,
Chizki,
Cheber.
18] Ismerai,
Izlia e Iobab erano figli di Elpaal.
19] Iakim,
Zikri,
Zabdi.
20] Elienai,
Silletai,
Elièl.
21] Adaia,
Beraia e Simrat erano figli di Simei.
22] Ispan,
Eber,
Eliel.
23] Abdon,
Zikri,
Canan.
24] Anania,
Elam,
Antotia,
25] Ifdia e Penuèl erano figli di Sasak.
26] Samserai,
Secaria,
Atalia.
27] Iaaresia,
Elia e Zikri erano figli di Ierocam.
28] Questi erano capi di casati,
secondo le loro genealogie;
essi abitavano in Gerusalemme.
29] In Gabaon abitava il padre di Gabaon;
sua moglie si chiamava Maaca;
30] il primogenito era Abdon,
poi Zur,
Kis,
Baal,
Ner,
Nadab.
31] Ghedor,
Achio,
Zeker e Miklòt.
32] Miklòt generò Simea.
Anche costoro abitavano in Gerusalemme accanto ai fratelli.
33] Ner generò Kis;
Kis generò Saul;
Saul generò Giònata,
Malkisùa,
Abinadab e Is-Baal.
34] Figlio di Giònata fu Merib-Baal;
Merib-Baal generò Mica.
35] Figli di Mica:
Piton,
Melech,
Tarea e Acaz.
36] Acaz generò Ioadda;
Ioadda generò Alèmet,
Azmavet e Zimrì;
Zimrì generò Moza.
37] Moza generò Binea,
di cui fu figlio Refaia,
di cui fu figlio Eleasa,
di cui fu figlio Azel.
38] Azel ebbe sei figli,
che si chiamavano Azrikam,
Bocru,
Ismaele,
Searia,
Abdia e Canan;
tutti questi erano figli di Azel.
39] Figli di Esek suo fratello:
Ulam suo primogenito,
Ieus secondo,
Elifèlet terzo.
40] I figli di Ulam erano uomini valorosi e tiratori di arco.
Ebbero numerosi figli e nipoti:
centocinquanta.
Tutti questi erano discendenti di Beniamino.

PRIMO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 9]
1] Tutti gli Israeliti furono registrati per genealogie e iscritti nel libro dei re di Israele e di Giuda;
per le loro colpe furono deportati in Babilonia.
2] I primi abitanti che si erano ristabiliti nelle loro proprieta,
nelle loro città,
erano Israeliti,
sacerdoti,
leviti e oblati.
3] In Gerusalemme abitavano figli di Giuda,
di Beniamino,
di Efraim e di Manasse.
4] Figli di Giuda:
Utai,
figlio di Ammiud,
figlio di Omri,
figlio di Imri,
figlio di Bani dei figli di Perez,
figlio di Giuda.
5] Dei Siloniti:
Asaia il primogenito e i suoi figli.
6] Dei figli di Zerach:
Ieuèl e seicentonovanta suoi fratelli.
7] Dei figli di Beniamino:
Sallu figlio di Mesullam,
figlio di Odavia,
figlio di Assenua.
8] Ibnia,
figlio di Ierocam,
Ela,
figlio di Uzzi,
figlio di Micri,
e Mesullam,
figlio di Sefatia,
figlio di Reuel,
figlio di Ibnia.
9] I loro fratelli,
secondo le loro genealogie,
erano novecentocinquantasei;
tutti costoro erano capi delle loro famiglie.
10] Dei sacerdoti:
Iedaia,
Ioarib,
Iachin 11] e Azaria,
figlio di Chelkia,
figlio di Mesullam,
figlio di Zadok,
figlio di Meraiòt,
figlio di Achitùb,
capo del tempio.
12] Adaia,
figlio di Ierocam,
figlio di Pascur,
figlio di Malchia,
e Maasai,
figlio di Adièl,
figlio di Iaczèra,
figlio di Mesullam,
figlio di Mesillemit,
figlio di Immer.
13] I loro fratelli,
capi dei loro casati,
erano millesettecentosessanta,
uomini abili in ogni lavoro per il servizio del tempio.
14] Dei Leviti:
Semaia,
figlio di Cassub,
figlio di Azrikam,
figlio di Casabia dei figli di Merari.
15] Bakbakar,
Cheresh,
Galal,
Mattania,
figlio di Mica,
figlio di Zikri,
figlio di Asaf.
16] Abdia,
figlio di Semaia,
figlio di Galal,
figlio di Idutun,
e Berechia,
figlio di Asa,
figlio di Elkana,
che abitava nei villaggi dei Netofatiti.
17] Dei portieri:
Sallum,
Akkub,
Talmon,
Achiman e i loro fratelli.
Sallum era il capo 18] e sta fino ad oggi alla porta del re a oriente.
Costoro erano i portieri degli accampamenti dei figli di Levi:
19] Sallum figlio di Kore,
figlio di Ebiasaf,
figlio di Korach,
e i suoi fratelli,
i Korachiti,
della casa di suo padre,
attendevano al servizio liturgico;
erano custodi della soglia della tenda;
i loro padri custodivano l'ingresso nell'accampamento del Signore.
20] Pincas,
figlio di Eleazaro,
prima era loro capo - il Signore sia con lui! -.
21] Zaccaria,
figlio di Meselemia,
custodiva la porta della tenda del convegno.
22] Tutti costoro,
scelti come custodi della soglia,
erano duecentododici;
erano iscritti nelle genealogie nei loro villaggi.
Li avevano stabiliti nell'ufficio per la loro fedelta Davide e il veggente Samuele.
23] Essi e i loro figli avevano la responsabilita delle porte nel tempio,
cioè nella casa della tenda.
24] C'erano portieri ai quattro lati:
oriente,
occidente,
settentrione e meridione.
25] I loro fratelli,
che abitavano nei loro villaggi,
talvolta dovevano andare con loro per sette giorni.
26] Poiché erano sempre in funzione,
quei quattro capiportieri - essi erano leviti - controllavano le stanze e i tesori del tempio.
27] Alloggiavano intorno al tempio,
perché a loro incombeva la sua custodia e la sua apertura ogni mattina.
28] Di essi alcuni controllavano gli arredi liturgici,
che contavano quando li portavano dentro e quando li riportavano fuori.
29] Alcuni erano incaricati degli arredi,
di tutti gli oggetti del santuario,
della farina,
del vino,
dell'olio e degli aromi.
30] Alcuni figli dei sacerdoti preparavano le sostanze aromatiche per i profumi.
31] Il levita Mattatia,
primogenito di Sallum il Korachita,
per la sua fedelta era incaricato di ciò che si preparava nei tegami.
32] Tra i figli dei Keatiti,
alcuni loro fratelli badavano ai pani dell'offerta da disporre ogni sabato.
33] Questi erano i cantori,
capi di casati levitici;
liberi da altri compiti,
abitavano nelle stanze del tempio,
perché giorno e notte erano in attivita.
34] Questi erano i capi delle famiglie levitiche secondo le loro genealogie;
essi abitavano in Gerusalemme.
35] In Gabaon abitavano il padre di Gabaon,
Ieiel,
la cui moglie si chiamava Maaca.
36] Suo figlio primogenito era Abdon,
quindi Zur,
Kis,
Baal,
Ner,
Nadab.
37] Ghedor,
Achio,
Zaccaria e Miklòt.
38] Miklòt generò Simeam.
Anch'essi abitavano in Gerusalemme con i fratelli,
di fronte a loro.
39] Ner generò Kis;
Kis generò Saul;
Saul generò Giònata,
Malchisùa,
Abinadab e Is-Baal.
40] Figlio di Giònata:
Merib-Baal;
Merib-Baal generò Mica.
41] Figli di Mica:
Piton,
Melek e Tacrea.
42] Acaz generò Iaara;
Iaara generò Alèmet,
Azmavet e Zimrì;
Zimrì generò Moza.
43] Moza generò Binea,
di cui fu figlio Refaia,
di cui fu figlio Eleasa,
di cui fu figlio Azel.
44] Azel ebbe sei figli,
che si chiamavano Azrikam,
Bocru,
Ismaele,
Searia,
Abdia e Canan;
questi erano figli di Azel.

PRIMO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 10]
1] I Filistei attaccarono Israele;
gli Israeliti fuggirono davanti ai Filistei e caddero,
colpiti a morte,
sul monte Gelboe.
2] I Filistei inseguirono molto da vicino Saul e i suoi figli e uccisero Giònata,
Abinadab e Malchisùa,
figli di Saul.
3] La battaglia si riversò tutta su Saul;
sorpreso dagli arcieri,
fu ferito da tali tiratori.
4] Allora Saul disse al suo scudiero:
«Prendi la spada e trafiggimi;
altrimenti verranno quei non circoncisi e infieriranno contro di me».
Ma lo scudiero,
in preda a forte paura,
non volle.
Saul allora,
presa la spada,
vi si gettò sopra.
5] Anche lo scudiero,
visto che Saul era morto,
si gettò sulla spada e morì.
6] Così finì Saul con i tre figli;
tutta la sua famiglia perì insieme.
7] Quando tutti gli Israeliti della valle constatarono che i loro erano fuggiti e che erano morti Saul e i suoi figli,
abbandonarono le loro città e fuggirono.
Vennero i Filistei e vi si insediarono.
8] Il giorno dopo i Filistei andarono a spogliare i cadaveri e trovarono Saul e i suoi figli che giacevano sul monte Gelboe.
9] Lo spogliarono asportandogli il capo e le armi;
quindi inviarono per tutto il paese filisteo ad annunziare la vittoria ai loro idoli e al popolo.
10] Depositarono le sue armi nel tempio del loro dio;
il teschio l'inchiodarono nel tempio di Dagon.
11] Quando gli abitanti di Iabes vennero a sapere ciò che i Filistei avevano fatto a Saul.
12] tutti i loro guerrieri andarono a prelevare il cadavere di Saul e i cadaveri dei suoi figli e li portarono in Iabes;
seppellirono le loro ossa sotto la quercia in Iabes,
quindi digiunarono per sette giorni.
13] Così Saul morì a causa della sua infedelta al Signore,
perché non ne aveva ascoltato la parola e perché aveva evocato uno spirito per consultarlo.
14] Non aveva consultato il Signore;
per questo il Signore lo fece morire e trasferì il regno a Davide figlio di Iesse.

PRIMO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 11]
1] Tutti gli Israeliti si raccolsero intorno a Davide in Ebron e gli dissero:
«Ecco noi siamo tue ossa e tua carne.
2] Anche prima,
quando regnava Saul,
tu guidavi nei movimenti le truppe di Israele.
Inoltre il Signore tuo Dio ti ha detto:
Tu pascerai il mio popolo,
Israele;
tu sarai capo del mio popolo Israele».
3] Tutti gli anziani di Israele si presentarono al re in Ebron.
Davide concluse con loro un'alleanza in Ebron davanti al Signore.
Con l'unzione consacrarono Davide re su Israele,
secondo la parola pronunziata dal Signore per mezzo di Samuele.
4] Davide con tutto Israele marciò contro Gerusalemme,
cioè Gebus,
ove c'erano i Gebusei,
abitanti del paese.
5] Ma gli abitanti di Gebus dissero a Davide:
«Tu qui non entrerai».
Ma Davide prese la cittadella di Sion,
che è la città di Davide.
6] Davide aveva detto:
«Chi colpira per primo i Gebusei diventera capo e principe».
Salì per primo Ioab,
figlio di Zeruia,
che divenne così capo.
7] Davide si stabilì nella cittadella,
che perciò fu chiamata città di Davide.
8] Egli fortificò la città tutt'intorno,
dal Millo per tutto il suo perimetro;
Ioab restaurò il resto della città.
9] Davide cresceva sempre più in potenza e il Signore degli eserciti era con lui.
10] Questi sono i capi dei prodi di Davide,
che si erano affermati con il valore nel suo regno e che,
insieme con tutto Israele,
lo avevano costituito re,
secondo la parola del Signore nei riguardi di Israele.
11] Ecco l'elenco dei prodi di Davide:
Iasobeam figlio di un Cacmonita,
capo dei Tre;
egli brandì la lancia su trecento vittime in una sola volta.
12] Dopo di lui c'era Eleazaro figlio di Dodo,
l'Acochita;
era uno dei tre prodi.
13] Egli fu con Davide in Pas-Dammim.
I Filistei vi si erano riuniti per combattere;
c'era un campo pieno di orzo.
La truppa fuggì di fronte ai Filistei.
14] Egli allora si appostò in mezzo al campo,
lo difese e sconfisse i Filistei;
così il Signore operò una grande vittoria.
15] Scesero tre dei trenta capi sulla roccia presso Davide,
nella fortezza di Adullam;
il campo dei Filistei si estendeva nella valle di Rèfaim.
16] Davide era nella fortezza,
mentre un presidio di Filistei era in Betlemme.
17] Davide ebbe un desiderio che espresse a parole:
«Potessi bere l'acqua della cisterna che sta alla porta di Betlemme!».
18] I tre attraversarono il campo dei Filistei,
attinsero l'acqua dalla cisterna che era alla porta di Betlemme e la portarono a Davide,
ma egli non volle berla;
la versò in libazione al Signore.
19] Egli disse:
«Mi guardi il mio Dio dal compiere una cosa simile.
Dovrei bere il sangue di quegli uomini insieme con la loro vita? Difatti l'hanno portata a rischio della propria vita».
Non volle berla.
Tali gesta compirono i tre prodi.
20] Abisai fratello di Ioab era capo dei Trenta.
Egli brandì la lancia contro trecento vittime e così divenne famoso fra i Trenta.
21] Fu stimato doppiamente fra i Trenta;
divenne loro capo,
ma non giunse ad eguagliare i Tre.
22] Benaia,
da Kabzeèl,
era figlio di Ioiada,
uomo valoroso e pieno di prodezze.
Egli uccise i due figli di Arièl di Moab;
inoltre,
sceso in una cisterna in un giorno di neve,
vi uccise un leone.
23] Egli uccise anche un Egiziano alto cinque cubiti,
il quale aveva in mano una lancia come un subbio di tessitore;
gli andò incontro con un bastone,
strappò la lancia dalla mano dell'Egiziano e lo uccise con la stessa lancia.
24] Tale gesta compì Benaia,
figlio di Ioiada;
egli divenne famoso fra i trenta prodi.
25] Fra i Trenta fu molto stimato,
ma non giunse a eguagliare i Tre.
Davide lo mise a capo della sua guardia del corpo.
26] Ecco i prodi valorosi:
Asaèl fratello di Ioab,
Elcanan figlio di Dodo,
di Betlemme.
27] Sammòt di Charod,
Chelez di Pelet.
28] Ira figlio di Ikkes di Tekòa,
Abièzer di Anatòt,
29] Sibbekai di Cusa,
Ilai di Acoch.
30] Macrai di Netofa,
Cheled figlio di Baana,
di Netofa.
31] Itai figlio di Ribai,
di Gabaa dei figli di Beniamino,
Benaia di Piraton.
32] Curai di Nacale-Gaas,
Abiel di Arbot.
33] Azmavet di Bacurìm,
Eliacba di Saalbon.
34] Iasen di Gun,
Giònata figlio di Saghe,
di Charar.
35] Achiam figlio di Sacar,
di Carar,
Elifèlet figlio di Ur.
36] Efer di Mechera,
Achia di Pelon,
37] Chezro del Carmelo,
Naarai figlio di Ezbai.
38] Gioele fratello di Natan,
Mibcar figlio di Agri.
39] Zelek l'Ammonita,
Nacrai di Berot,
scudiero di Ioab figlio di Zeruia.
40] Ira di Ieter,
Gareb di Ieter.
41] Uria l'Hittita,
Zabad figlio di Aclai.
42] Adina figlio di Zisa il Rubenita,
capo dei Rubeniti,
e con lui altri trenta,
43] Canan,
figlio di Maaca,
Giosafat di Meten.
44] Uzzia di Astarot,
Sama e Ieiel,
figli di Cotam di Aroer.
45] Iediael figlio di Simri e Ioca suo fratello,
di Tisi.
46] Eliel di Macavim,
Ieribai e Osea,
figli di Elnaam,
Itma il Moabita.
47] Elièl,
Obed e Iaasièl di Zoba.

PRIMO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 12]
1] Questi sono gli uomini che raggiunsero Davide in Ziklag,
quando ancora fuggiva di fronte a Saul,
figlio di Kis.
Essi erano i prodi che l'aiutarono in guerra.
2] Erano armati d'arco e sapevano tirare frecce e sassi con la destra e con la sinistra;
erano della tribù di Beniamino,
fratelli di Saul:
3] Achièzer,
il capo,
e Ioas figli di Semaa,
di Gabaa;
Ieziel e Pelet figli di Azmavet;
Beraca e Ieu di Anatòt;
4] Ismaia di Gabaon,
prode fra i Trenta e capo dei Trenta;
5] Geremia,
Iacaziel,
Giovanni e Iozabad di Ghedera;
6] Eleuzai,
Ierimot,
Bealia,
Semaria,
Sefatia di Carif;
7] Elkana,
Issia,
Azarel,
Ioezer,
Iosgibeam,
Korachiti;
8] Oela e Zebadia figli di Ierocam,
di Ghedor.
9] Dei Gaditi alcuni uomini passarono a Davide nella fortezza del deserto;
erano uomini valorosi,
guerrieri pronti a combattere,
abili nell'uso dello scudo e della lancia;
sembravano leoni ed erano agili come gazzelle sui monti:
10] Ezer era il capo,
Abdia il secondo,
Eliab il terzo.
11] Mismanna il quarto,
Geremia il quinto.
12] Attai il sesto,
Eliel il settimo,
13] Giovanni l'ottavo,
Elzabad il nono.
14] Geremia il decimo,
Makbannai l'undecimo.
15] Costoro erano discendenti di Gad,
capi dell'esercito;
il più piccolo ne comandava cento e il più grande mille.
16] Questi attraversarono il Giordano nel primo mese dell'anno,
mentre era in piena su tutte le rive,
e misero in fuga tutti gli abitanti della valle a oriente e a occidente.
17] Alcuni dei figli di Beniamino e di Giuda andarono da Davide fino alla sua fortezza.
18] Davide uscì loro incontro e presa la parola disse loro:
«Se siete venuti da me con intenzioni pacifiche per aiutarmi,
sono disposto a unirmi a voi;
ma se venite per tradirmi e consegnarmi ai miei avversari,
mentre io non mi abbandono affatto alla violenza,
il Dio dei nostri padri veda e punisca».
19] Allora lo spirito invase Amasai,
capo dei Trenta:
«Siamo tuoi,
Davide;
con te,
figlio di Iesse! Pace,
pace a te,
pace a chi ti aiuta,
perché il tuo Dio ti aiuta».
Davide li accolse e li costituì capi di schiere.
20] Anche da Manasse passarono a Davide,
mentre insieme con i Filistei marciava in guerra contro Saul.
Egli però non li aiutò perché nel consiglio i capi dei Filistei lo rimandarono dicendo:
«A scapito delle nostre teste,
egli passerebbe a Saul suo signore».
21] Mentre erano diretto a Ziklag,
passarono dalla sua parte i manassiti Adnach,
Iozabad,
Iediaèl,
Michele,
Iozabad,
Eliu e Zilletai,
capi di migliaia nella tribù di Manasse.
22] Essi aiutarono Davide contro i razziatori,
perché erano tutti valorosi,
e divennero capi dell'esercito.
23] In verita ogni giorno passavano dalla parte di Davide per aiutarlo e così il suo divenne un accampamento enorme.
24] Ecco le cifre dei capi armati che passarono a Davide in Ebron per effettuare,
secondo l'ordine del Signore,
il trasferimento del regno da Saul a lui.
25] Dei figli di Giuda,
che portavano scudo e lancia:
seimilaottocento armati.
26] Dei figli di Simeone,
uomini valorosi in guerra:
settemilacento.
27] Dei figli di Levi:
quattromilaseicento.
28] Inoltre Ioiada,
capo della famiglia di Aronne,
e con lui tremilasettecento 29] e Zadok,
giovane molto valoroso,
e il casato con i ventidue capi.
30] Dei figli di Beniamino,
fratelli di Saul:
tremila,
perché in massima parte essi rimasero al servizio della casa di Saul.
31] Dei figli di Efraim:
ventimilaottocento uomini valorosi,
celebri nei loro casati.
32] Di metà della tribù di Manasse:
diciottomila,
scelti singolarmente per partecipare alla nomina di Davide a re.
33] Dei figli di Issacar,
che conoscevano bene i vari tempi sì da sapere che dovesse fare Israele nei singoli casi:
duecento capi e tutti i loro fratelli alle loro dipendenze.
34] Di Zabulon:
cinquantamila,
arruolati in un esercito,
pronti per la battaglia con tutte le armi da guerra,
disposti ad aiutare senza doppiezza.
35] Di Neftali:
mille capi e con loro trentasettemila dotati di scudo e di lancia.
36] Dei Daniti:
ventottomilaseicento,
armati per la guerra.
37] Di Aser:
quarantamila guerrieri,
pronti per la battaglia.
38] Dalla Transgiordania,
ossia dei Rubeniti,
dei Gaditi e di metà della tribù di Manasse:
centoventimila con tutte le armi di guerra.
39] Tutti costoro,
guerrieri pronti a marciare,
con cuore leale si presentarono in Ebron per proclamare Davide re su tutto Israele;
anche il resto di Israele era concorde nel proclamare re Davide.
40] Rimasero lì con Davide tre giorni mangiando e bevendo quanto i fratelli avevano preparato per loro.
41] Anche i loro vicini e perfino da Issacar,
da Zabulon e da Neftali avevano portato cibarie con asini,
cammelli,
muli e buoi:
farina,
schiacciate di fichi,
uva passa,
vino,
olio,
buoi e pecore in gran quantita,
perché c'era allegria in Israele.

PRIMO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 13]
1] Davide si consigliò con i capi di migliaia e di centinaia e con tutti i prìncipi.
2] A tutta l'assemblea d'Israele Davide disse:
«Se vi piace e se il Signore nostro Dio lo consente,
comunichiamo ai nostri fratelli rimasti in tutte le regioni di Israele,
ai sacerdoti e ai leviti nelle città dei loro pascoli,
di radunarsi presso di noi.
3] Così riporteremo l'arca del nostro Dio qui presso di noi,
perché non ce ne siamo più curati dal tempo di Saul».
4] Tutti i partecipanti all'assemblea approvarono che si facesse così,
perché la proposta parve giusta agli occhi di tutto il popolo.
5] Davide convocò tutto Israele,
da Sicor d'Egitto fino al passo di Amat,
per trasportare l'arca di Dio da Kiriat-Iearìm.
6] Davide con tutto Israele salì a Baala,
in Kiriat-Iearìm,
che apparteneva a Giuda,
per prendere di la l'arca di Dio,
chiamata:
Il Signore seduto sui cherubini.
7] Dalla casa di Abinadab trasportarono l'arca di Dio su un carro nuovo;
Uzza e Achio guidavano il carro.
8] Davide e tutto Israele danzavano con tutte le forze davanti a Dio,
cantando e suonando cetre,
arpe,
timpani,
cembali e trombe.
9] Giunti all'aia di Chidon,
Uzza stese la mano per trattenere l'arca,
perché i buoi la facevano barcollare.
10] Ma l'ira del Signore divampò contro Uzza e lo colpì perché aveva steso la mano sull'arca.
Così egli morì lì davanti a Dio.
11] Davide si rattristò,
perché il Signore era sceso con ira contro Uzza e chiamò quel luogo Perez-Uzza,
nome ancora in uso.
12] In quel giorno Davide ebbe paura di Dio e pensò:
«Come potrei condurre presso di me l'arca di Dio?».
13] Così Davide non portò l'arca presso di sé nella città di Davide,
ma la diresse verso la casa di Obed-Edom di Gat.
14] L'arca di Dio rimase nella casa di Obed-Edom tre mesi.
Il Signore benedisse la casa di Obed-Edom e quanto gli apparteneva.

PRIMO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 14]

1] Chiram,
re di Tiro,
mandò messaggeri a Davide con legno di cedro,
muratori e falegnami per costruirgli una casa.
2] Davide allora riconobbe che il Signore l'aveva confermato re su Israele e che il suo regno era molto esaltato a causa del suo popolo Israele.
3] Davide prese altre mogli in Gerusalemme e generò figli e figlie.
4] I figli che gli erano nati in Gerusalemme si chiamavano Sammua,
Sobab,
Natan,
Salomone.
5] Ibcar,
Elisua,
Elipelet.
6] Noga,
Nefeg,
Iafia.
7] Elisama,
Beeliada ed Elifèlet.
8] Quando i Filistei seppero che Davide era stato unto re su tutto Israele,
vennero tutti per impadronirsi di lui.
Appena ne fu informato,
Davide uscì loro incontro.
9] I Filistei giunsero e si sparsero per la valle di Rèfaim.
10] Davide consultò Dio:
«Se marcio contro i Filistei,
li metterai nelle mie mani?».
Il Signore rispose:
«Marcia;
li metterò nelle tue mani».
11] Quelli vennero a Baal-Perazìm e la Davide li sconfisse.
Questi disse:
«Dio ha aperto per mio mezzo una breccia fra i miei nemici,
come una breccia prodotta dall'acqua»;
per questo il luogo fu chiamato Baal-Perazìm.
12] I Filistei vi abbandonarono i loro idoli e Davide ordinò:
«Brucino tra le fiamme!».
13] Di nuovo i Filistei tornarono a invadere la valle.
14] Davide consultò ancora Dio,
che gli rispose:
«Non seguirli;
aggirali e raggiungili dalla parte di Becoim.
15] Quando sentirai rumore di passi fra le cime degli alberi,
allora uscirai a combattere,
perché Dio ti precedera per colpire l'accampamento dei Filistei».
16] Davide fece come Dio gli aveva comandato.
Sbaragliò l'esercito dei Filistei da Gabaon fino a Ghezer.
17] La fama di Davide si diffuse in tutti i paesi,
mentre il Signore lo rendeva terribile fra tutte le genti.

PRIMO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 15]

1] Egli si costruì edifici nella città di Davide,
preparò il posto per l'arca di Dio ed eresse per essa una tenda.
2] Allora Davide disse:
«Nessuno,
se non i leviti,
porti l'arca di Dio,
perché Dio li ha scelti come portatori dell'arca e come suoi ministri per sempre».
3] Davide convocò tutto Israele in Gerusalemme per trasportare l'arca del Signore nel posto che le aveva preparato.
4] Davide radunò i figli di Aronne e i leviti.
5] Dei figli di Keat:
Urièl il capo con i centoventi fratelli;
6] dei figli di Merari:
Asaia il capo con i duecentoventi fratelli;
7] dei figli di Gherson:
Gioele il capo con i centotrenta fratelli;
8] dei figli di Elisafan:
Semaia il capo con i duecento fratelli;
9] dei figli di Ebron:
Eliel il capo con gli ottanta fratelli;
10] dei figli di Uzziel:
Amminadab il capo con i centodieci fratelli.
11] Davide chiamò i sacerdoti Zadok ed Ebiatar e i leviti Urièl,
Asaia,
Gioele,
Semaia,
Eliel e Amminadab 12] e disse loro:
«Voi siete i capi dei casati levitici.
Santificatevi,
voi e i vostri fratelli.
Quindi trasportate l'arca del Signore,
Dio di Israele,
nel posto che io le ho preparato.
13] Poiché la prima volta voi non c'eravate,
il Signore nostro Dio si irritò con noi;
non c'eravamo infatti rivolti a voi,
come conveniva».
14] I sacerdoti e i leviti si santificarono per trasportare l'arca del Signore Dio di Israele.
15] I figli dei leviti sollevarono l'arca di Dio sulle loro spalle per mezzo di stanghe,
come aveva prescritto Mose sulla parola del Signore.
16] Davide disse ai capi dei leviti di mandare i loro fratelli,
i cantori con gli strumenti musicali,
arpe,
cetre e cembali,
perché,
levando la loro voce,
facessero udire i suoni di gioia.
17] I leviti destinarono Eman figlio di Gioele,
Asaf uno dei suoi fratelli,
figlio di Berechia,
e,
fra i figli di Merari,
loro fratelli,
Etan figlio di Kusaia.
18] Con loro c'erano i loro fratelli di secondo grado:
Zaccaria,
Uzziel,
Semiramot,
Iechièl,
Unni,
Eliel,
Benaia,
Maaseia,
Mattatia,
Elifel,
Micneia,
Obed-Edom e Ieièl portieri.
19] I cantori Eman,
Asaf ed Etan usavano cembali di bronzo per il loro suono squillante.
20] Zaccaria,
Uzziel,
Semiramot,
Iechièl,
Unni,
Eliab,
Maaseia e Benaia suonavano arpe in sordina.
21] Mattatia,
Elifel,
Micneia,
Obed-Edom,
Ieièl,
Azaria suonavano sull'ottava per dare il tono.
22] Chenania,
capo dei leviti,
dirigeva l'esecuzione,
perché era esperto.
23] Berechia ed Elkana facevano da portieri presso l'arca.
24] I sacerdoti Sebania,
Giosafat,
Netaneèl,
Amasai,
Zaccaria,
Benaia,
Eliezer suonavano le trombe davanti all'arca di Dio;
Obed-Edom e Iechièl facevano da portieri presso l'arca.
25] Davide,
gli anziani di Israele e i capi di migliaia procedettero con gioia al trasporto dell'arca dell'alleanza del Signore dalla casa di Obed-Edom.
26] Poiché Dio assisteva i leviti che portavano l'arca dell'alleanza del Signore,
si sacrificarono sette giovenchi e sette arieti.
27] Davide indossava un manto di bisso,
come pure tutti i leviti che portavano l'arca,
i cantori e Chenania che dirigeva l'esecuzione.
Davide aveva inoltre un efod di lino.
28] Tutto Israele accompagnava l'arca dell'alleanza del Signore con grida,
con suoni di corno,
con trombe e con cembali,
suonando arpe e cetre.
29] Quando l'arca dell'alleanza del Signore giunse alla città di Davide,
Mical,
figlia di Saul,
guardando dalla finestra,
vide il re danzare e saltare;
lo disprezzò in cuor suo.

PRIMO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 16]

1] Così introdussero e collocarono l'arca di Dio al centro della tenda eretta per essa da Davide;
offrirono olocausti e sacrifici di comunione a Dio.
2] Terminati gli olocausti e i sacrifici di comunione,
Davide benedisse il popolo in nome del Signore.
3] Distribuì a tutti gli Israeliti,
uomini e donne,
una pagnotta,
una porzione di carne e una schiacciata d'uva.
4] Egli stabilì che alcuni leviti stessero davanti all'arca del Signore come ministri per celebrare,
ringraziare e lodare il Signore,
Dio di Israele.
5] Erano Asaf il capo,
Zaccaria il suo secondo,
Uzzièl,
Semiramot,
Iechièl,
Mattatia,
Eliab,
Benaia,
Obed-Edom e Ieièl,
che suonavano strumenti musicali,
arpe e cetre;
Asaf suonava i cembali.
6] I sacerdoti Benaia e Iacazièl con le trombe erano sempre davanti all'arca dell'alleanza di Dio.
7] Proprio in quel giorno Davide per la prima volta affidò ad Asaf e ai suoi fratelli questa lode al Signore:
8] Lodate il Signore,
acclamate il suo nome;
manifestate ai popoli le sue gesta.
9] Cantate in suo onore,
inneggiate a lui,
ripetete tutti i suoi prodigi.
10] Gloriatevi sul suo santo nome;
gioisca il cuore di quanti ricercano il Signore.
11] Cercate il Signore e la sua forza,
ricercate sempre il suo volto.
12] Ricordate i prodigi che egli ha compiuti,
i suoi miracoli e i giudizi della sua bocca.
13] Stirpe di Israele suo servo,
figli di Giacobbe,
suoi eletti,
14] egli,
il Signore,
è il nostro Dio;
in tutta la terra fanno legge i suoi giudizi.
15] Si ricorda sempre dell'alleanza,
della parola data a mille generazioni,
16] dell'alleanza conclusa con Abramo,
del giuramento fatto a Isacco,
17] confermato a Giacobbe come statuto,
a Israele come alleanza perenne:
18] «A te darò il paese di Canaan,
come tua parte di eredita».
19] Eppure costituivano un piccolo numero;
erano pochi e per di più stranieri nel paese.
20] Passarono dall'una all'altra nazione,
da un regno a un altro popolo.
21] Egli non tollerò che alcuno li opprimesse;
per essi egli castigò i re:
22] «Non toccate i miei consacrati,
non maltrattate i miei profeti».
23] Cantate al Signore,
abitanti di tutta la terra;
annunziate ogni giorno la sua salvezza.
24] Proclamate fra i popoli la sua gloria,
fra tutte le nazioni i suoi prodigi.
25] Difatti grande è il Signore,
degnissimo di lode e tremendo sopra tutti gli dei.
26] Tutti gli dei venerati dai popoli sono un nulla;
il Signore,
invece,
ha formato il cielo.
27] Splendore e maesta stanno davanti a lui;
potenza e bellezza nel suo santuario.
28] Date per il Signore,
stirpi dei popoli,
date per il Signore gloria e onore.
29] Date per il Signore gloria al suo nome;
con offerte presentatevi a lui.
Prostratevi al Signore in sacri ornamenti.
30] Tremate davanti a lui,
abitanti di tutta la terra;
egli fissò il mondo sì che non crolli.
31] Gioiscano i cieli ed esulti la terra;
si dica fra i popoli:
«Il Signore regna».
32] Frema il mare con quanto contiene;
tripudi la campagna con quanto è in essa.
33] Gridino di giubilo gli alberi della foresta di fronte al Signore,
perché viene per giudicare la terra.
34] Lodate il Signore,
perché è buono,
perché la sua grazia dura sempre.
35] Dite:
«Salvaci,
Dio della nostra salvezza;
raccoglici,
liberaci dalle genti sì che possiamo celebrare il tuo santo nome,
gloriarci della tua lode.
36] Sia benedetto il Signore,
Dio di Israele,
di secolo in secolo».
E tutto il popolo disse:
«Amen,
alleluia».
37] Quindi Davide lasciò Asaf e i suoi fratelli davanti all'arca dell'alleanza del Signore,
perché officiassero davanti all'arca secondo il rituale quotidiano;
38] lasciò Obed-Edom figlio di Idutun,
e Cosa,
insieme con sessantotto fratelli,
come portieri.
39] Egli incaricò della Dimora del Signore che era sull'altura di Gabaon il sacerdote Zadok e i suoi fratelli.
40] perché offrissero olocausti al Signore sull'altare degli olocausti per sempre,
al mattino e alla sera,
e compissero quanto è scritto nella legge che il Signore aveva imposta a Israele.
41] Con loro erano Eman,
Idutun e tutti gli altri scelti e designati per nome perché lodassero il Signore,
perché la sua grazia dura sempre.
42] Con loro avevano trombe e cembali per suonare e altri strumenti per il canto divino.
I figli di Idutun erano incaricati della porta.
43] Infine tutto il popolo andò a casa e Davide tornò per salutare la sua famiglia.

PRIMO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 17]

1] Una volta stabilitosi in casa,
Davide disse al profeta Natan:
«Ecco,
io abito una casa di cedro mentre l'arca dell'alleanza del Signore sta sotto una tenda».
2] Natan rispose a Davide:
«fa quanto desideri in cuor tuo,
perché Dio è con te».
3] Ora in quella medesima notte questa parola di Dio fu rivolta a Natan:
4] «Va a riferire a Davide mio servo:
Dice il Signore:
Tu non mi costruirai la casa per la mia dimora.
5] Difatti io non ho mai abitato in una casa da quando feci uscire Israele dall'Egitto fino ad oggi.
Io passai da una tenda all'altra e da una dimora all'altra.
6] Durante tutto il tempo in cui ho camminato insieme con tutto Israele non ho mai detto a qualcuno dei Giudici,
ai quali avevo ordinato di pascere il mio popolo:
Perché non mi avete costruito una casa di cedro? 7] Ora,
riferirai al mio servo Davide:
Dice il Signore degli eserciti:
Io ti ho preso dal pascolo,
mentre seguivi il gregge,
per costituirti principe sul mio popolo Israele.
8] Sono stato con te in tutte le tue imprese;
ho distrutto tutti i tuoi nemici davanti a te;
renderò il tuo nome come quello dei più grandi personaggi sulla terra.
9] Destinerò un posto per il mio popolo Israele;
ivi lo pianterò perché vi si stabilisca e non debba vivere ancora nell'instabilita e i malvagi non continuino ad angariarlo come una volta.
10] come quando misi i Giudici a capo di Israele.
Umilierò tutti i tuoi nemici,
mentre ingrandirò te.
Il Signore ha intenzione di costruire a te una casa.
11] Quando i tuoi giorni saranno finiti e te ne andrai con i tuoi padri,
susciterò un discendente dopo di te,
uno dei tuoi figli,
e gli renderò saldo il regno.
12] Costui mi costruira una casa e io gli assicurerò il trono per sempre.
13] Io sarò per lui un padre e lui sara per me un figlio;
non ritirerò da lui il mio favore come l'ho ritirato dal tuo predecessore.
14] Io lo farò star saldo nella mia casa,
nel mio regno;
il suo trono sara sempre stabile».
15] Natan riferì a Davide tutte queste parole e tutta la presente visione.
16] Allora il re Davide,
presentatosi al Signore disse:
«Chi sono io,
Signore Dio,
e che cos'è la mia casa perché tu mi abbia condotto fin qui? 17] E,
quasi fosse poco ciò per i tuoi occhi,
o Dio,
ora parli della casa del tuo servo nel lontano avvenire;
mi hai fatto contemplare come una successione di uomini in ascesa,
Signore Dio! 18] Come può pretendere Davide di aggiungere qualcosa alla tua gloria? Tu conosci il tuo servo.
19] Signore,
per amore del tuo servo e secondo il tuo cuore hai compiuto quest'opera straordinaria per manifestare tutte le tue meraviglie.
20] Signore,
non esiste uno simile a te e non c'è Dio fuori di te,
come abbiamo sentito con i nostri orecchi.
21] E chi è come il tuo popolo,
Israele,
l'unico popolo sulla terra che Dio sia andato a riscattare per farne un suo popolo e per procurarsi un nome grande e stabile? Tu hai scacciato le nazioni davanti al tuo popolo,
che tu hai riscattato dall'Egitto.
22] Hai deciso che il tuo popolo Israele sia tuo popolo per sempre.
Tu,
Signore,
sei stato il loro Dio.
23] Ora,
Signore,
la parola che hai pronunciata sul tuo servo e sulla sua famiglia resti sempre verace;
fa come hai detto.
24] Sia saldo e sia sempre magnificato il tuo nome! Si possa dire:
Il Signore degli eserciti è Dio per Israele! La casa di Davide tuo servo sara stabile davanti a te.
25] Tu,
Dio mio,
hai rivelato al tuo servo l'intenzione di costruirgli una casa,
per questo il tuo servo ha trovato l'ardire di pregare alla tua presenza.
26] Ora tu,
Signore,
sei Dio;
tu hai promesso al tuo servo tanto bene.
27] Pertanto ti piaccia di benedire la casa del tuo servo perché sussista per sempre davanti a te,
poiché quanto tu benedici è sempre benedetto».

PRIMO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 18]

1] In seguito Davide sconfisse i Filistei,
li piegò e tolse loro Gat con le dipendenze.
2] Quindi sconfisse i Moabiti,
che divennero sudditi e tributari di Davide.
3] Davide sconfisse anche Hadad-Ezer,
re di Zoba,
verso Amat,
nella sua marcia verso il fiume Eufrate per stabilirvi il suo dominio.
4] Davide gli prese mille carri,
settemila cavalieri e ventimila fanti.
Davide poi fece tagliare i garretti a tutti i cavalli,
risparmiandone un centinaio.
5] Gli Aramei di Damasco andarono in aiuto di Hadad-Ezer,
re di Zoba,
ma Davide ne uccise ventiduemila.
6] Davide mise guarnigioni in Aram di Damasco;
gli Aramei divennero sudditi e tributari di Davide.
Il Signore rese vittorioso Davide in ogni sua impresa.
7] Davide prese gli scudi d'oro agli ufficiali di Hadad-Ezer e li portò in Gerusalemme.
8] Da Tibcat e da Cun,
città di Hadad-Ezer,
Davide asportò una grande quantita di bronzo,
con cui Salomone costruì il bacino di bronzo,
le colonne e i vari arredi di bronzo.
9] Tou re di Amat,
saputo che Davide aveva sconfitto tutto l'esercito di Hadad-Ezer re di Zoba.
10] mandò Adoram suo figlio per salutare il re Davide e per felicitarsi con lui d'avere assalito e vinto Hadad-Ezer,
poiché Tou era sempre in guerra con Hadad-Ezer;
Adoram portava con sé oggetti d'oro,
d'argento e di bronzo.
11] Anche tali oggetti il re Davide li consacrò al Signore insieme con l'argento e l'oro che aveva preso da tutti gli altri popoli,
ossia da Edom,
da Moab,
dagli Ammoniti,
dai Filistei e dagli Amaleciti.
12] Abisai figlio di Zeruia sconfisse nella Valle del sale diciottomila Idumei.
13] Pose guarnigioni in Edom;
tutti gli Idumei divennero sudditi di Davide.
Il Signore rendeva vittorioso Davide in ogni sua impresa.
14] Davide regnò su tutto Israele e rese giustizia con retti giudizi a tutto il popolo.
15] Ioab figlio di Zeruia comandava l'esercito;
Giosafat figlio di Achilud era archivista.
16] Zadok figlio di Achitùb e Abimèlech figlio di Ebiatar erano sacerdoti;
Savsa era scriba.
17] Benaia figli di Ioiada comandava i Cretei e i Peletei;
i figli di Davide erano i primi al fianco del re.

PRIMO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 19]

1] Dopo,
morì Nacas re degli Ammoniti;
al suo posto divenne re suo figlio.
2] Davide disse:
«Userò benevolenza con Canun figlio di Nacas,
perché anche suo padre è stato benevolo con me».
Davide mandò messaggeri per consolarlo della morte di suo padre.
I ministri di Davide andarono nella regione degli Ammoniti da Canun per consolarlo.
3] Ma i capi degli Ammoniti dissero a Canun:
«Forse Davide intende onorare tuo padre ai tuoi occhi mandandoti consolatori? Questi suoi ministri non sono venuti forse da te per spiare,
per informarsi e per esplorare la regione?».
4] Canun allora prese i ministri di Davide,
li fece radere,
tagliò a metà le loro vesti fino alle natiche e li rimandò.
5] Alcuni vennero a riferire a Davide la sorte di quegli uomini.
Poiché costoro si vergognavano moltissimo,
il re mandò ad incontrarli con questo messaggio:
«Rimanete in Gerico finché non sia cresciuta la vostra barba;
allora ritornerete».
6] Gli Ammoniti,
accortisi di essersi inimicati Davide,
mandarono,
essi e Canun,
mille talenti d'argento per assoldare carri e cavalieri nel paese dei due fiumi,
in Aram Maaca e in Zoba.
7] Assoldarono trentaduemila carri e il re di Maaca con le sue truppe.
Questi vennero e si accamparono di fronte a Madaba;
frattanto gli Ammoniti si erano radunati dalle loro città e si erano mossi per la guerra.
8] Quando Davide lo venne a sapere,
mandò Ioab con tutto il gruppo dei prodi.
9] Gli Ammoniti uscirono per disporsi a battaglia davanti alla città mentre i re alleati stavano da parte nella campagna.
10] Ioab si accorse che la battaglia gli si profilava di fronte e alle spalle.
Egli scelse i migliori di Israele e li schierò contro gli Aramei.
11] Affidò il resto dell'esercito ad Abisai suo fratello che lo schierò contro gli Ammoniti.
12] E gli disse:
«Se gli Aramei prevarranno su di me,
mi verrai in aiuto;
se invece gli Ammoniti prevarranno su di te,
io ti verrò in aiuto.
13] Coraggio,
dimostriamoci forti per il nostro popolo e per le città del nostro Dio;
il Signore faccia ciò che gli piacera».
14] Ioab con i suoi mosse verso gli Aramei per combatterli,
ma essi fuggirono davanti a lui.
15] Anche gli Ammoniti,
visto che gli Aramei si erano dati alla fuga,
fuggirono di fronte ad Abisai fratello di Ioab,
rientrando in città.
Ioab allora tornò in Gerusalemme.
16] Gli Aramei,
visto che erano stati battuti dagli Israeliti,
mandarono messaggeri e fecero venire gli Aramei d'Oltrefiume;
li comandava Sofach,
capo dell'esercito di Hadad-Ezer.
17] Quando ciò fu riferito a Davide,
egli radunò tutto Israele e attraversò il Giordano.
Li raggiunse e si schierò davanti a loro;
Davide si dispose per la battaglia contro gli Aramei,
che l'attaccarono.
18] Gli Aramei fuggirono di fronte agli Israeliti.
Davide uccise,
degli Aramei,
settemila cavalieri e quarantamila fanti;
uccise anche Sofach capo dell'esercito.
19] Gli uomini di Hadad-Ezer,
visto che erano stati battuti dagli Israeliti,
fecero la pace con Davide e si sottomisero a lui.
Gli Aramei non vollero più recare aiuto agli Ammoniti.

PRIMO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 20]

1] All'inizio dell'anno successivo,
quando i re sono soliti andare in guerra,
Ioab,
alla testa di un forte esercito,
devastò la regione degli Ammoniti,
quindi andò ad assediare Rabba,
mentre Davide se ne stava in Gerusalemme.
Ioab occupò e distrusse Rabba.
2] Davide prese dalla testa di Milcom il diadema;
trovò che pesava un talento d'oro;
in esso era incastonata una pietra preziosa.
Il diadema fu posto sulla testa di Davide.
Egli asportò dalla città un grande bottino.
3] Ne fece uscire anche gli abitanti,
che destinò ai lavori con seghe,
picconi di ferro e asce.
Allo stesso modo Davide trattò tutte le città degli Ammoniti.
Quindi Davide con tutti i suoi tornò in Gerusalemme.
4] Dopo,
ci fu una guerra in Ghezer con i Filistei.
Allora Sibbekai di Cusa uccise Sippai dei discendenti dei Refaim.
I Filistei furono soggiogati.
5] Ci fu un'altra guerra con i Filistei,
nella quale Elcanan figlio di Iair uccise Lacmi,
fratello di Golia di Gat,
l'asta della cui lancia era come un subbio di tessitore.
6] Ci fu un'altra guerra in Gat,
durante la quale un uomo molto alto,
con le dita a sei a sei,
- in totale ventiquattro - anch'egli era della stirpe di Rafa - 7] ingiuriò Israele;
Giònata figlio di Simea,
fratello di Davide,
l'uccise.
8] Questi uomini erano discendenti di Rafa in Gat;
essi caddero colpiti da Davide e dai suoi uomini.

PRIMO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 21]

1] Satana insorse contro Israele.
Egli spinse Davide a censire gli Israeliti.
2] Davide disse a Ioab e ai capi del popolo:
«Andate,
contate gli Israeliti da Bersabea a Dan;
quindi portatemene il conto sì che io conosca il loro numero».
3] Ioab disse a Davide:
«Il Signore aumenti il suo popolo sì da renderlo cento volte tanto! Ma,
mio signore,
essi non sono tutti sudditi del mio signore? Perché il mio signore vuole questa inchiesta? Perché dovrebbe cadere tale colpa su Israele?».
4] Ma l'opinione del re si impose a Ioab.
Questi percorse tutto Israele,
quindi tornò a Gerusalemme.
5] Ioab consegnò a Davide il numero del censimento del popolo.
In tutto Israele risultarono un milione e centomila uomini atti alle armi;
in Giuda risultarono quattrocentosettantamila uomini atti alle armi.
6] Fra costoro Ioab non censì i leviti ne la tribù di Beniamino,
perché l'ordine del re gli appariva un abominio.
7] Il fatto dispiacque agli occhi di Dio,
che perciò colpì Israele.
8] Davide disse a Dio:
«Facendo una cosa simile,
ho peccato gravemente.
Perdona,
ti prego,
l'iniquita del tuo servo,
perché ho commesso una vera follia».
9] Il Signore disse a Gad,
veggente di Davide:
10] «Va,
riferisci a Davide:
Dice il Signore:
Ti pongo davanti tre cose,
scegline una e io te la concederò».
11] Gad andò da Davide e gli riferì:
«Dice il Signore:
Scegli 12] fra tre anni di carestia,
tre mesi di fuga per te di fronte ai tuoi avversari,
sotto l'incubo della spada dei tuoi nemici,
e tre giorni della spada del Signore con la peste che si diffonde sul paese e l'angelo del Signore che porta lo sterminio in tutto il territorio di Israele.
Ora decidi che cosa io debba riferire a chi mi ha inviato».
13] Davide disse a Gad:
«Sono in un'angoscia terribile.
Ebbene,
io cada nelle mani del Signore,
perché la sua misericordia è molto grande,
ma io non cada nelle mani degli uomini».
14] Così il Signore mandò la peste in Israele;
morirono settantamila Israeliti.
15] Dio mandò un angelo in Gerusalemme per distruggerla.
Ma,
come questi stava distruggendola,
il Signore volse lo sguardo e si astenne dal male minacciato.
Egli disse all'angelo sterminatore:
«Ora basta! Ritira la mano».
L'angelo del Signore stava in piedi presso l'aia di Ornan il Gebuseo.
16] Davide,
alzati gli occhi,
vide l'angelo del Signore che stava fra terra e cielo con la spada sguainata in mano,
tesa verso Gerusalemme.
Allora Davide e gli anziani,
coperti di sacco,
si prostrarono con la faccia a terra.
17] Davide disse a Dio:
«Non sono forse stato io a ordinare il censimento del popolo? Io ho peccato e ho commesso il male;
costoro,
il gregge,
che cosa hanno fatto? Signore Dio mio,
sì,
la tua mano infierisca su di me e sul mio casato,
ma non colpisca il tuo popolo».
18] L'angelo del Signore ordinò a Gad di riferire a Davide che salisse ad erigere un altare al Signore nell'aia di Ornan il Gebuseo.
19] Davide vi andò secondo l'ordine di Gad,
comunicatogli a nome del Signore.
20] Ornan si volse e vide l'angelo;
i suoi quattro figli,
che erano con lui,
si nascosero.
Ornan stava trebbiando il grano.
21] quando gli si avvicinò Davide.
Ornan guardò e,
riconosciuto Davide,
uscì dall'aia,
prostrandosi con la faccia a terra davanti a Davide.
22] Davide disse a Ornan:
«Cedimi il terreno dell'aia,
perché io vi costruisca un altare al Signore;
cedimelo per tutto il suo valore,
così che il flagello cessi di infierire sul popolo».
23] Ornan rispose a Davide:
«Prenditelo;
il re mio signore ne faccia quello che vuole.
Vedi,
io ti do anche i buoi per gli olocausti,
le trebbie per la legna e il grano per l'offerta;
tutto io ti offro».
24] Ma il re Davide disse a Ornan:
«No! Lo voglio acquistare per tutto il suo valore;
non presenterò al Signore una cosa che appartiene a te offrendo così un olocausto gratuitamente».
25] E così Davide diede a Ornan seicento sicli d'oro per il terreno.
26] Quindi Davide vi eresse un altare per il Signore e vi offrì olocausti e sacrifici di comunione.
Invocò il Signore,
che gli rispose con il fuoco sceso dal cielo sull'altare dell'olocausto.
27] Il Signore ordinò all'angelo e questi ripose la spada nel fodero.
28] Allora,
visto che il Signore l'aveva ascoltato sull'aia di Ornan il Gebuseo,
Davide offrì la un sacrificio.
29] La Dimora del Signore,
eretta da Mose nel deserto,
e l'altare dell'olocausto in quel tempo stavano sull'altura che era in Gabaon;
30] ma Davide non osava recarsi la a consultare Dio perché si era molto spaventato di fronte alla spada dell'angelo del Signore.

PRIMO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 22]

1] Davide disse:
«Questa è la casa del Signore Dio e questo è l'altare per gli olocausti di Israele».
2] Davide ordinò di radunare gli stranieri che erano nel paese di Israele.
Quindi diede incarico agli scalpellini perché squadrassero pietre per la costruzione del tempio.
3] Davide preparò ferro per i chiodi dei battenti delle porte e per le spranghe di ferro e anche molto bronzo in quantita incalcolabile.
4] Il legno di cedro non si contava,
poiché quelli di Sidone e di Tiro avevano portato a Davide molto legno di cedro.
5] Davide pensava:
«Mio figlio Salomone è ancora giovane e inesperto,
mentre la costruzione da erigersi per il Signore deve essere straordinariamente grande,
tale da suscitare fama e ammirazione in tutti i paesi;
per questo ne farò i preparativi io».
Davide,
prima di morire,
effettuò preparativi imponenti.
6] Poi chiamò Salomone suo figlio e gli comandò di costruire un tempio al Signore Dio di Israele.
7] Davide disse a Salomone:
«Figlio mio,
io avevo deciso di costruire un tempio al nome del Signore mio Dio.
8] Ma mi fu rivolta questa parola del Signore:
Tu hai versato troppo sangue e hai fatto grandi guerre;
per questo non costruirai il tempio al mio nome,
perché hai versato troppo sangue sulla terra davanti a me.
9] Ecco ti nascera un figlio,
che sara uomo di pace;
io gli concederò la tranquillita da parte di tutti i suoi nemici che lo circondano.
Egli si chiamera Salomone.
Nei suoi giorni io concederò pace e tranquillita a Israele.
10] Egli costruira un tempio al mio nome;
egli sara figlio per me e io sarò padre per lui.
Stabilirò il trono del suo regno su Israele per sempre.
11] Ora,
figlio mio,
il Signore sia con te perché tu riesca a costruire un tempio al Signore tuo Dio,
come ti ha promesso.
12] Ebbene,
il Signore ti conceda senno e intelligenza,
ti costituisca re di Israele per osservare la legge del Signore tuo Dio.
13] Certo riuscirai,
se cercherai di praticare gli statuti e i decreti che il Signore ha prescritti a Mose per Israele.
Sii forte,
coraggio;
non temere e non abbatterti.
14] Ecco,
anche in mezzo alle angosce,
ho preparato per il tempio centomila talenti d'oro,
un milione di talenti d'argento,
bronzo e ferro in quantita incalcolabile.
Inoltre ho preparato legname e pietre;
tu ve ne aggiungerai ancora.
15] Ti assisteranno molti operai,
scalpellini e lavoratori della pietra e del legno e tecnici di ogni sorta per qualsiasi lavoro.
16] L'oro,
l'argento,
il bronzo e il ferro non si calcolano;
su,
mettiti al lavoro e il Signore ti assista».
17] Davide comandò a tutti i capi di Israele di aiutare Salomone suo figlio.
18] Disse:
«Il Signore vostro Dio non è forse con voi e non vi ha concesso tranquillita all'intorno? Difatti ha gia messo nelle mie mani gli abitanti della regione;
il paese si è assoggetato davanti al Signore e davanti al suo popolo.
19] Ora perciò dedicatevi con tutto il cuore e con tutta l'anima alla ricerca del Signore vostro Dio.
Su,
costruite il santuario del Signore vostro Dio,
per introdurre l'arca dell'alleanza del Signore e gli oggetti consacrati a Dio nel tempio che sara eretto al nome del Signore».

PRIMO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 23]

1] Davide,
ormai vecchio e sazio di giorni,
nominò re su Israele suo figlio Salomone.
2] Egli radunò tutti i capi di Israele,
i sacerdoti e i leviti.
3] Si contarono i leviti,
dai trent'anni in su;
censiti,
uno per uno,
risultarono trentottomila.
4] «Di costoro ventiquattromila dirigano l'attivita del tempio,
seimila siano magistrati e giudici.
5] quattromila portieri e quattromila lodino il Signore con tutti gli strumenti inventati da me per lodarlo».
6] Davide divise in classi i figli di Levi:
Gherson,
Keat e Merari.
7] Dei Ghersoniti:
Ladan e Simei.
8] Figli di Ladan:
Iechièl,
primo,
Zetan e Gioele;
tre.
9] Figli di Simei:
Selomìt,
Cazièl,
Aran;
tre.
Costoro sono i capi dei casati di Ladan.
10] Figli di Simei:
Iacat,
Ziza,
Ieus,
Beria;
questi sono i quattro figli di Simei.
11] Iacat era il capo e Ziza il secondo.
Ieus e Beria non ebbero molti figli;
riguardo al censimento furono considerati come unico casato.
12] Figli di Keat:
Amram,
Isear,
Ebron e Uzziel;
quattro.
13] Figli di Amram:
Aronne e Mose.
Aronne fu scelto per consacrare le cose sacrosante,
egli e i suoi figli,
per sempre,
perché offrisse incenso davanti al Signore,
lo servisse e benedicesse in suo nome per sempre.
14] Riguardo a Mose,
uomo di Dio,
i suoi figli furono contati nella tribù di Levi.
15] Figli di Mose:
Gherson ed Eliezèr.
16] Figli di Gerson:
Sebuèl,
il primo.
17] I figli di Eliezèr furono Recabia,
il primo.
Eliezèr non ebbe altri figli,
mentre i figli di Recabia furono moltissimi.
18] Figli di Isear:
Selomìt,
il primo.
19] Figli di Ebron:
Ieria il primo,
Amaria secondo,
Iacaziel terzo,
Iekameam quarto.
20] Figli di Uzziel:
Mica il primo,
Icasia secondo.
21] Figli di Merari:
Macli e Musi.
Figli di Macli:
Eleazaro e Kis.
22] Eleazaro morì senza figli,
avendo soltanto figlie;
le sposarono i figli di Kis,
loro fratelli.
23] Figli di Musi:
Macli,
Eder e Ieremòt;
tre.
24] Questi sono i figli di Levi secondo i loro casati,
i capifamiglia secondo il censimento,
contati nominalmente,
uno per uno,
incaricati dei lavori per il servizio del tempio,
dai venti anni in su.
25] Poiché Davide aveva detto:
«Il Signore,
Dio di Israele,
ha concesso la tranquillita al suo popolo;
egli si è stabilito in Gerusalemme per sempre.
26] anche i leviti non avranno più da trasportare la Dimora e tutti i suoi oggetti per il suo servizio».
27] Secondo le ultime disposizioni di Davide,
il censimento dei figli di Levi si fece dai venti anni in su.
28] Dipendevano dai figli di Aronne per il servizio del tempio;
presiedevano ai cortili,
alle stanze,
alla purificazione di ogni cosa sacra e all'attivita per il servizio del tempio.
29] al pane dell'offerta,
alla farina,
all'offerta,
alle focacce non lievitate,
alle cose da cuocere sulle graticole e da friggere e a tutte le misure di capacita e di lunghezza.
30] Dovevano presentarsi ogni mattina per celebrare e lodare il Signore,
così pure alla sera.
31] Presiedevano a tutti gli olocausti da offrire al Signore nei sabati,
nei noviluni,
nelle feste fisse,
secondo un numero preciso e secondo le loro regole,
sempre davanti al Signore.
32] Pensavano anche al servizio della tenda del convegno e al servizio del santuario e stavano agli ordini dei figli di Aronne,
loro fratelli,
per il servizio del tempio.

PRIMO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 24]

1] Classi dei figli di Aronne.
Figli di Aronne:
Nadab,
Abiu,
Ebiatar,
Eleazaro e Itamar.
2] Nadab e Abiu morirono prima del padre e non lasciarono discendenti.
Esercitarono il sacerdozio Eleazaro e Itamar.
3] Davide,
insieme con Zadok dei figli di Eleazaro e con Achimelech dei figli di Itamar,
li divise in classi secondo il loro servizio.
4] Poiché risultò che i figli di Eleazaro,
relativamente alla somma dei maschi,
erano più numerosi dei figli di Itamar,
furono così classificati:
sedici capi di casati per i figli di Eleazaro,
otto per i figli di Itamar.
5] Li divisero a sorte,
questi come quelli,
perché c'erano principi del santuario e principi di Dio sia tra i figli di Eleazaro che tra i figli di Itamar.
6] Lo scriba Semaia figlio di Netaneèl,
dei figli di Levi,
ne fece il catalogo alla presenza del re,
dei capi,
del sacerdote Zadok,
di Achimelech figlio di Ebiatar,
dei capi dei casati sacerdotali e levitici;
si registravano due casati per Eleazaro e uno per Itamar.
7] La prima sorte toccò a Ioarib,
la seconda a Iedaia.
8] la terza a Carim,
la quarta a Seorim.
9] la quinta a Malchia,
la sesta a Miamin.
10] la settimana a Akkoz,
l'ottava ad Abia.
11] la nona a Giosue,
la decima a Secania.
12] l'undecima a Eliasib,
la dodicesima a Iakim.
13] la tredicesima a Cuppa,
la quattordicesima a Is-Baal,
14] la quindicesima a Bilga,
la sedicesima a Immer.
15] la diciassettesima a Chezir,
la diciottesima a Happizzès.
16] la diciannovesima a Petachia,
la ventesima a Ezechiele.
17] la ventunesima a Iachin,
la ventiduesima a Gamul,
18] la ventitreesima a Delaia,
la ventiquattresima a Maazia.
19] Questi furono i turni per il loro servizio;
a turno entravano nel tempio secondo la regola stabilita dal loro antenato Aronne,
come gli aveva ordinato il Signore,
Dio di Israele.
20] Quanto agli altri figli di Levi,
per i figli di Amram c'era Subaèl,
per i figli di Subaèl Iecdia.
21] Quanto a Recabia,
il capo dei figli di Recabia era Issia.
22] Per gli Iseariti,
Selomòt;
per i figli di Selomòt,
Iacat.
23] Figli di Ebron:
Ieria il primo,
Amaria secondo,
Iacaziel terzo,
Iekameam quarto.
24] Figli di Uzziel:
Mica;
per i figli di Mica,
Samir;
25] fratello di Mica era Issia;
per i figli di Issia,
Zaccaria.
26] Figli di Merari:
Macli e Musi;
per i figli di Iaazia suo figlio.
27] Figli di Merari nella linea di Iaazia suo figlio:
Soam,
Zaccur e Ibri.
28] Per Macli:
Eleazaro,
che non ebbe figli.
29] Per Kis i figli di Kis:
Ieracmel.
30] Figli di Musi:
Macli,
Eder e Ierimot.
Questi sono i figli dei leviti secondo i loro casati.
31] Anch'essi,
come i loro fratelli,
figli di Aronne,
furono sorteggiati alla presenza del re Davide,
di Zadok,
di Achimelech,
dei casati sacerdotali e levitici,
il casato del primogenito come quello del fratello minore.

PRIMO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 25]

1] Quindi Davide,
insieme con i capi dell'esercito,
separò per il servizio i figli di Asaf,
di Eman e di Idutun,
che eseguivano la musica sacra con cetre,
arpe e cembali.
Il numero di questi uomini incaricati di tale attivita fu:
2] Per i figli di Asaf:
Zaccur,
Giuseppe,
Natania,
Asareela;
i figli di Asaf erano sotto la direzione di Asaf,
che eseguiva la musica secondo le istruzioni del re.
3] Per Idutun i figli di Idutun:
Ghedalia,
Seri,
Isaia,
Casabia,
Simei,
Mattatia:
sei sotto la direzione del loro padre Idutun,
che cantava con cetre per celebrare e lodare il Signore.
4] Per Eman i figli di Eman:
Bukkia,
Mattania,
Uzziel,
Sebuel,
Ierimot,
Anania,
Anani,
Eliata,
Ghiddalti,
Romamti-Ezer,
Iosbekasa,
Malloti,
Cotir,
Macaziot.
5] Tutti costoro erano figli di Eman,
veggente del re riguardo alle parole di Dio;
per esaltare la sua potenza Dio concesse a Eman quattordici figli e tre figlie.
6] Tutti costoro,
sotto la direzione del padre,
cioè di Asaf,
di Idutun e di Eman,
cantavano nel tempio con cembali,
arpe e cetre,
per il servizio del tempio,
agli ordini del re.
7] Il numero di costoro,
insieme con i fratelli,
esperti nel canto del Signore,
cioè tutti veramente capaci,
era di duecentottantotto.
8] Per i loro turni di servizio furono sorteggiati i piccoli come i grandi,
i maestri come i discepoli.
9] La prima sorte toccò a Giuseppe,
con i fratelli e figli:
dodici;
la seconda a Ghedalia,
con i fratelli e figli:
dodici;
10] la terza a Zaccur,
con i figli e fratelli:
dodici;
11] la quarta a Isri,
con i figli e fratelli:
dodici;
12] la quinta a Natania,
con i figli e fratelli:
dodici;
13] la sesta a Bukkia,
con i figli e fratelli:
dodici;
14] la settima a Iesareela,
con i figli e fratelli:
dodici;
15] l'ottava a Isaia,
con i figli e fratelli:
dodici;
16] la nona a Mattania,
con i figli e fratelli:
dodici;
17] la decima a Simei,
con i figli e fratelli:
dodici;
18] l'undecima ad Azarel,
con i figli e fratelli:
dodici;
19] la dodicesima a Casabia,
con i figli e fratelli:
dodici;
20] la tredicesima a Subaèl,
con i figli e fratelli:
dodici;
21] la quattordicesima a Mattatia,
con i figli e fratelli:
dodici;
22] la quindicesima a Ieremòt,
con i figli e fratelli:
dodici;
23] la sedicesima ad Anania,
con i figli e fratelli:
dodici;
24] la diciassettesima a Iosbecasa,
con i figli e fratelli:
dodici;
25] la diciottesima ad Anani,
con i figli e fratelli:
dodici;
26] la diciannovesima a Malloti,
con i figli e fratelli:
dodici;
27] la ventesima a Eliata,
con i figli e fratelli:
dodici;
28] la ventunesima a Cotir,
con i figli e fratelli:
dodici;
29] la ventiduesima a Ghiddalti,
con i figli e fratelli:
dodici;
30] la ventitreesima a Macaziot,
con i figli e fratelli:
dodici;
31] la ventiquattresima a Romamti-Ezer,
con i figli e fratelli:
dodici.

PRIMO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 26]

1] Per le classi dei portieri.
Dei Coriti:
Meselemia,
figlio di Core,
dei discendenti di Ebiasaf.
2] Figli di Meselemia:
Zaccaria il primogenito,
Iediael il secondo,
Zebadia il terzo,
Iatniel il quarto.
3] Elam il quinto,
Giovanni il sesto,
Elioènai il settimo.
4] Figli di Obed-Edom:
Semaia il primogenito,
Iozabad il secondo,
Iaoch il terzo,
Sacar il quarto,
Netaneèl il quinto.
5] Ammièl il sesto,
Issacar il settimo,
Peulletai l'ottavo,
poiché Dio aveva benedetto Obed-Edom.
6] A Semaia suo figlio nacquero figli,
che signoreggiavano nel loro casato perché erano uomini valorosi.
7] Figli di Semaia:
Otni,
Raffaele,
Obed,
Elzabad con i fratelli,
uomini valorosi,
Eliu e Semachia.
8] Tutti costoro erano discendenti di Obed-Edom.
Essi e i figli e i fratelli,
uomini valorosi,
erano adattissimi per il servizio.
Per Obed-Edom:
sessantadue in tutto.
9] Meselemia ne aveva diciotto tra figli e fratelli,
tutti uomini valorosi.
10] Figli di Cosa,
dei discendenti di Merari:
Simri,
il primo;
non era primogenito ma suo padre lo aveva costituito capo.
11] Chelkia era il secondo,
Tebalia il terzo,
Zaccaria il quarto.
Totale dei figli e fratelli di Cosa:
tredici.
12] Queste classi di portieri,
cioè i capigruppo,
avevano l'incarico,
come i loro fratelli,
di servire nel tempio.
13] Gettarono le sorti,
il piccolo come il grande,
secondo i loro casati,
per ciascuna porta.
14] Per il lato orientale la sorte toccò a Selemia;
a Zaccaria suo figlio,
consigliere assennato,
in seguito a sorteggio toccò il lato settentrionale.
15] a Obed-Edom quello meridionale,
ai suoi figli toccarono i magazzini.
16] Il lato occidentale con la porta Sallèchet,
sulla via della salita,
toccò a Suppim e a Cosa.
Un posto di guardia era proporzionato all'altro.
17] Per il lato orientale erano incaricati sei uomini ogni giorno;
per il lato settentrionale quattro al giorno;
per quello meridionale quattro al giorno,
per ogni magazzino due.
18] Al Parbar a occidente,
ce n'erano quattro per la strada e due per il Parbar.
19] Queste le classi dei portieri discendenti di Core,
figli di Merari.
20] I leviti loro fratelli,
addetti alla sorveglianza sui tesori del tempio e sui tesori delle cose consacrate.
21] erano figli di Ladan,
ghersoniti secondo la linea di Ladan.
Capi dei casati di Ladan il Ghersonita erano gli Iechieliti.
22] Gli Iechieliti Zetan e Gioele,
suo fratello,
erano addetti ai tesori del tempio.
23] Fra i discendenti di Amram,
di Isear,
di Ebron e di Uzziel:
24] Subaèl figlio di Gherson,
figlio di Mose,
era sovrintendente dei tesori.
25] Tra i suoi fratelli,
nella linea di Eliezer:
suo figlio Recabia,
di cui fu figlio Isaia,
di cui fu figlio Ioram,
di cui fu figlio Zikri,
di cui fu figlio Selomìt.
26] Questo Selomìt con i fratelli era addetto ai tesori delle cose consacrate,
che il re Davide,
i capi dei casati,
i capi di migliaia e di centinaia e i capi dell'esercito 27] avevano consacrate,
prendendole dal bottino di guerra e da altre prede,
per la manutenzione del tempio.
28] Inoltre c'erano tutte le cose consacrate dal veggente Samuele,
da Saul figlio di Kis,
da Abner figlio di Ner,
e da Ioab figlio di Zeruia;
tutti questi oggetti consacrati dipendevano da Selomìt e dai suoi fratelli.
29] Fra i discendenti di Isear:
Chenania e i suoi figli erano addetti agli affari esterni di Israele come magistrati e giudici.
30] Fra i discendenti di Ebron:
Casabia e i suoi fratelli,
uomini valorosi,
in numero di millesettecento,
erano addetti alla sorveglianza di Israele,
dalla Transgiordania all'occidente,
riguardo a ogni cosa relativa al culto del Signore e al servizio del re.
31] Fra i discendenti di Ebron c'era Ieria,
il capo degli Ebroniti divisi secondo le loro genealogie;
nell'anno quarantesimo del regno di Davide si effettuarono ricerche sugli Ebroniti;
fra di loro c'erano uomini valorosi in Iazer di Galaad.
32] Tra i fratelli di Ieria,
uomini valorosi,
c'erano duemilasettecento capi di casati.
Il re Davide diede a costoro autorita sui Rubeniti,
sui Gaditi e su metà della tribù di Manasse per ogni questione riguardante Dio o il re.

PRIMO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 27]

1] Ecco i figli di Israele,
secondo il loro numero,
i capi dei casati,
i capi di migliaia e di centinaia,
i loro ufficiali al servizio del re,
secondo le loro classi,
delle quali una entrava e l'altra usciva,
ogni mese,
per tutti i mesi dell'anno.
Ogni classe comprendeva ventiquattromila individui.
2] Alla prima classe,
in funzione nel primo mese,
presiedeva Iasobeam figlio di Zabdiel;
la sua classe era di ventiquattromila.
3] Egli era dei discendenti di Perez ed era il capo di tutti gli ufficiali dell'esercito,
per il primo mese.
4] Alla classe del secondo mese presiedeva Dodo di Acoch;
la sua classe era di ventiquattromila.
5] Al terzo gruppo,
per il terzo mese,
presiedeva Benaia figlio di Ioiada,
sommo sacerdote;
la sua classe era di ventiquattromila.
6] Questo Benaia era un prode fra i Trenta e aveva il comando dei Trenta e della sua classe.
Suo figlio era Ammizabad.
7] Quarto,
per il quarto mese,
era Asaèl fratello di Ioab e,
dopo di lui,
Zebadia suo figlio;
la sua classe era di ventiquattromila.
8] Quinto,
per il quinto mese,
era l'ufficiale Samehut di Zerach;
la sua classe era di ventiquattromila.
9] Sesto,
per il sesto mese,
Ira,
figlio di Ikkes di Tekoa;
la sua classe era di ventiquattromila.
10] Settimo,
per il settimo mese,
era Chelez di Pelon,
dei discendenti di Efraim;
la sua classe era di ventiquattromila.
11] Ottavo,
per l'ottavo mese,
era Sibbecai di Cusa,
della famiglia degli Zerachiti;
la sua classe era di ventiquattromila.
12] Nono,
per il nono mese,
era Abièzer,
il Beniaminita;
la sua classe era di ventiquattromila.
13] Decimo,
per il decimo mese,
era Marai di Netofa,
appartenente agli Zerachiti;
la sua classe era di ventiquattromila.
14] Undecimo,
per l'undecimo mese,
era Benaia di Piraton,
dei discendenti di Efraim;
la sua classe era di ventiquattromila.
15] Dodicesimo,
per il dodicesimo mese,
era Cheldai di Netofa,
della stirpe di Otniel;
la sua classe era di ventiquattromila.
16] Riguardo alle tribù di Israele:
sui Rubeniti presiedeva Elièzer figlio di Zikri;
sulla tribù di Simeone,
Sefatia figlio di Maaca;
17] su quella di Levi,
Casabia figlio di Kemuel;
sugli Aronnidi,
Zadok;
18] su quella di Giuda,
Eliu,
dei fratelli di Davide;
su quella di Issacar,
Omri figlio di Michele;
19] su quella di Zabulon,
Ismaia figlio di Abdia;
su quella di Neftali,
Ierimot figlio di Azrièl;
20] sugli Efraimiti,
Osea figlio di Azazia;
su metà della tribù di Manasse,
Gioele figlio di Pedaia;
21] su metà della tribù di Manasse in Galaad,
Iddo figlio di Zaccaria;
su quella di Beniamino,
Iaasiel figlio di Abner;
22] su quella di Dan,
Azarel figlio di Ierocam.
Questi furono i capi delle tribù di Israele.
23] Davide non fece il censimento di quelli al di sotto dei vent'anni,
perché il Signore aveva detto che avrebbe moltiplicato Israele come le stelle del cielo.
24] Ioab figlio di Zeruia aveva cominciato il censimento,
ma non lo terminò;
proprio per esso si scatenò l'ira su Israele.
Questo censimento non fu registrato nel libro delle Cronache del re Davide.
25] Sui tesori del re presiedeva Azmavet figlio di Adiel;
sui tesori che erano nella campagna,
nelle città,
nei villaggi e nelle torri presiedeva Giònata figlio di Uzzia.
26] Sugli operai agricoli,
per la lavorazione del suolo,
c'era Ezri figlio di Chelub.
27] Alle vigne era addetto Simei di Rama;
ai prodotti delle vigne depositati nelle cantine era addetto Zabdai di Sefam.
28] Agli oliveti e ai sicomori,
che erano nella Sefela,
era addetto Baal-Canan di Ghedera;
ai depositi di olio Ioas.
29] Agli armenti che pascolavano nella pianura di Saron era addetto il Saronita Sitri;
agli armenti che pascolavano in altre valli Safat figlio di Adlai.
30] Ai cammelli era addetto Obil,
l'Ismaelita;
alle asine Iecdaia di Meronot;
31] alle pecore Iaziu l'Agareno.
Tutti costoro erano amministratori dei beni del re Davide.
32] Giònata,
zio di Davide,
era consigliere;
uomo intelligente e scriba,
egli insieme con Iechiel figlio di Cakmonì,
si occupava dei figli del re.
33] Achitofel era consigliere del re;
Cusai l'Arkita era amico del re.
34] Ad Achitofel successero Ioiada figlio di Benaia ed Ebiatar;
capo dell'esercito del re era Ioab.

PRIMO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 28]

1] Davide convocò tutti gli ufficiali di Israele,
i capitribù e i capi delle varie classi al servizio del re,
i capi di migliaia,
i capi di centinaia,
gli amministratori di tutti i beni e di tutto il bestiame del re e dei suoi figli,
insieme con i consiglieri,
i prodi e ogni soldato valoroso in Israele.
2] Davide si alzò in piedi e disse:
«Ascoltatemi,
miei fratelli e mio popolo! Io avevo deciso di costruire una dimora tranquilla per l'arca dell'alleanza del Signore,
per lo sgabello dei piedi del nostro Dio.
Avevo fatto i preparativi per la costruzione.
3] ma Dio mi disse:
Non costruirai un tempio al mio nome,
perché tu sei stato un guerriero e hai versato sangue.
4] Il Signore Dio di Israele scelse me fra tutta la famiglia di mio padre perché divenissi per sempre re su Israele;
difatti egli si è scelto Giuda come capo e fra la discendenza di Giuda ha scelto il casato di mio padre e,
fra i figli di mio padre,
si è compiaciuto di me per costituirmi re su Israele.
5] Fra tutti i miei figli,
poiché il Signore mi ha dato molti figli,
ha scelto il mio figlio Salomone per farlo sedere sul trono del regno del Signore su Israele.
6] Egli infatti mi ha detto:
Salomone tuo figlio costruira il mio tempio e i miei cortili,
perché io mi sono scelto lui come figlio e intendo essergli padre.
7] Renderò saldo il suo regno per sempre,
se egli perseverera nel compiere i miei comandi e i miei decreti,
come fa oggi.
8] Ora,
davanti a tutto Israele,
assemblea del Signore,
e davanti al nostro Dio che ascolta,
vi scongiuro:
osservate e praticate tutti i decreti del Signore vostro Dio,
perché possediate questo buon paese e lo passiate in eredita ai vostri figli dopo di voi,
per sempre.
9] Tu,
Salomone figlio mio,
riconosci il Dio di tuo padre,
servilo con cuore perfetto e con animo volenteroso,
perché il Signore scruta i cuori e penetra ogni intimo pensiero;
se lo ricercherai,
ti si fara trovare;
se invece l'abbandonerai,
egli ti rigettera per sempre.
10] Vedi:
ora il Signore ti ha scelto perché tu gli costruisca una casa come santuario;
sii forte e mettiti al lavoro».
11] Davide diede a Salomone suo figlio il modello del vestibolo e degli edifici,
delle stanze per i tesori,
dei piani di sopra e delle camere interne e del luogo per il propiziatorio,
12] inoltre la descrizione di quanto aveva in animo riguardo ai cortili del tempio,
a tutte le stanze laterali,
ai tesori del tempio e ai tesori delle cose consacrate.
13] alle classi dei sacerdoti e dei leviti e a tutta l'attivita per il servizio del tempio e a tutti gli arredi usati nel tempio.
14] Relativamente a tutti gli oggetti d'oro,
gli consegnò l'oro,
indicando il peso dell'oro di ciascun oggetto destinato al culto e il peso dell'argento di ciascun oggetto destinato al culto.
15] Gli consegnò anche l'oro destinato ai candelabri e alle loro lampade,
indicando il peso dei singoli candelabri e delle loro lampade,
e l'argento destinato ai candelabri,
indicando il peso dei candelabri e delle loro lampade,
secondo l'uso di ogni candelabro.
16] Gli indicò il quantitativo dell'oro per le tavole dell'offerta,
per ogni tavola,
e dell'argento per le tavole d'argento.
17] dell'oro puro per i ganci,
i vassoi e le brocche.
Gli indicò il quantitativo dell'oro per le coppe,
per ogni coppa d'oro,
e quello dell'argento,
per ogni coppa d'argento.
18] Gli diede l'oro puro per l'altare dei profumi,
indicandone il peso.
Gli consegnò il modello del carro d'oro dei cherubini,
che stendevano le ali e coprivano l'arca dell'alleanza del Signore.
19] «Tutto ciò - disse - era in uno scritto da parte del Signore per farmi comprendere tutti i particolari del modello».
20] Davide disse a Salomone suo figlio:
«Sii forte,
coraggio;
mettiti al lavoro,
non temere e non abbatterti,
perché il Signore Dio,
mio Dio,
è con te.
Non ti lascera e non ti abbandonera finché tu non abbia terminato tutto il lavoro per il tempio.
21] Ecco le classi dei sacerdoti e dei leviti per ogni servizio nel tempio.
Presso di te,
per ogni lavoro,
ci sono esperti in qualsiasi attivita e ci sono capi e tutto il popolo,
pronti a tutti i tuoi ordini».

PRIMO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 29]

1] Il re Davide disse a tutta l'assemblea:
«Salomone mio figlio,
il solo che Dio ha scelto,
è ancora giovane e debole,
mentre l'impresa è grandiosa,
perché la Dimora non è destinata a un uomo ma al Signore Dio.
2] Secondo tutta la mia possibilita ho fatto preparativi per il tempio del mio Dio;
ho preparato oro su oro,
argento su argento,
bronzo su bronzo,
ferro su ferro,
legname su legname,
ònici,
brillanti,
topazi,
pietre di vario valore e pietre preziose e marmo bianco in quantita.
3] Inoltre,
per il mio amore per la casa del mio Dio,
quanto possiedo in oro e in argento do per il tempio del mio Dio,
oltre quanto ho preparato per il santuario:
4] tremila talenti d'oro,
d'oro di Ofir,
e settemila talenti d'argento raffinato per rivestire le pareti interne.
5] l'oro per gli oggetti in oro,
l'argento per quelli in argento e per tutti i lavori da eseguirsi dagli artisti.
Ora,
chi vuole essere generoso oggi per il Signore?».
6] Si dimostrarono volenterosi i capifamiglia,
i capitribù di Israele,
i capi di migliaia e di centinaia e i dirigenti degli affari del re.
7] Essi diedero per l'opera del tempio cinquemila talenti d'oro,
diecimila darìci,
diecimila talenti d'argento,
diciottomila talenti di bronzo e centomila talenti di ferro.
8] Quanti si ritrovarono pietre preziose le diedero a Iechièl il Ghersonita,
perché fossero depositate nel tesoro del tempio.
9] Il popolo gioì per la loro generosita,
perché le offerte erano fatte al Signore con cuore sincero;
anche il re Davide gioì vivamente.
10] Davide benedisse il Signore davanti a tutta l'assemblea.
Davide disse:
«Sii benedetto,
Signore Dio di Israele,
nostro padre,
ora e sempre.
11] Tua,
Signore,
è la grandezza,
la potenza,
la gloria,
lo splendore e la maesta,
perché tutto,
nei cieli e sulla terra,
è tuo.
Signore,
tuo è il regno;
tu ti innalzi sovrano su ogni cosa.
12] Da te provengono la ricchezza e la gloria;
tu domini tutto;
nella tua mano c'è forza e potenza;
dalla tua mano ogni grandezza e potere.
13] Ora,
nostro Dio,
ti ringraziamo e lodiamo il tuo nome glorioso.
14] E chi sono io e chi è il mio popolo,
per essere in grado di offrirti tutto questo spontaneamente? Ora tutto proviene da te;
noi,
dopo averlo ricevuto dalla tua mano,
te l'abbiamo ridato.
15] Noi siamo stranieri davanti a te e pellegrini come tutti i nostri padri.
Come un'ombra sono i nostri giorni sulla terra e non c'è speranza.
16] Signore nostro Dio,
quanto noi abbiamo preparato per costruire una casa al tuo santo nome proviene da te,
è tutto tuo.
17] So,
mio Dio,
che tu provi i cuori e ti compiaci della rettitudine.
Io,
con cuore retto,
ho offerto spontaneamente tutte queste cose.
Ora io vedo il tuo popolo qui presente portarti offerte con gioia.
18] Signore,
Dio di Abramo,
di Isacco e di Israele,
nostri padri,
custodisci questo sentimento per sempre nell'intimo del cuore del tuo popolo.
Dirigi i loro cuori verso di te.
19] A Salomone mio figlio concedi un cuore sincero perché custodisca i tuoi comandi,
le tue disposizioni e i tuoi decreti,
perché eseguisca tutto ciò e costruisca l'edificio,
per il quale io ho eseguito i preparativi».
20] Davide disse a tutta l'assemblea:
«Su,
benedite il Signore vostro Dio!».
Tutta l'assemblea benedisse il Signore,
Dio dei suoi padri;
si inginocchiarono e si prostrarono davanti al Signore e al re.
21] Offrirono sacrifici al Signore e gli bruciarono olocausti il giorno dopo:
mille giovenchi,
mille arieti,
mille agnelli con le relative libazioni,
oltre numerosi sacrifici per tutto Israele.
22] Mangiarono e bevvero alla presenza del Signore in quel giorno con manifestazioni di grande gioia.
Di nuovo proclamarono re Salomone,
figlio di Davide,
lo unsero,
consacrando lui al Signore come capo e Zadok come sacerdote.
23] Salomone sedette sul trono del Signore come re al posto di Davide suo padre;
prosperò e tutto Israele gli fu sottomesso.
24] Tutti gli ufficiali,
i prodi e anche tutti i figli del re Davide si sottomisero al re Salomone.
25] Il Signore rese grande Salomone di fronte a tutto Israele e gli diede uno splendore di regno,
che nessun predecessore in Israele aveva avuto.
26] Davide,
figlio di Iesse,
aveva regnato su tutto Israele.
27] La durata del suo regno su Israele era stata di quarant'anni;
in Ebron aveva regnato sette anni e in Gerusalemme trentatrè.
28] Morì molto vecchio,
sazio di anni,
di ricchezza e di gloria.
Al suo posto divenne re il figlio Salomone.
29] Le gesta del re Davide,
le prime come le ultime,
ecco sono descritte nei libri del veggente Samuele,
nel libro del profeta Natan e nel libro del veggente Gad.
30] con tutta la storia del suo regno,
della sua potenza e di quanto avvenne in quei tempi durante la sua vita,
in Israele e in tutti i regni degli altri paesi.
******************************************************** ********************************************************

SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
http://web.tiscali.it/martiri
cap 1]

1] Salomone figlio di Davide si affermò nel regno.
Il Signore suo Dio era con lui e lo rese molto grande.
2] Salomone mandò ordini a tutto Israele,
ai capi di migliaia e di centinaia,
ai magistrati,
a tutti i principi di tutto Israele e ai capifamiglia.
3] Poi Salomone e tutto Israele con lui si recarono all'altura di Gabaon,
perché la si trovava la tenda del convegno di Dio,
eretta da Mose,
servo di Dio,
nel deserto.
4] Ma l'arca di Dio Davide l'aveva trasportata da Kiriat-Iearìm nel luogo che aveva preparato per essa,
perché egli aveva innalzato per essa una tenda in Gerusalemme.
5] L'altare di bronzo,
opera di Bezaleel figlio di Uri,
figlio di Cur,
era la davanti alla Dimora del Signore.
Salomone e l'assemblea vi andarono per consultare il Signore.
6] Salomone salì all'altare di bronzo davanti al Signore nella tenda del convegno e vi offrì sopra mille olocausti.
7] In quella notte Dio apparve a Salomone e gli disse:
«Chiedimi ciò che vuoi che io ti conceda».
8] Salomone disse a Dio:
«Tu hai trattato mio padre Davide con grande benevolenza e mi hai fatto regnare al suo posto.
9] Ora,
Signore Dio,
si avveri la tua parola a Davide mio padre,
perché mi hai costituito re su un popolo numeroso come la polvere della terra.
10] Ora concedimi saggezza e scienza e che io possa guidare questo popolo;
perché chi potrebbe mai governare questo tuo grande popolo?».
11] Dio disse a Salomone:
«Poiché ti sta a cuore una cosa simile e poiché non hai domandato ne ricchezze,
ne beni,
ne gloria,
ne la vita dei tuoi nemici e neppure una lunga vita,
ma hai domandato piuttosto saggezza e scienza per governare il mio popolo,
su cui ti ho costituito re,
12] saggezza e scienza ti saranno concesse.
Inoltre io ti darò ricchezze,
beni e gloria,
quali non ebbero mai i re tuoi predecessori e non avranno mai i tuoi successori».
13] Salomone poi dall'altura,
che si trovava in Gabaon,
tornò a Gerusalemme,
lontano dalla tenda del convegno,
e regnò su Israele.
14] Salomone radunò carri e cavalli;
aveva millequattrocento carri e dodicimila cavalli,
distribuiti nelle città dei carri e presso il re in Gerusalemme.
15] Il re fece in modo che in Gerusalemme l'argento e l'oro abbondassero come i sassi e i cedri fossero numerosi come i sicomori nella Sefela.
16] I cavalli di Salomone provenivano da Muzri e da Kue;
i mercanti del re li acquistavano in Kue.
17] Essi facevano venire e importavano da Muzri un carro per seicento sicli d'argento,
un cavallo per centocinquanta.
In tal modo ne importavano per fornirli a tutti i re degli Hittiti e ai re di Aram.
18] Salomone decise di costruire un tempio al nome del Signore e una reggia per sé.


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 2]

1] Salomone ingaggiò settantamila portatori,
ottantamila scalpellini per lavorare in montagna e tremilaseicento sorveglianti.
2] Salomone mandò a dire a Chiram,
re di Tiro:
«Come hai fatto con mio padre Davide,
al quale avevi spedito legno di cedro per la costruzione della sua dimora,
fa anche con me.
3] Ecco ho deciso di costruire un tempio al nome del Signore mio Dio,
per consacrarlo a lui sì che io possa bruciare profumi fragranti davanti a lui,
esporre sempre i pani dell'offerta e presentare olocausti mattina e sera,
nei sabati,
nei noviluni e nelle feste del Signore nostro Dio.
Per Israele questo è un obbligo perenne.
4] Il tempio,
che io intendo costruire,
deve essere grande,
perché il nostro Dio è più grande di tutti gli dei.
5] Ma chi avra la capacita di costruirgli un tempio,
quando i cieli e i cieli dei cieli non bastano per contenerlo? E chi sono io perché gli costruisca un tempio,
anche solo per bruciare incenso alla sua presenza? 6] Ora mandami un uomo esperto nel lavorare l'oro,
l'argento,
il bronzo,
il ferro,
filati di porpora,
di cremisi e di violetto e che sappia eseguire intagli di ogni genere;
egli lavorera con gli altri artigiani che io ho in Gerusalemme e in Giuda,
preparati da mio padre Davide.
7] Mandami legno di cedro,
di abete e di sandalo dal Libano.
Io so,
infatti,
che i tuoi uomini sono abili nel tagliare gli alberi del Libano.
Ora i miei uomini si uniranno ai tuoi 8] per prepararmi legno in grande quantita,
perché il tempio che intendo costruire deve essere grande e stupendo.
9] Ecco,
a quanti abbatteranno e taglieranno gli alberi io darò grano per vettovagliamento;
ai tuoi uomini darò ventimila kor di grano,
ventimila kor d'orzo,
ventimila bat di vino e ventimila bat d'olio».
10] Chiram re di Tiro mandò per iscritto a Salomone questo messaggio:
«Per l'amore che il Signore porta al suo popolo,
ti ha costituito re su di esso».
11] Quindi Chiram diceva:
«Sia benedetto il Signore Dio di Israele,
che ha fatto il cielo e la terra,
che ha concesso al re Davide un figlio saggio,
pieno di senno e di intelligenza,
il quale costruira un tempio al Signore e una reggia per sé.
12] Ora ti mando un uomo esperto,
pieno di saggezza,
Curam-Abi,
13] figlio di una donna della tribù di Dan e di un padre di Tiro.
Egli sa lavorare l'oro,
l'argento,
il bronzo,
il ferro,
le pietre,
il legno,
i filati di porpora,
di violetto,
di bisso e di cremisi;
sa eseguire ogni intaglio e concretare genialmente ogni progetto gli venga sottoposto.
Egli lavorera con i tuoi artigiani e con gli artigiani del mio signore Davide tuo padre.
14] Ora il mio Signore mandi ai suoi uomini il grano,
l'orzo,
l'olio e il vino promessi.
15] Noi taglieremo nel Libano il legname,
quanto te ne occorrera,
e te lo porteremo per mare su zattere fino a Giaffa e tu lo farai salire a Gerusalemme».
16] Salomone censì tutti gli stranieri che erano nel paese di Israele:
un nuovo censimento dopo quello effettuato dal padre Davide.
Ne furono trovati centocinquantatremilaseicento.
17] Ne prese settantamila come portatori,
ottantamila come scalpellini perché lavorassero sulle montagne e tremilaseicento come sorveglianti perché facessero lavorare quella gente.


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 3]
1] Salomone cominciò a costruire il tempio del Signore in Gerusalemme sul monte Moria dove il Signore era apparso a Davide suo padre,
nel luogo preparato da Davide sull'aia di Ornan il Gebuseo.
2] Incominciò a costruire nel secondo mese dell'anno quarto del suo regno.
3] Queste sono le misure delle fondamenta poste da Salomone per edificare il tempio:
lunghezza,
in cubiti dell'antica misura,
sessanta cubiti;
larghezza venti cubiti.
4] Il vestibolo,
che era di fronte al tempio nel senso della larghezza del tempio,
era di venti cubiti;
la sua altezza era di centoventi cubiti.
Egli ricoprì l'interno di oro purissimo.
5] Ricoprì con legno di abete il vano maggiore e lo rivestì d'oro fino;
sopra vi scolpì palme e catenelle.
6] Rivestì l'aula con pietre preziose per ornamento.
L'oro era oro di Parvaim.
7] Rivestì d'oro la navata,
cioè le travi,
le soglie,
le pareti e le porte;
sulle pareti scolpì cherubini.
8] Costruì la cella del Santo dei santi,
lunga,
nel senso della larghezza della navata,
venti cubiti e larga venti cubiti.
La rivestì di oro fino,
impiegandone seicento talenti.
9] Il peso dei chiodi era di cinquanta sicli d'oro;
anche i piani di sopra rivestì d'oro.
10] Nella cella del Santo dei santi eresse due cherubini,
lavoro di scultura e li rivestì d'oro.
11] Le ali dei cherubini erano lunghe venti cubiti.
Un'ala del primo cherubino,
lunga cinque cubiti,
toccava la parete della cella;
l'altra,
lunga cinque cubiti,
toccava l'ala del secondo cherubino.
12] Un'ala del secondo cherubino,
di cinque cubiti,
toccava la parete della cella;
l'altra,
di cinque cubiti,
toccava l'ala del primo cherubino.
13] Queste ali dei cherubini,
spiegate,
misuravano venti cubiti;
essi stavano in piedi,
voltati verso l'interno.
14] Salomone fece la cortina di stoffa di violetto,
di porpora,
di cremisi e di bisso;
sopra vi fece ricamare cherubini.
15] Di fronte al tempio eresse due colonne,
alte trentacinque cubiti;
il capitello sulla cima di ciascuna era di cinque cubiti.
16] Fece ghirlande e le pose sulla cima delle colonne.
Fece anche cento melagrane e le collocò fra le ghirlande.
17] Eresse le colonne di fronte alla navata,
una a destra e una a sinistra;
quella a destra la chiamò Iachin e quella a sinistra Boaz.


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 4]
1] Salomone fece l'altare di bronzo lungo venticinque cubiti,
largo venticinque e alto dieci.
2] Fece la vasca di metallo fuso del diametro di dieci cubiti,
rotonda,
alta cinque cubiti;
ci voleva una corda di trenta cubiti per cingerla.
3] Sotto l'orlo,
per l'intera circonferenza,
la circondavano animali dalle sembianze di buoi,
dieci per cubito,
disposti in due file e fusi insieme con la vasca.
4] Questa poggiava su dodici buoi:
tre guardavano verso settentrione,
tre verso occidente,
tre verso meridione e tre verso oriente.
La vasca vi poggiava sopra e le loro parti posteriori erano rivolte verso l'interno.
5] Il suo spessore era di un palmo;
il suo orlo era come l'orlo di un calice a forma di giglio.
Conteneva tremila bat.
6] Fece anche dieci recipienti per la purificazione ponendone cinque a destra e cinque a sinistra;
in essi si lavava quanto si adoperava per l'olocausto.
La vasca serviva alle abluzioni dei sacerdoti.
7] Fece dieci candelabri d'oro,
secondo la forma prescritta,
e li pose nella navata:
cinque a destra e cinque a sinistra.
8] Fece dieci tavoli e li collocò nella navata,
cinque a destra e cinque a sinistra.
9] Fece il cortile dei sacerdoti,
il gran cortile e le porte di detto cortile,
che rivestì di bronzo.
10] Collocò la vasca dal lato destro,
a sud-est.
11] Curam fece le caldaie,
le palette e gli aspersori.
Egli portò a termine il lavoro,
eseguito nel tempio per il re Salomone:
12] le due colonne,
i due globi dei capitelli sopra le colonne,
i due reticolati per coprire i globi dei capitelli sopra le colonne,
13] le quattrocento melagrane per i due reticolati,
due file di melagrane per ogni reticolato per coprire i due globi dei capitelli sopra le colonne,
14] le dieci basi e i dieci recipienti sulle basi,
15] l'unica vasca e i dodici buoi sotto di essa,
16] le caldaie,
le palette,
i forchettoni e tutti gli accessori che Curam-Abi fece di bronzo splendido per il re Salomone per il tempio.
17] Il re li fece fondere nella valle del Giordano,
nella fonderia,
fra Succot e Zereda.
18] Salomone fece tutti questi oggetti in grande quantita da non potersi calcolare il peso del bronzo.
19] Salomone fece tutti gli oggetti destinati al tempio:
l'altare d'oro e le tavole,
su cui si ponevano i pani dell'offerta,
20] i candelabri e le lampade d'oro da accendersi,
come era prescritto,
di fronte alla cella,
21] i fiori,
le lampade e gli spegnitoi d'oro,
di quello più raffinato,
22] i coltelli,
gli aspersori,
le coppe e i bracieri d'oro fino.
Quanto alle porte del tempio,
i battenti interni verso il Santo dei santi e i battenti della navata del tempio erano d'oro.


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 5]
1] Fu ultimato così quanto Salomone aveva disposto per il tempio.
Allora Salomone fece portare gli oggetti consacrati da Davide suo padre e depositò l'argento,
l'oro e ogni arredo nel tesoro del tempio.
2] Salomone allora convocò in assemblea a Gerusalemme gli anziani di Israele e tutti i capitribù,
i principi dei casati israeliti,
per trasportare l'arca dell'alleanza del Signore dalla città di Davide,
cioè da Sion.
3] Si radunarono presso il re tutti gli Israeliti per la festa che cadeva nel settimo mese.
4] Quando furono giunti tutti gli anziani di Israele,
i leviti sollevarono l'arca.
5] Trasportarono l'arca e la tenda del convegno e tutti gli oggetti sacri che erano nella tenda;
li trasportarono i sacerdoti e i leviti.
6] Il re Salomone e tutta la comunita di Israele,
convenuta presso di lui,
immolavano davanti all'arca pecore e buoi,
da non potersi contare ne calcolare per il gran numero.
7] I sacerdoti introdussero l'arca dell'alleanza del Signore al suo posto nella cella del tempio,
nel Santo dei santi,
sotto le ali dei cherubini.
8] Difatti i cherubini stendevano le ali sopra l'arca;
essi coprivano l'arca e le sue stanghe dall'alto.
9] Le stanghe erano più lunghe,
per questo le loro punte si prolungavano oltre l'arca verso la cella,
ma non si vedevano di fuori;
così è fino ad oggi.
10] Nell'arca non c'era nulla se non le due tavole,
che Mose vi pose sull'Oreb,
le tavole dell'alleanza conclusa dal Signore con gli Israeliti quando uscirono dall'Egitto.
11] Ora avvenne che,
usciti i sacerdoti dal Santo - tutti i sacerdoti presenti infatti si erano santificati senza badare alle classi - 12] mentre tutti i leviti cantori,
cioè Asaf,
Eman,
Idutun e i loro figli e fratelli,
vestiti di bisso,
con cembali,
arpe e cetre stavano in piedi a oriente dell'altare e mentre presso di loro 120 sacerdoti suonavano le trombe,
13] avvenne che,
quando i suonatori e i cantori fecero udire all'unisono la voce per lodare e celebrare il Signore e il suono delle trombe,
dei cembali e degli altri strumenti si levò per lodare il Signore perché è buono,
perché la sua grazia dura sempre,
allora il tempio si riempì di una nube,
cioè della gloria del Signore.
14] I sacerdoti non riuscivano a rimanervi per il loro servizio a causa della nube,
perché la gloria del Signore aveva riempito il tempio di Dio.


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 6]

1] Allora Salomone disse:
«Il Signore ha deciso di abitare nella nube.
2] Ora io ti ho costruito una casa sublime,
un luogo ove tu possa porre per sempre la dimora».
3] Il re poi si voltò e benedisse tutta l'assemblea di Israele,
mentre tutta l'assemblea di Israele stava in piedi 4] e disse:
«Benedetto il Signore Dio di Israele,
che ha adempiuto con potenza quanto aveva predetto di sua bocca a Davide,
mio padre:
5] Da quando feci uscire il mio popolo dal paese d'Egitto non mi sono scelto una città fra tutte le tribù di Israele perché mi si costruisse un tempio ove abitasse il mio nome e non mi sono scelto nessuno perché fosse guida del mio popolo Israele;
6] ora mi sono scelto Gerusalemme perché vi dimori il mio nome e mi sono scelto Davide perché governi il mio popolo Israele.
7] Davide mio padre aveva deciso di costruire un tempio al nome del Signore,
Dio di Israele,
8] ma il Signore disse a Davide mio padre:
Hai deciso di costruire un tempio al mio nome;
hai fatto bene a formulare tale progetto;
9] solo che tu non costruirai il tempio,
ma tuo figlio,
generato da te,
costruira un tempio al mio nome.
10] Il Signore ha attuato la sua parola;
sono succeduto infatti a Davide mio padre e siedo sul trono di Israele,
come aveva preannunziato il Signore e ho costruito il tempio al nome del Signore,
Dio di Israele.
11] Vi ho collocato l'arca dell'alleanza che il Signore aveva conclusa con gli Israeliti».
12] Egli si pose poi davanti all'altare del Signore,
di fronte a tutta l'assemblea di Israele,
e stese le mani.
13] Salomone,
infatti,
aveva eretto una tribuna di bronzo e l'aveva collocata in mezzo al grande cortile;
era lunga cinque cubiti,
larga cinque e alta tre.
Egli vi salì e si inginocchiò di fronte a tutta l'assemblea di Israele.
Stese le mani verso il cielo e 14] disse:
«Signore,
Dio di Israele,
non c'è Dio simile a te in cielo e sulla terra.
Tu mantieni l'alleanza e la misericordia verso i tuoi servi che camminano davanti a te con tutto il cuore.
15] Tu hai mantenuto,
nei riguardi del tuo servo Davide mio padre,
quanto gli avevi promesso;
quanto avevi pronunziato con la bocca l'hai adempiuto con potenza,
come appare oggi.
16] Ora,
Signore Dio di Israele,
mantieni,
nei riguardi del tuo servo Davide mio padre quanto gli hai promesso:
Non ti manchera mai un discendente,
il quale stia davanti a me e sieda sul trono di Israele,
purché i tuoi figli vigilino sulla loro condotta,
secondo la mia legge,
come hai fatto tu con me.
17] Ora,
Signore Dio di Israele,
si adempia la parola che tu hai rivolta al tuo servo Davide! 18] Ma è proprio vero che Dio abita con gli uomini sulla terra? Ecco i cieli e i cieli dei cieli non possono contenerti,
tanto meno questa casa che ti ho costruita! 19] Tuttavia volgiti alla preghiera del tuo servo e alla sua supplica,
Signore mio Dio;
ascolta il grido e la preghiera che il tuo servo innalza a te.
20] Siano i tuoi occhi aperti verso questa casa,
giorno e notte,
verso il luogo dove hai promesso di porre il tuo nome,
per ascoltare la preghiera che il tuo servo innalza in questo luogo.
21] Ascolta le suppliche del tuo servo e del tuo popolo Israele,
quando pregheranno in questo luogo.
Tu ascoltali dai cieli,
dal luogo della tua dimora;
ascolta e perdona! 22] Se uno pecca contro il suo prossimo e,
perché gli è imposta una maledizione,
viene a giurare davanti al tuo altare in questo tempio,
23] tu ascoltalo dal cielo,
intervieni e fa giustizia fra i tuoi servi;
condanna l'empio,
facendogli ricadere sul capo la sua condotta,
e dichiara giusto l'innocente,
rendendogli quanto merita la sua innocenza.
24] Quando il tuo popolo Israele sara sconfitto dal nemico perché ha peccato contro di te,
se si convertira e lodera il tuo nome,
preghera e supplichera davanti a te,
in questo tempio,
25] tu ascolta dal cielo,
perdona il peccato del tuo popolo Israele e fallo tornare nel paese che hai concesso loro e ai loro padri.
26] Quando si chiudera il cielo e non ci sara pioggia perché hanno peccato contro di te,
se ti pregheranno in questo luogo,
loderanno il tuo nome e si convertiranno dal loro peccato perché tu li avrai umiliati,
27] tu ascolta dal cielo e perdona il peccato dei tuoi servi e del tuo popolo Israele,
ai quali indicherai la strada buona su cui camminare,
e concedi la pioggia alla terra,
che hai dato in eredita al tuo popolo.
28] Quando nella regione ci sara carestia o peste,
carbonchio o ruggine,
invasione di cavallette o di bruchi,
quando il nemico assediera il tuo popolo nella sua terra o nelle sue città,
quando scoppiera un'epidemia o un flagello qualsiasi,
29] ogni preghiera e ogni supplica fatta da un individuo o da tutto il tuo popolo Israele,
in seguito alla prova del castigo e del dolore,
con le mani tese verso questo tempio,
30] tu ascoltala dal cielo,
luogo della tua dimora e perdona,
rendendo a ciascuno secondo la sua condotta,
tu che conosci il cuore di ognuno,
poiché solo tu conosci il cuore dei figli dell'uomo.
31] fa sì che ti temano e camminino nelle tue vie per tutti i giorni della loro vita nel paese che hai dato ai nostri padri.
32] Anche lo straniero,
che non appartiene al tuo popolo Israele,
se viene da un paese lontano a causa del tuo grande nome,
della tua mano potente e del tuo braccio teso,
a pregare in questo tempio,
33] tu ascolta dal cielo,
luogo della tua dimora,
e soddisfa tutte le richieste dello straniero e tutti i popoli della terra conoscano il tuo nome,
ti temano come il tuo popolo Israele e sappiano che il tuo nome è stato invocato su questo tempio,
che io ho costruito.
34] Quando il tuo popolo uscira in guerra contro i suoi nemici,
seguendo la via per la quale l'avrai indirizzato,
se ti pregheranno rivolti verso questa città che ti sei scelta,
e verso il tempio che ho costruito al tuo nome,
35] ascolta dal cielo la loro preghiera e la loro supplica e rendi loro giustizia.
36] Quando peccheranno contro di te - non c'è,
infatti,
nessuno senza peccato - e tu,
adirato contro di loro,
li consegnerai a un nemico e i loro conquistatori li deporteranno in un paese lontano o vicino,
37] se,
nel paese in cui saranno stati deportati,
rientrando in se stessi,
si convertiranno a te supplicandoti nel paese della loro prigionia dicendo:
Abbiamo peccato,
abbiamo agito da malvagi e da empi,
38] se faranno ritorno a te con tutto il cuore e con tutta l'anima,
nel paese della loro prigionia ove li avranno deportati e ti supplicheranno rivolti verso il paese che tu hai concesso ai loro padri,
verso la città che ti sei scelta e verso il tempio che io ho costruito al tuo nome,
39] tu ascolta dal cielo,
luogo della tua dimora,
la loro preghiera e la loro supplica e rendi loro giustizia.
Perdona al tuo popolo che ha peccato contro di te.
40] Ora,
mio Dio,
i tuoi occhi siano aperti e le tue orecchie attente alla preghiera innalzata in questo luogo.
41] Ora,
alzati,
Signore Dio,
vieni al luogo del tuo riposo,
tu e l'arca tua potente.
Siano i tuoi sacerdoti,
Signore Dio,
rivestiti di salvezza e i tuoi fedeli esultino nel benessere.
42] Signore Dio,
non rigettare il tuo consacrato;
ricordati i favori fatti a Davide tuo servo».


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 7]
1] Appena Salomone ebbe finito di pregare,
cadde dal cielo il fuoco,
che consumò l'olocausto e le altre vittime,
mentre la gloria del Signore riempiva il tempio.
2] I sacerdoti non potevano entrare nel tempio,
perché la gloria del Signore lo riempiva.
3] Tutti gli Israeliti,
quando videro scendere il fuoco e la gloria del Signore sul tempio,
si prostrarono con la faccia a terra sul pavimento,
adorarono e celebrarono il Signore perché è buono,
perché la sua grazia dura sempre.
4] Il re e tutto il popolo sacrificarono vittime al Signore.
5] Il re Salomone offrì in sacrificio ventiduemila buoi e centoventimila pecore;
così il re e tutto il popolo dedicarono il tempio.
6] I sacerdoti attendevano al servizio;
i leviti con tutti gli strumenti musicali,
fatti dal re Davide,
celebravano il Signore,
perché la sua grazia dura sempre,
eseguendo le laudi composte da Davide.
I sacerdoti suonavano le trombe di fronte ai leviti,
mentre tutti gli Israeliti stavano in piedi.
7] Salomone consacrò il centro del cortile di fronte al tempio;
infatti ivi offrì gli olocausti e il grasso dei sacrifici di comunione,
poiché l'altare di bronzo,
eretto da Salomone,
non poteva contenere gli olocausti,
le offerte e i grassi.
8] In quel tempo Salomone celebrò la festa per sette giorni;
tutto Israele,
dall'ingresso di Amat al torrente di Egitto,
un'assemblea grandissima,
era con lui.
9] Nel giorno ottavo ci fu una riunione solenne,
essendo durata la dedicazione dell'altare sette giorni e sette giorni anche la festa.
10] Il ventitrè del settimo mese Salomone congedò il popolo perché tornasse alle sue case contento e con la gioia nel cuore per il bene concesso dal Signore a Davide,
a Salomone e a Israele suo popolo.
11] Salomone terminò il tempio e la reggia;
attuò quanto aveva deciso di fare nella casa del Signore e nella propria.
12] Il Signore apparve di notte a Salomone e gli disse:
«Ho ascoltato la tua preghiera;
mi sono scelto questo luogo come casa di sacrificio.
13] Se chiuderò il cielo e non ci sara più pioggia,
se comanderò alle cavallette di divorare la campagna e se invierò la peste in mezzo al mio popolo,
14] se il mio popolo,
sul quale è stato invocato il mio nome,
si umiliera,
preghera e ricerchera il mio volto,
perdonerò il suo peccato e risanerò il suo paese.
15] Ora i miei occhi sono aperti e i miei orecchi attenti alla preghiera fatta in questo luogo.
16] Ora io mi sono scelto e ho santificato questo tempio perché la mia presenza vi resti sempre;
e lì saranno sempre i miei occhi e il mio cuore.
17] Se tu camminerai davanti a me come ha camminato Davide tuo padre,
facendo quanto ti ho comandato,
e osserverai i miei statuti e decreti,
18] consoliderò il trono del tuo regno come ho promesso a Davide tuo padre dicendogli:
Non manchera per te un successore che regni in Israele.
19] Ma se voi devierete e abbandonerete i decreti e i comandi,
che io ho posto innanzi a voi e andrete a servire dei stranieri e a prostrarvi a loro,
20] vi sterminerò dal paese che vi ho concesso,
e ripudierò questo tempio,
che ho consacrato al mio nome,
lo renderò la favola e l'oggetto di scherno di tutti i popoli.
21] Riguardo a questo tempio,
gia così eccelso,
chiunque vi passera vicino stupira e dira:
Perché il Signore ha agito così con questo paese e con questo tempio? 22] Si rispondera:
Perché hanno abbandonato il Signore Dio dei loro padri,
che li aveva fatti uscire dal paese d'Egitto,
e si sono legati a dei stranieri,
prostrandosi davanti a loro e servendoli.
Per questo egli ha mandato su di loro tutte queste sciagure».


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 8]
1] Passati i vent'anni durante i quali aveva edificato il tempio e la reggia,
2] Salomone ricostruì le città che Curam gli aveva dato e vi stabilì gli Israeliti.
3] Salomone andò ad Amat di Zoba e l'occupò.
4] Egli ricostruì Palmira nel deserto e tutte le città di rifornimento,
che aveva costruito in Amat.
5] Ricostruì Bet-Coròn superiore e Bet-Coròn inferiore,
fortezze con mura,
battenti e catenacci.
6] Lo stesso fece con Baalat,
con tutte le città di rifornimento di sua proprieta e con tutte le città dei carri e dei cavalli;
insomma eseguì tutto ciò che gli piacque di costruire in Gerusalemme,
nel Libano e in tutto il territorio del suo dominio.
7] Quanti rimanevano degli Hittiti,
degli Amorrei,
dei Perizziti,
degli Evei e dei Gebusei,
che non erano Israeliti,
8] cioè i loro discendenti,
sopravvissuti dopo di loro nel paese,
quanti non erano stati sterminati dagli Israeliti,
Salomone li rese tributari,
come lo sono fino ad oggi.
9] Ma degli Israeliti Salomone non impiegò nessuno come schiavo per i suoi lavori,
perché essi erano guerrieri,
capi dei suoi scudieri,
capi dei suoi carri e dei suoi cavalieri.
10] Questi capi di prefetti,
eletti dal re Salomone,
erano duecentocinquanta e avevano la sorveglianza sul popolo.
11] Salomone trasferì la figlia del faraone dalla città di Davide alla casa che aveva costruita per lei,
perché aveva stabilito:
«Una donna non deve abitare per me nella casa di Davide,
re di Israele,
perché è sacro ogni luogo in cui ha sostato l'arca del Signore».
12] In quel tempo Salomone offrì olocausti al Signore sull'altare del Signore,
che aveva costruito di fronte al vestibolo.
13] Ogni giorno offriva olocausti secondo il comando di Mose,
nei sabati,
nei noviluni e nelle tre feste dell'anno,
cioè nella festa degli azzimi,
nella festa delle settimane e nella festa delle capanne.
14] Secondo le disposizioni di Davide suo padre,
stabilì le classi dei sacerdoti per il loro servizio;
anche per i leviti dispose che nel loro ufficio lodassero Dio e assistessero i sacerdoti ogni giorno;
ai portieri nelle loro classi assegnò le singole porte,
perché così aveva comandato Davide,
uomo di Dio.
15] Non si allontanarono in nulla dalle disposizioni del re Davide riguardo ai sacerdoti e ai leviti;
lo stesso avvenne riguardo ai tesori.
16] Così fu realizzata tutta l'opera di Salomone da quando si gettarono le fondamenta del tempio fino al suo compimento definitivo.
17] Allora Salomone andò ad Ezion-Ghèber e ad Elat sulla riva del mare,
nella regione di Edom.
18] Curam gli mandò alcune navi con propri equipaggi e uomini esperti del mare.
Costoro,
insieme con i marinai di Salomone,
andarono in Ofir e di la presero quattrocentocinquanta talenti d'oro e li portarono al re Salomone.


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 9]
1] La regina di Saba,
sentita la fama di Salomone,
venne a Gerusalemme per metterlo alla prova mediante enigmi.
Arrivò con un corteo molto numeroso e con cammelli carichi di aromi,
d'oro in grande quantita e di pietre preziose.
Si presentò a Salomone e gli disse quanto aveva in mente.
2] Salomone rispose a tutte le sue domande;
nessuna risultò occulta per Salomone tanto da non poterle rispondere.
3] La regina di Saba,
quando ebbe ammirato la sapienza di Salomone,
la reggia che egli aveva costruito,
4] i cibi della sua tavola,
gli alloggi dei suoi servitori,
l'attivita dei suoi ministri e le loro divise,
i suoi coppieri e le loro vesti,
gli olocausti che egli offriva nel tempio,
ne rimase incantata.
5] Quindi disse al re:
«Era vero,
dunque,
quanto avevo sentito dire nel mio paese sul tuo conto e sulla tua sapienza.
6] Io non avevo voluto credere a quanto si diceva finché non sono giunta qui e i miei occhi non hanno visto;
ebbene non mi era stata riferita neppure una metà della grandezza della tua sapienza;
tu superi la fama che avevo sentito su di te.
7] Beati i tuoi uomini e beati questi tuoi ministri,
che stanno sempre alla tua presenza e ascoltano la tua sapienza! 8] Sia benedetto il Signore tuo Dio,
che si è compiaciuto di te e ti ha costituito,
sul suo trono,
re per il Signore Dio tuo.
Poiché il tuo Dio ama Israele e intende renderlo stabile per sempre,
ti ha costituito suo re perché tu eserciti il diritto e la giustizia».
9] Essa diede al re centoventi talenti d'oro,
aromi in gran quantita e pietre preziose.
Non ci furono mai tanti aromi come quelli che la regina di Saba diede al re Salomone.
10] Gli uomini di Curam e quelli di Salomone,
che caricavano oro da Ofir,
portarono legno di sandalo e pietre preziose.
11] Con il legno di sandalo il re fece le scale del tempio e della reggia,
cetre e arpe per i cantori;
strumenti simili non erano mai stati visti nel paese di Giuda.
12] Il re Salomone diede alla regina di Saba quanto ella aveva mostrato di gradire,
oltre l'equivalente di quanto ella aveva portato al re.
Ella poi tornò nel suo paese con i suoi uomini.
13] Il peso dell'oro che affluiva nelle casse di Salomone ogni anno era di seicentosessantasei talenti d'oro,
14] senza contare quanto ne proveniva dai trafficanti e dai commercianti;
tutti i re dell'Arabia e i governatori del paese portavano a Salomone oro e argento.
15] Il re Salomone fece duecento scudi grandi d'oro battuto,
per ognuno dei quali adoperò seicento sicli d'oro,
16] e trecento scudi piccoli d'oro battuto,
per ognuno dei quali adoperò trecento sicli d'oro.
Il re li pose nel palazzo della foresta del Libano.
17] Il re fece un grande trono d'avorio,
che rivestì d'oro puro.
18] Il trono aveva sei gradini e uno sgabello d'oro connessi fra loro.
Ai due lati del sedile c'erano due bracci,
vicino ai quali si ergevano due leoni.
19] Dodici leoni si ergevano,
di qua e di la,
sui sei gradini;
non ne esistevano di simili in nessun regno.
20] Tutto il vasellame per bere del re Salomone era d'oro;
tutti gli arredi del palazzo della foresta del Libano erano d'oro fino;
al tempo di Salomone l'argento non valeva nulla.
21] Difatti le navi del re andavano a Tarsìs,
guidate dai marinai di Curam;
ogni tre anni tornavano le navi di Tarsìs cariche d'oro,
d'argento,
di avorio,
di scimmie e di babbuini.
22] Il re Salomone superò,
per ricchezza e sapienza,
tutti i re della terra.
23] Tutti i re della terra desideravano avvicinare Salomone per ascoltare la sapienza che Dio gli aveva infusa.
24] Ognuno di essi gli portava ogni anno il proprio tributo,
oggetti d'oro e oggetti d'argento,
vesti,
armi,
aromi,
cavalli e muli.
25] Salomone aveva quattromila stalle per i suoi cavalli e i suoi carri e dodicimila cavalli,
distribuiti nelle città dei carri e presso il re in Gerusalemme.
26] Egli dominava su tutti i re,
dal fiume fino alla regione dei Filistei e fino al confine dell'Egitto.
27] Il re fece sì che in Gerusalemme l'argento fosse comune come i sassi,
i cedri numerosi come i sicomori nella Sefela.
28] Da Muzri e da tutti i paesi si importavano cavalli per Salomone.
29] Le altre gesta di Salomone,
dalle prime alle ultime,
sono descritte negli atti del profeta Natan,
nella profezia di Achia di Silo e nelle visioni del veggente Iedò riguardo a Geroboamo figlio di Nebat.
30] Salomone regnò in Gerusalemme su Israele quarant'anni.
31] Salomone si addormentò con i suoi padri;
lo seppellirono nella città di Davide.
Al suo posto divenne re suo figlio Roboamo.


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 10]
1] Roboamo andò a Sichem,
perché tutti gli Israeliti erano convenuti in Sichem per proclamarlo re.
2] Quando lo seppe,
Geroboamo figlio di Nebat,
che era in Egitto dove era fuggito per paura del re Salomone,
tornò dall'Egitto.
3] Lo avevano mandato a chiamare e perciò Geroboamo si presentò con tutto Israele e dissero a Roboamo:
4] «Tuo padre ha reso pesante il nostro giogo,
ora tu alleggerisci la dura schiavitù di tuo padre e il giogo gravoso,
che quegli ci ha imposto,
e noi ti serviremo».
5] Rispose loro:
«Tornate da me fra tre giorni».
Il popolo se ne andò.
6] Il re Roboamo si consigliò con gli anziani,
che erano stati al servizio di Salomone suo padre durante la sua vita e domandò:
«Che mi consigliate di rispondere a questo popolo?».
7] Gli dissero:
«Se oggi ti mostrerai benevolo verso questo popolo,
se l'accontenterai e se dirai loro parole gentili,
essi saranno tuoi docili sudditi per sempre».
8] Ma quegli trascurò il consiglio datogli dagli anziani e si consultò con i giovani,
che erano cresciuti con lui ed erano al suo servizio.
9] Domandò loro:
«Che mi consigliate di rispondere a questo popolo che mi ha chiesto:
Alleggerisci il giogo impostoci da tuo padre?».
10] I giovani,
che erano cresciuti con lui,
gli dissero:
«Al popolo che si è rivolto a te dicendo:
Tuo padre ha reso pesante il nostro giogo,
tu alleggeriscilo! annunzierai:
Il mio mignolo è più grosso dei fianchi di mio padre.
11] Ora,
se mio padre vi ha caricati di un giogo pesante,
io renderò ancora più grave il vostro giogo.
Mio padre vi ha castigati con fruste,
io vi castigherò con flagelli».
12] Geroboamo e tutto il popolo si presentarono a Roboamo il terzo giorno,
come aveva ordinato il re quando affermò:
«Tornate da me il terzo giorno».
13] Il re rispose loro duramente.
Il re Roboamo,
respinto il consiglio degli anziani,
14] disse loro secondo il consiglio dei giovani:
«Mio padre vi ha imposto un giogo pesante,
io lo renderò ancora più grave.
Mio padre vi ha castigati con fruste,
io vi castigherò con flagelli».
15] Il re non ascoltò il popolo,
poiché era disposizione divina che il Signore attuasse la parola che aveva rivolta a Geroboamo,
figlio di Nebat,
per mezzo di Achia di Silo.
16] Tutto Israele,
visto che il re non li ascoltava,
rispose al re:
«Che c'è fra noi e Davide? Nulla in comune con il figlio di Iesse! Ognuno alle proprie tende,
Israele! Ora pensa alla tua casa,
Davide».
Tutto Israele se ne andò alle sue tende.
17] Sugli Israeliti che abitavano nelle città di Giuda regnò Roboamo.
18] Il re Roboamo mandò Adoram,
sovrintendente ai lavori forzati,
ma gli Israeliti lo lapidarono ed egli morì.
Il re Roboamo allora salì in fretta sul suo carro e fuggì in Gerusalemme.
19] Così Israele si ribellò alla casa di Davide;
tale situazione dura fino ad oggi.


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 11]
1] Roboamo,
giunto in Gerusalemme,
vi convocò le tribù di Giuda e di Beniamino,
centottantamila guerrieri scelti,
per combattere contro Israele allo scopo di riconquistare il regno a Roboamo.
2] Ma questa parola del Signore fu rivolta a Semaia:
3] «Annunzia a Roboamo figlio di Salomone,
re di Giuda,
e a tutti gli Israeliti che sono in Giuda e in Beniamino:
4] Dice il Signore:
Non andate a combattere contro i vostri fratelli.
Ognuno torni a casa,
perché questa situazione è stata voluta da me».
Ascoltarono le parole del Signore e rinunziarono a marciare contro Geroboamo.
5] Roboamo abitò in Gerusalemme.
Egli trasformò in fortezze alcune città di Giuda.
6] Ricostruì Betlemme,
Etam,
Tekòa,
7] Bet-Zur,
Soco,
Adullam,
8] Gat,
Maresa,
Zif,
9] Adoraim,
Lachis,
Azeka,
10] Zorea,
Aialon ed Ebron;
queste fortezze erano in Giuda e in Beniamino.
11] Egli rafforzò queste fortezze,
vi prepose comandanti e vi stabilì depositi di cibarie,
di olio e di vino.
12] In ogni città depositò scudi e lance,
rendendole fortissime.
Rimasero fedeli Giuda e Beniamino.
13] I sacerdoti e i leviti,
che erano in tutto Israele,
si radunarono da tutto il loro territorio per passare dalla sua parte.
14] Sì,
i leviti lasciarono i pascoli,
le proprieta e andarono in Giuda e in Gerusalemme,
perché Geroboamo e i suoi figli li avevano esclusi dal sacerdozio del Signore.
15] Geroboamo aveva stabilito suoi sacerdoti per le alture,
per i demoni e per i vitelli che aveva eretti.
16] Dopo,
da tutto Israele quanti avevano determinato in cuor loro di rimanere fedeli al Signore,
Dio di Israele,
andarono in Gerusalemme per sacrificare al Signore,
Dio dei loro padri.
17] Così rafforzarono il regno di Giuda e sostennero Roboamo figlio di Salomone,
per tre anni,
perché per tre anni egli imitò la condotta di Davide e di Salomone.
18] Roboamo si prese in moglie Macalat figlia di Ierimot,
figlio di Davide,
e di Abiail figlia di Eliab,
figlio di Iesse.
19] Essa gli partorì i figli Ieus,
Semaria e Zaam.
20] Dopo di lei prese Maaca figlia di Assalonne,
che gli partorì Abia,
Attai,
Ziza e Selomìt.
21] Roboamo amò Maaca figlia di Assalonne più di tutte le altre mogli e concubine;
egli prese diciotto mogli e sessanta concubine e generò ventotto figli e sessanta figlie.
22] Roboamo costituì Abia figlio di Maaca capo,
ossia principe tra i suoi fratelli,
perché pensava di farlo re.
23] Con astuzia egli sparse in tutte le contrade di Giuda e di Beniamino,
in tutte le fortezze,
alcuni suoi figli.
Diede loro viveri in abbondanza e li provvide di mogli.
http://web,tiscali.it/martiri

SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 12]
1] Quando il regno fu consolidato ed egli si sentì forte,
Roboamo abbandonò la legge del Signore e tutto Israele lo seguì.
2] Nell'anno quinto del re Roboamo,
Sisach re d'Egitto marciò contro Gerusalemme,
perché i suoi abitanti si erano ribellati al Signore.
3] Egli aveva milleduecento carri,
sessantamila cavalli.
Coloro che erano venuti con lui dall'Egitto non si contavano:
Libi,
Succhei ed Etiopi.
4] Egli prese le fortezze di Giuda e giunse fino a Gerusalemme.
5] Il profeta Semaia si presentò a Roboamo e agli ufficiali di Giuda,
che si erano raccolti in Gerusalemme per paura di Sisach,
e disse loro:
«Dice il Signore:
Voi mi avete abbandonato,
perciò anch'io vi ho abbandonati nelle mani di Sisach».
6] Allora i capi di Israele e il re si umiliarono e dissero:
«Giusto è il Signore!».
7] Poiché si erano umiliati,
il Signore parlò a Semaia:
«Si sono umiliati e io non li distruggerò.
Anzi concederò loro la liberazione fra poco;
la mia ira non si rovescera su Gerusalemme per mezzo di Sisach.
8] Tuttavia essi saranno a lui sottomessi;
così conosceranno la differenza fra la sottomissione a me e quella ai regni delle nazioni».
9] Sisach,
re d'Egitto,
venne a Gerusalemme e prese i tesori del tempio e i tesori della reggia,
li vuotò.
Prese anche gli scudi d'oro fatti da Salomone.
10] Il re Roboamo li sostituì con scudi di bronzo,
che affidò agli ufficiali delle guardie addette alla reggia.
11] Ogni volta che il re andava nel tempio,
le guardie li prendevano,
quindi li riportavano nella sala delle guardie.
12] Perché Roboamo si era umiliato,
lo sdegno del Signore si ritirò da lui e non lo distrusse del tutto.
Anzi in Giuda ci furono avvenimenti felici.
13] Il re Roboamo si consolidò in Gerusalemme e regnò.
Quando divenne re,
Roboamo aveva quarantun anni;
regnò diciassette anni in Gerusalemme,
città scelta dal Signore fra tutte le tribù di Israele per porvi il suo nome.
Sua madre,
ammonita,
si chiamava Naama.
14] Egli fece il male,
perché non aveva applicato il cuore alla ricerca del Signore.
15] Le gesta di Roboamo,
le prime e le ultime,
sono descritte negli atti del profeta Semaia e del veggente Iddo,
secondo le genealogie.
Ci furono guerre continue fra Roboamo e Geroboamo.
16] Roboamo si addormentò con i suoi padri e fu sepolto nella città di Davide.
Al suo posto divenne re suo figlio Abia.


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 13]
1] Nell'anno diciottesimo del re Geroboamo divenne re di Giuda Abia.
2] Regnò tre anni in Gerusalemme;
sua madre,
di Gabaa,
si chiamava Maaca,
figlia di Urièl.
Ci fu guerra fra Abia e Geroboamo.
3] Abia attaccò battaglia con un esercito di valorosi,
quattrocentomila uomini scelti.
Geroboamo si schierò in battaglia contro di lui con ottocentomila uomini scelti.
4] Abia si pose sul monte Semaraim,
che è sulle montagne di Efraim e gridò:
«Ascoltatemi,
Geroboamo e tutto Israele! 5] Non sapete forse che il Signore,
Dio di Israele,
ha concesso il regno a Davide su Israele per sempre,
a lui e ai suoi figli con un'alleanza inviolabile? 6] Geroboamo figlio di Nebat,
ministro di Salomone figlio di Davide,
è sorto e si è ribellato contro il suo padrone.
7] Presso di lui si sono radunati uomini sfaccendati e iniqui;
essi si fecero forti contro Roboamo figlio di Salomone.
Roboamo era giovane,
timido di carattere;
non fu abbastanza forte di fronte a loro.
8] Ora voi pensate di imporvi sul regno del Signore,
che è nelle mani dei figli di Davide,
perché siete una grande moltitudine e con voi sono i vitelli d'oro,
che Geroboamo vi ha fatti come dei.
9] Non avete forse voi scacciato i sacerdoti del Signore,
figli di Aronne,
e i leviti e non vi siete costituiti sacerdoti come i popoli degli altri paesi? Chiunque si è presentato con un giovenco di armento e con sette arieti a farsi consacrare è divenuto sacerdote di chi non è Dio.
10] Quanto a noi,
il Signore è nostro Dio;
non l'abbiamo abbandonato.
I sacerdoti,
che prestano servizio al Signore,
sono figli di Aronne e leviti sono gli addetti alle funzioni.
11] Essi offrono al Signore olocausti ogni mattina e ogni sera,
il profumo fragrante,
i pani dell'offerta su una tavola monda,
dispongono i candelabri d'oro con le lampade da accendersi ogni sera,
perché noi osserviamo i comandi del Signore nostro Dio,
mentre voi lo avete abbandonato.
12] Ecco noi abbiamo,
alla nostra testa,
Dio con noi;
i suoi sacerdoti e le trombe squillanti stanno per suonare la carica contro di voi.
Israeliti,
non combattete contro il Signore,
Dio dei vostri padri,
perché non avrete successo».
13] Geroboamo li aggirò con un agguato per assalirli alle spalle.
Le truppe stavano di fronte a Giuda,
mentre coloro che erano in agguato si trovavano alle spalle.
14] Quelli di Giuda si volsero.
Avendo da combattere di fronte e alle spalle,
gridarono al Signore e i sacerdoti suonarono le trombe.
15] Tutti quelli di Giuda alzarono grida.
Mentre quelli di Giuda emettevano grida,
Dio sconfisse Geroboamo e tutto Israele di fronte ad Abia e a Giuda.
16] Gli Israeliti fuggirono di fronte a Giuda;
Dio li aveva messi in potere di costoro.
17] Abia e la sua truppa inflissero loro una grave sconfitta;
fra gli Israeliti caddero morti cinquecentomila uomini scelti.
18] In quel tempo furono umiliati gli Israeliti,
mentre si rafforzarono quelli di Giuda,
perché avevano confidato nel Signore,
Dio dei loro padri.
19] Abia inseguì Geroboamo;
gli prese le seguenti città:
Betel con le dipendenze,
Iesana con le dipendenze ed Efron con le dipendenze.
20] Durante la vita di Abia Geroboamo non ebbe più forza alcuna;
il Signore lo colpì ed egli morì.
21] Abia,
invece,
si rafforzò;
egli prese quattordici mogli e generò ventidue figli e sedici figlie.
22] Le altre gesta di Abia,
le sue azioni e le sue parole,
sono descritte nella memoria del profeta Iddo.
23] Abia si addormentò con i suoi padri;
lo seppellirono nella città di Davide.
Al suo posto divenne re suo figlio Asa.
Ai suoi tempi il paese restò tranquillo per dieci anni.


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 14]
1] Asa fece ciò che è bene e giusto agli occhi del Signore suo Dio.
2] Allontanò gli altari stranieri e le alture;
spezzò le stele ed eliminò i pali sacri.
3] Egli ordinò a Giuda di ricercare il Signore,
Dio dei loro padri,
e di eseguirne la legge e i comandi.
4] Da tutte le città di Giuda allontanò le alture e gli altari per l'incenso.
Il regno fu tranquillo sotto di lui.
5] Ricostruì le fortezze in Giuda,
poiché il paese era tranquillo e in quegli anni non si trovava in guerra;
il Signore gli aveva concesso pace.
6] Egli disse a Giuda:
«Ricostruiamo quelle città circondandole di mura e di torri con porte e sbarre,
mentre il paese è ancora in nostro potere perché abbiamo ricercato il Signore nostro Dio;
noi l'abbiamo ricercato ed egli ci ha concesso la pace alle frontiere».
Ricostruirono e prosperarono.
7] Asa aveva un esercito di trecentomila uomini di Giuda con grandi scudi e lance e di duecentottantamila Beniaminiti con piccoli scudi e archi.
Tutti costoro erano uomini valorosi.
8] Contro di loro marciò Zerach l'Etiope con un esercito di un milione di uomini e con trecento carri;
egli giunse fino a Maresa.
9] Asa gli andò incontro;
si schierarono a battaglia nella valle di Sefata presso Maresa.
10] Asa domandò al Signore,
suo Dio:
«Signore,
fuori di te,
nessuno può soccorrere nella lotta fra il potente e chi è senza forza;
soccorrici,
Signore nostro Dio,
perché noi confidiamo in te e nel tuo nome marciamo contro questa moltitudine;
Signore,
tu sei nostro Dio;
un uomo non prevalga su di te!».
11] Il Signore sconfisse gli Etiopi di fronte ad Asa e di fronte a Giuda.
Gli Etiopi si diedero alla fuga.
12] Asa e quanti erano con lui li inseguirono fino a Gherar.
Degli Etiopi ne caddero tanti da non restarne uno vivo,
perché fatti a pezzi di fronte al Signore e al suo esercito.
Quelli riportarono molto bottino.
13] Conquistarono anche tutte le città intorno a Gherar,
poiché lo spavento del Signore si era diffuso in esse;
saccheggiarono tutte le città,
nelle quali c'era grande bottino.
14] Si abbatterono anche sulle tende dei pastori,
facendo razzie di pecore e di cammelli in grande quantita,
quindi tornarono a Gerusalemme.


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 15]
1] Lo spirito di Dio investì Azaria,
figlio di Obed.
2] Costui,
uscito incontro ad Asa,
gli disse:
«Asa e voi tutti di Giuda e di Beniamino,
ascoltatemi! Il Signore sara con voi,
se voi sarete con lui;
se lo ricercherete,
si lascera trovare da voi,
ma se lo abbandonerete,
vi abbandonera.
3] Per lungo tempo in Israele non c'era il vero Dio,
ne un sacerdote che insegnasse,
ne una legge.
4] Ma,
nella miseria,
egli fece ritorno al Signore,
Dio di Israele;
lo ricercarono ed Egli si lasciò trovare da loro.
5] In quei tempi non c'era pace per nessuno,
perché grandi perturbazioni c'erano fra gli abitanti dei vari paesi.
6] Una nazione cozzava contro l'altra,
una città contro l'altra,
perché Dio li affliggeva con tribolazioni di ogni genere.
7] Ma voi siate forti e le vostre mani non crollino,
perché ci sara un salario per il vostro lavoro».
8] Quando Asa ebbe udito queste parole e la profezia,
riprese animo.
Eliminò gli idoli da tutto il paese di Giuda e di Beniamino e dalle città che egli aveva conquistate sulle montagne di Efraim;
rinnovò l'altare del Signore,
che si trovava di fronte al vestibolo del Signore.
9] Radunò tutti gli abitanti di Giuda e di Beniamino e quanti,
provenienti da Efraim,
da Manasse e da Simeone,
abitavano in mezzo a loro come stranieri;
difatti da Israele erano venuti da lui in grande numero,
avendo constatato che il Signore era con lui.
10] Si radunarono in Gerusalemme nel terzo mese dell'anno quindicesimo del regno di Asa.
11] In quel giorno sacrificarono al Signore parte della preda che avevano riportata:
settecento buoi e settemila pecore.
12] Si obbligarono con un'alleanza a ricercare il Signore,
Dio dei loro padri,
con tutto il cuore e con tutta l'anima.
13] Per chiunque,
grande o piccolo,
uomo o donna,
non avesse ricercato il Signore,
Dio di Israele,
c'era la morte.
14] Giurarono al Signore a voce alta e con acclamazioni,
fra suoni di trombe e di corni.
15] Tutto Giuda gioì per il giuramento,
perché avevano giurato con tutto il cuore e avevano ricercato il Signore con tutto l'ardore e questi si era lasciato trovare da loro e aveva concesso la pace alle frontiere.
16] Il re destituì dalla sua dignita di regina Maaca,
madre di Asa,
perché aveva eretto un abominio in onore di Asera.
Asa demolì questo abominio,
lo fece a pezzi e lo bruciò nel torrente Cedron.
17] Ma non scomparvero le alture da Israele,
anche se il cuore di Asa si mantenne integro per tutta la vita.
18] Egli fece portare nel tempio le cose consacrate da suo padre e quelle consacrate da lui stesso,
consistenti in argento,
oro e vasellame.
19] Non ci fu guerra fino all'anno trentacinquesimo del regno di Asa.


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 16]
1] Nell'anno trentaseiesimo del regno di Asa il re di Israele Baasa marciò contro Giuda.
Egli fortificò Rama per impedire le comunicazioni con Asa re di Giuda.
2] Asa tirò fuori dai tesori del tempio e della reggia argento e oro e li mandò a Ben-Hadad,
re di Aram residente in Damasco,
con questa proposta:
3] «Ci sia alleanza fra me e te,
come c'era fra mio padre e tuo padre.
Ecco ti mando argento e oro.
Su,
rompi l'alleanza con Baasa re di Israele ed egli si ritiri da me».
4] Ben-Hadad ascoltò il re Asa;
mandò contro le città di Israele i suoi capi delle forze armate,
che occuparono Iion,
Dan,
Abel-Maim e tutte le città di approvvigionamento di Neftali.
5] Quando lo seppe,
Baasa cessò di fortificare Rama,
desistette dalla sua impresa.
6] Il re Asa convocò tutti quelli di Giuda,
che andarono a prendere le pietre e il legname con cui Baasa stava fortificando Rama e con questo materiale egli fortificò Gheba e Mizpa.
7] In quel tempo il veggente Canani si presentò ad Asa re di Giuda e gli disse:
«Poiché ti sei appoggiato al re di Aram e non al Signore tuo Dio,
l'esercito del re di Aram è sfuggito al tuo potere.
8] Etiopi e Libi non costituivano forse un grande esercito,
con numerosissimi carri e cavalli? Poiché ti appoggiasti al Signore,
egli non li consegnò forse in tuo potere? 9] Difatti il Signore con gli occhi scruta tutta la terra per mostrare la sua potenza a favore di chi si comporta con lui con cuore sincero.
Tu in ciò hai agito da stolto;
per questo d'ora in poi avrai guerre».
10] Asa si sdegnò contro il veggente e lo mise in prigione,
essendo adirato con lui per tali parole.
In quel tempo Asa oppresse anche parte del popolo.
11] Ecco le gesta di Asa,
le prime come le ultime,
sono descritte nel libro dei re di Giuda e di Israele.
12] Nell'anno trentanovesimo del suo regno,
Asa si ammalò gravemente ai piedi.
Neppure nell'infermita egli ricercò il Signore,
ricorrendo solo ai medici.
13] Asa si addormentò con i suoi padri;
morì nell'anno quarantunesimo del suo regno.
14] Lo seppellirono nel sepolcro che egli si era scavato nella città di Davide.
Lo stesero su un letto pieno di aromi e profumi lavorati da un esperto di profumeria;
ne bruciarono per lui una quantita immensa.


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 17]
1] Al suo posto divenne re suo figlio Giosafat,
che si fortificò contro Israele.
2] Egli mise guarnigioni militari in tutte le fortezze di Giuda;
nominò governatori per le città di Giuda e per le città di Efraim occupate dal padre Asa.
3] Il Signore fu con Giosafat,
perché egli seguì la primitiva condotta di suo padre e non ricercò i Baal,
4] ma piuttosto ricercò il Dio di suo padre e ne seguì i comandi,
senza imitare Israele.
5] Il Signore consolidò il regno nelle mani di Giosafat e tutto Giuda gli portava offerte.
Egli ebbe ricchezze e gloria in quantita.
6] Il suo cuore divenne forte nel seguire il Signore;
eliminò anche le alture e i pali sacri da Giuda.
7] Nell'anno terzo del suo regno mandò i suoi ufficiali Ben-Cail,
Abdia,
Zaccaria,
Netaneèl e Michea a insegnare nelle città di Giuda.
8] Con essi c'erano i leviti Semaia,
Natania,
Zebadia,
Asael,
Semiraimot,
Giònata,
Adonia e Tobia e i sacerdoti Elisama e Ioram.
9] Insegnarono in Giuda;
avevano con sé il libro della legge del Signore e percorsero tutte le città di Giuda,
istruendo il popolo.
10] Il terrore del Signore si diffuse per tutti i regni che circondavano Giuda e così essi non fecero guerra a Giosafat.
11] Da parte dei Filistei si portavano a Giosafat tributi e argento in dono;
anche gli Arabi gli portavano bestiame minuto:
settemilasettecento arieti e settemilasettecento capri.
12] Giosafat cresceva sempre in potenza.
Egli costruì in Giuda castelli e città di approvvigionamento.
13] Disponeva di molta manodopera nelle città di Giuda.
In Gerusalemme risiedevano i suoi guerrieri,
uomini valorosi.
14] Ecco il loro censimento secondo i casati:
per Giuda,
capi di migliaia:
Adna il capo,
e con lui trecentomila uomini valorosi.
15] Alle sue dipendenze c'era il comandante Giovanni e con lui duecentottantamila uomini.
16] Alle sue dipendenze c'era Amasia figlio di Zicrì,
votato al Signore,
e con lui duecentomila uomini valorosi;
17] per Beniamino,
Eliada,
uomo valoroso,
e con lui duecentomila armati di arco e di scudo.
18] Alle sue dipendenze c'era Iozabad e con lui centottantamila uomini in assetto di guerra.
19] Tutti costoro erano al servizio del re,
oltre quelli che il re aveva stabiliti nelle fortezze in tutto Giuda.


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 18]
1] Giosafat,
che aveva ricchezza e gloria in abbondanza,
si imparentò con Acab.
2] Dopo alcuni anni scese da Acab in Samaria e Acab uccise per lui e per la gente del suo seguito pecore e buoi in quantita e lo persuase ad attaccare con lui Ramot di Galaad.
3] Acab re di Israele disse a Giosafat re di Giuda:
«Vuoi venire con me contro Ramot di Galaad?».
Gli rispose:
«Conta su di me come su di te,
sul mio popolo come sul tuo;
sarò con te in battaglia».
4] Allora Giosafat disse al re di Israele:
«Consulta oggi stesso l'oracolo del Signore».
5] Il re di Israele radunò i profeti,
quattrocento circa,
e domandò loro:
«Devo marciare contro Ramot di Galaad o devo rinunziarvi?».
Gli risposero:
«Attacca;
Dio la mettera nelle mani del re».
6] Giosafat disse:
«Non c'è qui nessun profeta del Signore da consultare?».
7] Il re di Israele rispose a Giosafat:
«Ci sarebbe un uomo con cui consultare il Signore,
ma io lo detesto perché non mi predice il bene ma sempre il male.
Si tratta di Michea figlio di Imla».
Giosafat disse:
«Il re mio signore non parli così».
8] Il re di Israele,
chiamato un consigliere,
gli ordinò:
«Convoca subito Michea figlio di Imla!».
9] Il re di Israele e Giosafat re di Giuda,
seduti ognuno sul suo trono,
vestiti dei loro mantelli sedevano nell'aia di fronte alla porta di Samaria e tutti i profeti predicevano davanti a loro.
10] Sedecia,
figlio di Chenaana,
che si era fatto corna di ferro,
affermava:
«Così dice il Signore:
Con queste cozzerai contro gli Aramei sino ad annientarli».
11] Tutti i profeti predicevano allo stesso modo:
«Assali Ramot di Galaad,
avrai successo;
il Signore la mettera nelle mani del re».
12] Il messaggero,
che era andato a chiamare Michea,
gli disse:
«Ecco le parole dei profeti sono concordi nel predire il successo del re;
ora la tua parola sia identica alle loro;
predici il successo».
13] Michea rispose:
«Per la vita del Signore,
io annunzierò solo quanto mi dira il mio Dio».
14] Si presentò al re,
che gli domandò:
«Michea,
dobbiamo marciare contro Ramot di Galaad oppure dobbiamo rinunziarvi?».
Quegli rispose:
«Attaccatela,
avrete successo;
i suoi abitanti saranno messi nelle vostre mani».
15] Il re gli disse:
«Quante volte ti devo scongiurare di non dirmi altro che la verita in nome del Signore?».
16] Allora egli disse:
«Ho visto tutti gli Israeliti vagare sui monti come pecore senza pastore.
Il Signore dice:
Non hanno padroni;
ognuno torni a casa in pace!».
17] Il re di Israele disse a Giosafat:
«Non te l'avevo forse detto che non mi avrebbe predetto nulla di buono,
ma solo il male?».
18] Michea disse:
«Pertanto,
ascoltate la parola del Signore.
Io ho visto il Signore seduto sul trono;
tutto l'esercito celeste stava alla sua destra e alla sua sinistra.
19] Il Signore domandò:
Chi ingannera Acab re di Israele,
perché marci contro Ramot di Galaad e vi perisca? Chi rispose in un modo e chi in un altro.
20] Si fece avanti uno spirito che - presentatosi al Signore - disse:
Io lo ingannerò.
Il Signore gli domandò:
Come? 21] Rispose:
Andrò e diventerò uno spirito di menzogna sulla bocca di tutti i suoi profeti.
Quegli disse:
Lo ingannerai;
certo riuscirai;
va e fa così.
22] Ecco,
dunque,
il Signore ha messo uno spirito di menzogna nella bocca di tutti questi tuoi profeti,
ma il Signore a tuo riguardo preannunzia una sciagura».
23] Allora Sedecia figlio di Chenaana si avvicinò e percosse Michea sulla guancia dicendo:
«Per quale via lo spirito del Signore è passato da me per venire a parlare in te?».
24] Michea rispose:
«Ecco lo vedrai quando passerai di stanza in stanza per nasconderti».
25] Il re di Israele disse:
«Prendete Michea e conducetelo ad Amon capo della città e a Ioas figlio del re.
26] Riferite loro:
Il re ordina:
Mettetelo in prigione e mantenetelo con il minimo di pane e di acqua finché tornerò in pace».
27] Michea disse:
«Se tu tornerai in pace,
il Signore non ha parlato per mezzo mio».
28] Il re di Israele e Giosafat re di Giuda marciarono su Ramot di Galaad.
29] Il re di Israele disse a Giosafat:
«Io mi travestirò per andare in battaglia.
Tu resta con i tuoi abiti».
Il re di Israele si travestì ed entrarono in battaglia.
30] Il re di Aram aveva ordinato ai suoi capi dei carri:
«Non combattete contro nessuno,
piccolo o grande,
ma unicamente contro il re di Israele!».
31] Quando i capi dei carri videro Giosafat dissero:
«E` il re di Israele!».
Lo circondarono per assalirlo;
Giosafat gridò e il Signore gli venne in aiuto e Dio li allontanò dalla sua persona.
32] Quando si accorsero che non era il re di Israele,
i capi dei carri si allontanarono da lui.
33] Ma uno,
teso a caso l'arco,
colpì il re di Israele fra le maglie dell'armatura e la corazza.
Il re disse al suo cocchiere:
«Gira,
portami fuori dalla mischia,
perché sono ferito».
34] La battaglia infuriò per tutto quel giorno;
il re di Israele stette sul carro di fronte agli Aramei sino alla sera e morì al tramonto del sole.


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 19]
1] Giosafat,
re di Giuda,
tornò in pace a casa in Gerusalemme.
2] Il veggente Ieu,
figlio di Canani,
gli andò incontro e disse a Giosafat:
«Si doveva forse recare aiuto a un empio? Potevi dunque amare coloro che odiano il Signore? Per questo lo sdegno del Signore è contro di te.
3] Tuttavia in te si sono trovate cose buone,
perché hai bruciato i pali sacri nella regione e hai rivolto il tuo cuore alla ricerca di Dio».
4] Giosafat,
dopo un soggiorno in Gerusalemme,
si recò di nuovo fra il suo popolo da Bersabea alle montagne di Efraim,
riportandolo al Signore,
Dio dei loro padri.
5] Egli stabilì giudici nella regione,
in tutte le fortezze di Giuda,
città per città.
6] Ai giudici egli raccomandò:
«Guardate a quello che fate,
perché non giudicate per gli uomini,
ma per il Signore,
il quale sara con voi quando pronunzierete la sentenza.
7] Ora il timore del Signore sia con voi;
nell'agire badate che nel Signore nostro Dio non c'è nessuna iniquita;
egli non ha preferenze personali ne accetta doni».
8] Anche in Gerusalemme Giosafat costituì alcuni leviti,
sacerdoti e capifamiglia di Israele,
per dirimere le questioni degli abitanti di Gerusalemme.
9] Egli comandò loro:
«Voi agirete nel timore del Signore,
con fedelta e con cuore integro.
10] Su ogni causa che vi verra presentata da parte dei vostri fratelli che abitano nelle loro città - si tratti di omicidio o di una questione che riguarda la legge o un comando,
gli statuti o i decreti - istruiteli in modo che non si rendano colpevoli davanti al Signore e il suo sdegno non si riversi su di voi e sui vostri fratelli.
Agite così e non diventerete colpevoli.
11] Ecco Amaria sommo sacerdote vi guidera in ogni questione religiosa,
mentre Zebadia figlio di Ismaele,
capo della casa di Giuda,
vi guidera in ogni questione che riguarda il re;
in qualita di scribi sono a vostra disposizioni i leviti.
Coraggio,
mettetevi al lavoro.
Il Signore sara con il buono».


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 20]
1] In seguito i Moabiti e gli Ammoniti,
aiutati dai Meuniti,
mossero guerra a Giosafat.
2] Andarono ad annunziare a Giosafat:
«Una grande moltitudine è venuta contro di te da oltre il mare,
da Edom.
Ecco sono in Cazezon-Tamar,
cioè in Engaddi».
3] Nella paura Giosafat si rivolse al Signore;
per questo indisse un digiuno per tutto Giuda.
4] Quelli di Giuda si radunarono per implorare aiuto dal Signore;
vennero da tutte le città di Giuda per implorare aiuto dal Signore.
5] Giosafat stette in piedi in mezzo all'assemblea di Giuda e di Gerusalemme nel tempio,
di fronte al nuovo cortile.
6] Egli disse:
«Signore,
Dio dei nostri padri,
non sei forse tu il Dio che è in cielo? Tu domini su tutti i regni dei popoli.
Nelle tue mani sono la forza e la potenza;
nessuno può opporsi a te.
7] Non hai scacciato tu,
nostro Dio,
gli abitanti di questa regione di fronte al tuo popolo Israele e non hai consegnato il paese per sempre alla discendenza del tuo amico Abramo? 8] Gli Israeliti lo hanno abitato e vi hanno costruito un santuario al tuo nome dicendo:
9] Se ci piombera addosso una sciagura,
una spada punitrice,
una peste o una carestia,
noi ci presenteremo a te in questo tempio,
poiché il tuo nome è in questo tempio,
e grideremo a te dalla nostra sciagura e tu ci ascolterai e ci aiuterai.
10] Ora,
ecco gli Ammoniti,
i Moabiti e quelli delle montagne di Seir,
nelle cui terre non hai permesso agli Israeliti di entrare,
quando venivano dal paese d'Egitto,
e perciò si sono tenuti lontani da quelli e non li hanno distrutti,
11] ecco,
ora ci ricompensano venendoci a scacciare dalla eredita che tu hai acquistata per noi.
12] Dio nostro,
non ci vorrai rendere giustizia nei loro riguardi,
poiché noi non abbiamo la forza di opporci a una moltitudine così grande piombataci addosso? Non sappiamo che cosa fare;
perciò i nostri occhi sono rivolti a te».
13] Tutti gli abitanti di Giuda stavano in piedi davanti al Signore,
con i loro bambini,
le loro mogli e i loro figli.
14] Allora lo spirito del Signore,
in mezzo all'assemblea,
fu su Iacazièl,
figlio di Zaccaria,
figlio di Benaia,
figlio di Ieièl,
figlio di Mattania,
levita dei figli di Asaf.
15] Egli disse:
«Porgete l'orecchio,
voi tutti di Giuda,
abitanti di Gerusalemme e tu,
re Giosafat.
Vi dice il Signore:
Non temete e non spaventatevi davanti a questa moltitudine immensa perché la guerra non è diretta contro di voi,
ma contro Dio.
16] Domani,
scendete contro di loro;
ecco,
saliranno per la salita di Ziz.
Voi li sorprenderete al termine della valle di fronte al deserto di Ieruel.
17] Non tocchera a voi combattere in tale momento;
fermatevi bene ordinati e vedrete la salvezza che il Signore operera per voi,
o Giuda e Gerusalemme.
Non temete e non abbattetevi.
Domani,
uscite loro incontro;
il Signore sara con voi».
18] Giosafat si inginocchiò con la faccia a terra;
tutto Giuda e gli abitanti di Gerusalemme si prostrarono davanti al Signore per adorarlo.
19] I leviti,
dei figli dei Keatiti e dei figli dei Korachiti,
si alzarono a lodare il Signore,
Dio di Israele,
a piena voce.
20] La mattina dopo si alzarono presto e partirono per il deserto di Tekòa.
Mentre si muovevano,
Giosafat si fermò e disse:
«Ascoltatemi,
Giuda e abitanti di Gerusalemme! Credete nel Signore vostro Dio e sarete saldi;
credete nei suoi profeti e riuscirete».
21] Quindi,
consigliatosi con il popolo,
mise i cantori del Signore,
vestiti con paramenti sacri,
davanti agli uomini in armi,
perché lodassero il Signore dicendo:
Lodate il Signore,
perché la sua grazia dura sempre.
22] Appena cominciarono i loro canti di esultanza e di lode,
il Signore tese un agguato contro gli Ammoniti,
i Moabiti e quelli delle montagne di Seir,
venuti contro Giuda e furono sconfitti.
23] Gli Ammoniti e i Moabiti insorsero contro gli abitanti delle montagne di Seir per votarli allo sterminio e distruggerli.
Quando ebbero finito con gli abitanti delle montagne di Seir,
contribuirono a distruggersi a vicenda.
24] Quando quelli di Giuda raggiunsero la collina da dove si vedeva il deserto,
si voltarono verso la moltitudine,
ed ecco non c'erano che cadaveri gettati per terra,
senza alcun superstite.
25] Giosafat e la sua gente andarono a raccogliere la loro preda.
Vi trovarono in abbondanza bestiame,
ricchezze,
vesti e oggetti preziosi.
Ne presero più di quanto ne potessero portare.
Passarono tre giorni a raccogliere il bottino,
perché esso era molto abbondante.
26] Il quarto giorno si radunarono nella valle di Beraca;
poiché la benedissero il Signore,
chiamarono quel luogo valle della Benedizione,
nome ancora in uso.
27] Quindi tutto Giuda e tutti quelli di Gerusalemme,
con Giosafat alla testa,
partirono per tornare in Gerusalemme,
pieni di gioia perché il Signore li aveva riempiti di letizia a spese dei loro nemici.
28] Entrarono in Gerusalemme diretti al tempio,
fra suoni di arpe,
di cetre e di trombe.
29] Quando si seppe che il Signore aveva combattuto contro i nemici di Israele,
il terrore di Dio si diffuse su tutti i regni dei vari paesi.
30] Il regno di Giosafat fu tranquillo;
Dio gli aveva concesso la pace su tutte le frontiere.
31] Giosafat regnò su Giuda.
Aveva trentacinque anni quando divenne re;
regnò venticinque anni in Gerusalemme.
Sua madre si chiamava Azuba figlia di Silchi.
32] Seguì la strada di suo padre,
senza allontanarsi,
per fare ciò che è retto agli occhi del Signore.
33] Ma non scomparvero le alture;
il popolo non aveva ancora rafforzato il cuore nella ricerca del Dio dei suoi padri.
34] Le altre gesta di Giosafat,
le prime come le ultime,
ecco sono descritte negli atti di Ieu,
figlio di Canani,
inseriti nel libro dei re di Israele.
35] In seguito Giosafat,
re di Giuda,
si alleò con Acazia re di Israele che agiva con empieta.
36] Egli si associò a lui per costruire navi capaci di raggiungere Tarsis.
Allestirono le navi in Ezion-Ghèber.
37] Ma Elièzer figlio di Dodava,
di Maresa,
predisse contro Giosafat:
«Perché ti sei alleato con Acazia,
il Signore ha aperto una breccia nei tuoi lavori».
Le navi si sfasciarono e non poterono salpare per Tarsis.


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 21]
1] Giosafat si addormentò con i suoi padri e fu sepolto con loro nella città di Davide.
Al suo posto divenne re suo figlio Ioram.
2] I suoi fratelli,
figli di Giosafat,
erano Azaria,
Iechièl,
Zaccaria,
Azariau,
Michele e Sefatia;
tutti costoro erano figli di Giosafat re di Israele.
3] Il padre aveva dato loro ricchi doni:
argento,
oro e oggetti preziosi insieme con fortezze in Giuda;
il regno però l'aveva assegnato a Ioram,
perché era il primogenito.
4] Ioram prese in possesso il regno di suo padre e quando si fu rafforzato,
uccise di spada tutti i suoi fratelli e,
con loro,
anche alcuni ufficiali di Israele.
5] Quando divenne re,
Ioram aveva trentadue anni;
regnò in Gerusalemme otto anni.
6] Seguì la strada dei re di Israele,
come aveva fatto la casa di Acab,
perché sua moglie era figlia di Acab.
Egli fece ciò che è male agli occhi del Signore,
7] ma il Signore non volle distruggere la casa di Davide a causa dell'alleanza che aveva conclusa con Davide e della promessa fattagli di lasciargli sempre una lampada,
per lui e per i suoi figli.
8] Durante il suo regno Edom si ribellò a Giuda e si elesse un re.
9] Ioram con i suoi ufficiali e con tutti i carri passò la frontiera e,
assalendoli di notte,
sconfisse gli Idumei che l'avevano accerchiato,
insieme con gli ufficiali dei suoi carri.
10] Ma Edom,
ribellatosi a Giuda,
ancora oggi è indipendente.
In quel tempo anche Libna si ribellò al suo dominio,
perché Ioram aveva abbandonato il Signore,
Dio dei suoi padri.
11] Egli inoltre eresse alture nelle città di Giuda,
spinse alla idolatria gli abitanti di Gerusalemme e fece traviare Giuda.
12] Gli giunse da parte del profeta Elia uno scritto che diceva:
«Dice il Signore,
Dio di Davide tuo padre:
Perché non hai seguito la condotta di Giosafat tuo padre,
ne la condotta di Asa re di Giuda,
13] ma hai seguito piuttosto la condotta dei re di Israele,
hai spinto alla idolatria Giuda e gli abitanti di Gerusalemme,
come ha fatto la casa di Acab,
e inoltre hai ucciso i tuoi fratelli,
cioè la famiglia di tuo padre,
uomini migliori di te,
14] ecco,
il Signore fara cadere un grave disastro sul tuo popolo,
sui tuoi figli,
sulle tue mogli e su tutti i tuoi beni.
15] Tu soffrirai gravi malattie,
una malattia intestinale tale che per essa le tue viscere ti usciranno nel giro di due anni».
16] Il Signore risvegliò contro Ioram l'ostilita dei Filistei e degli Arabi che abitano al fianco degli Etiopi.
17] Costoro attaccarono Giuda,
vi penetrarono e razziarono tutti i beni della reggia,
asportando anche i figli e le mogli del re.
Non gli rimase nessun figlio,
se non Ioacaz il più piccolo.
18] Dopo tutto questo,
il Signore lo colpì con una malattia intestinale inguaribile.
19] Andò avanti per più di un anno;
verso la fine del secondo anno,
gli uscirono le viscere per la gravita della malattia e così morì fra dolori atroci.
E per lui il popolo non bruciò aromi,
come si erano bruciati per i suoi padri.
20] Quando divenne re,
egli aveva trentadue anni;
regnò otto anni in Gerusalemme.
Se ne andò senza lasciare rimpianti;
lo seppellirono nella città di Davide,
ma non nei sepolcri dei re.


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 22]
1] Gli abitanti di Gerusalemme proclamarono re al suo posto Acazia,
il minore dei figli,
perché tutti quelli più anziani erano stati uccisi dalla banda che era penetrata con gli Arabi nell'accampamento.
Così divenne re Acazia figlio di Ioram,
re di Giuda.
2] Quando divenne re,
Acazia aveva ventidue anni;
regnò un anno in Gerusalemme.
Sua madre si chiamava Atalia ed era figlia di Omri.
3] Anch'egli imitò la condotta della casa di Acab,
perché sua madre lo consigliava ad agire da empio.
4] Fece ciò che è male agli occhi del Signore,
come facevano quelli della famiglia di Acab,
perché dopo la morte di suo padre costoro,
per sua rovina,
erano i suoi consiglieri.
5] Su consiglio di costoro entrò anche in guerra con Ioram figlio di Acab,
re di Israele e contro Cazaèl re di Aram,
in Ramot di Galaad.
Gli Aramei ferirono Ioram,
6] che tornò a curarsi in Izreèl per le ferite ricevute in Ramot di Galaad mentre combatteva con Cazaèl re di Aram.
Acazia figlio di Ioram,
re di Giuda,
scese per visitare Ioram figlio di Acab,
in Izreèl perché costui era malato.
7] Fu volonta di Dio che Acazia,
per sua rovina,
andasse da Ioram.
Difatti,
quando giunse,
uscì con Ioram incontro a Ieu figlio di Nimsi,
che il Signore aveva consacrato perché distruggesse la casa di Acab.
8] Mentre faceva giustizia della casa di Acab,
Ieu trovò i capi di Giuda e i nipoti di Acazia,
suoi servi,
e li uccise.
9] Egli fece ricercare Acazia e lo catturarono mentre era nascosto in Samaria;
lo condussero da Ieu,
che lo uccise.
Ma lo seppellirono,
perché dicevano:
«E` figlio di Giosafat,
che ha ricercato il Signore con tutto il cuore».
Nella casa di Acazia nessuno era in grado di regnare.
10] Atalia,
madre di Acazia,
visto che era morto il figlio,
si propose di sterminare tutta la discendenza regale della casa di Giuda.
11] Ma Iosabeat figlia del re,
prese Ioas figlio di Acazia,
e lo nascose,
togliendolo dal gruppo dei figli del re destinati alla morte.
Essa lo introdusse insieme con la nutrice in una camera da letto e così Iosabeat,
figlia del re Ioram e moglie del sacerdote Ioiada - era anche sorella di Acazia - sottrasse Ioas ad Atalia,
che perciò non lo mise a morte.
12] Egli rimase nascosto presso di lei nel tempio di Dio per sei anni;
intanto Atalia regnava sul paese.


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 23]
1] Nell'anno settimo Ioiada,
sentendosi sicuro,
prese i capi di centurie,
cioè Azaria,
figlio di Ierocam,
Ismaele figlio di Giovanni,
Azaria figlio di Obed,
Maaseia figlio di Adaia,
ed Elisafat figlio di Zicrì,
e concluse un'alleanza con loro.
2] Percorsero Giuda e radunarono i leviti da tutte le città di Giuda e i capi dei casati di Israele;
essi vennero in Gerusalemme.
3] Tutta l'assemblea concluse un'alleanza con il re nel tempio di Dio.
Ioiada disse loro:
«Ecco il figlio del re.
Deve regnare come ha promesso il Signore ai figli di Davide.
4] Questo è ciò che dovrete fare:
un terzo fra quelli di voi che prendono servizio il sabato,
sacerdoti e leviti,
montera la guardia alle porte;
5] un altro terzo stara nella reggia e un terzo alla porta di Iesod,
mentre tutto il popolo stara nei cortili del tempio.
6] Nessuno entri nel tempio,
se non i sacerdoti e i leviti di servizio;
costoro vi entreranno,
perché essi sono santificati;
tutto il popolo osservera l'ordine del Signore.
7] I leviti circonderanno il re,
ognuno con l'arma in pugno;
chiunque tenti di entrare nel tempio sia messo a morte.
Essi staranno vicino al re seguendolo in ogni movimento».
8] I leviti e tutti quelli di Giuda fecero quanto aveva comandato il sacerdote Ioiada.
Ognuno prese i suoi uomini,
quelli che entravano in servizio di sabato come quelli che smontavano di sabato,
perché il sacerdote Ioiada non aveva licenziato le classi uscenti.
9] Il sacerdote Ioiada diede ai capi delle centurie lance,
scudi grandi e piccoli,
gia appartenenti al re Davide e allora depositati nel tempio di Dio.
10] Mise tutto il popolo,
ognuno con l'arma in pugno,
nel lato meridionale e nel lato settentrionale del tempio,
lungo l'altare e l'edificio,
in modo da circondare il re.
11] Si fece uscire il figlio del re e gli si impose il diadema con le insegne.
Lo si proclamò re;
Ioiada e i suoi figli lo unsero e poi gridarono:
«Viva il re!».
12] Quando sentì le grida del popolo che acclamando correva verso il re,
Atalia si presentò al popolo nel tempio.
13] Guardò ed ecco,
il re stava sul suo seggio all'ingresso;
gli ufficiali e i trombettieri circondavano il re;
tutto il popolo del paese gioiva a suon di trombe;
i cantori,
con gli strumenti musicali,
intonavano i canti di lode.
Atalia si strappò le vesti e gridò:
«Tradimento,
tradimento!».
14] Il sacerdote Ioiada ordinò ai capi delle centurie,
che comandavano la truppa:
«Fatela uscire attraverso le file! Chi la segue sia ucciso di spada».
Infatti il sacerdote aveva detto:
«Non uccidetela nel tempio».
15] Le aprirono un passaggio con le mani;
essa raggiunse la reggia per l'ingresso della porta dei Cavalli e la essi l'uccisero.
16] Ioiada concluse un'alleanza tra sé,
il popolo tutto e il re,
che il popolo fosse cioè il popolo del Signore.
17] Tutti andarono nel tempio di Baal e lo demolirono;
fecero a pezzi i suoi altari e le sue statue e uccisero Mattan,
sacerdote di Baal,
davanti agli altari.
18] Ioiada affidò la sorveglianza del tempio ai sacerdoti e ai leviti,
che Davide aveva divisi in classi per il tempio,
perché offrissero olocausti al Signore,
come sta scritto nella legge di Mose,
fra gioia e canti,
secondo le disposizioni di Davide.
19] Stabilì i portieri alle porte del tempio perché non vi entrasse alcun immondo per nessun motivo.
20] Prese i capi di centinaia,
i notabili e quanti avevano autorita in mezzo al popolo del paese e fece scendere il re dal tempio.
Attraverso la porta Superiore lo condussero nella reggia e lo fecero sedere sul trono regale.
21] Tutto il popolo fu in festa e la città restò tranquilla benché Atalia fosse stata uccisa a fil di spada.


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 24]
1] Quando Ioas divenne re aveva sette anni;
regnò quarant'anni in Gerusalemme.
Sua madre,
di Bersabea,
si chiamava Sibia.
2] Ioas fece ciò che è retto agli occhi del Signore finché visse il sacerdote Ioiada.
3] Ioiada gli diede due mogli ed egli generò figli e figlie.
4] In seguito,
Ioas decise di restaurare il tempio.
5] Radunò i sacerdoti e i leviti e disse loro:
«Andate nelle città di Giuda e raccogliete ogni anno da tutti gli Israeliti denaro per restaurare il tempio del vostro Dio.
Cercate di sollecitare il lavoro».
Ma i leviti non mostrarono nessuna fretta.
6] Allora il re convocò Ioiada loro capo e gli disse:
«Perché non hai richiesto dai leviti che portassero da Giuda e da Gerusalemme la tassa prescritta da Mose servo del Signore e fissata dall'assemblea di Israele per la tenda della testimonianza? 7] L'empia Atalia,
infatti,
e i suoi adepti hanno dilapidato il tempio di Dio;
perfino tutte le cose consacrate del tempio hanno adoperato per i Baal».
8] Per ordine del re fecero una cassa,
che posero davanti alla porta del tempio.
9] Quindi fecero un proclama in Giuda e in Gerusalemme perché si portasse al Signore la tassa imposta da Mose servo di Dio a Israele nel deserto.
10] Tutti i capi e tutto il popolo si rallegrarono e portarono il denaro che misero nella cassa fino a riempirla.
11] Quando la cassa veniva portata per l'ispezione reale affidata ai leviti ed essi vedevano che c'era molto denaro,
allora veniva lo scriba del re e l'ispettore nominato dal sommo sacerdote,
vuotavano la cassa,
quindi la prendevano e la ricollocavano al suo posto.
Facevano così ogni giorno e così misero insieme molto denaro.
12] Il re e Ioiada lo diedero ai dirigenti dei lavori addetti al tempio ed essi impegnarono scalpellini e falegnami per le riparazioni del tempio;
anche lavoratori del ferro e del bronzo si misero al lavoro per riparare il tempio.
13] I dirigenti dei lavori si mostrarono molto attivi;
per la loro opera le riparazioni progredirono;
essi riportarono il tempio di Dio allo stato di una volta e lo consolidarono.
14] Quando ebbero finito,
portarono davanti al re e a Ioiada il resto del denaro e con esso fecero arredi per il tempio:
vasi per il servizio liturgico e per gli olocausti,
coppe e altri oggetti d'oro e d'argento.
Finché visse Ioiada,
si offrirono sempre olocausti nel tempio.
15] Ma Ioiada,
divenuto vecchio e sazio di anni,
morì a centotrenta anni.
16] Lo seppellirono nella città di Davide con i re,
perché aveva agito bene in Israele per il servizio del Signore e per il suo tempio.
17] Dopo la morte di Ioiada,
i capi di Giuda andarono a prostrarsi davanti al re,
che allora diede loro ascolto.
18] Costoro trascurarono il tempio del Signore Dio dei loro padri,
per venerare i pali sacri e gli idoli.
Per questa loro colpa si scatenò l'ira di Dio su Giuda e su Gerusalemme.
19] Il Signore mandò loro profeti perché li facessero ritornare a lui.
Essi comunicarono loro il proprio messaggio,
ma non furono ascoltati.
20] Allora lo spirito di Dio investì Zaccaria,
figlio del sacerdote Ioiada,
che si alzò in mezzo al popolo e disse:
«Dice Dio:
perché trasgredite i comandi del Signore? Per questo non avete successo;
poiché avete abbandonato il Signore,
anch'egli vi abbandona».
21] Ma congiurarono contro di lui e per ordine del re lo lapidarono nel cortile del tempio.
22] Il re Ioas non si ricordò del favore fattogli da Ioiada padre di Zaccaria,
ma ne uccise il figlio,
che morendo disse:
«Il Signore lo veda e ne chieda conto!».
23] All'inizio dell'anno successivo,
marciò contro Ioas l'esercito degli Aramei.
Essi vennero in Giuda e in Gerusalemme,
sterminarono fra il popolo tutti i capi e inviarono l'intero bottino al re di Damasco.
24] L'esercito degli Aramei era venuto con pochi uomini,
ma il Signore mise nelle loro mani un grande esercito,
perché essi avevano abbandonato il Signore Dio dei loro padri.
Gli Aramei fecero giustizia di Ioas.
25] Quando furono partiti,
lasciandolo gravemente malato,
i suoi ministri ordirono una congiura contro di lui per vendicare il figlio del sacerdote Ioiada e lo uccisero nel suo letto.
Così egli morì e lo seppellirono nella città di Davide,
ma non nei sepolcri dei re.
26] Questi furono i congiurati contro di lui:
Zabad figlio di Simeat,
l'Ammonita,
e Iozabad figlio di Simrit,
il Moabita.
27] Quanto riguarda i suoi figli,
la quantita dei tributi da lui riscossi,
il restauro del tempio di Dio,
ecco tali cose sono descritte nella memoria del libro dei re.
Al suo posto divenne re suo figlio Amazia.


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 25]
1] Quando divenne re,
Amazia aveva venticinque anni;
regnò ventinove anni in Gerusalemme.
Sua madre,
di Gerusalemme,
si chiamava Ioaddan.
2] Egli fece ciò che è retto agli occhi del Signore,
ma non con cuore perfetto.
3] Quando il regno si fu rafforzato nelle sue mani,
egli uccise gli ufficiali che avevano assassinato il re suo padre.
4] Ma non uccise i loro figli,
perché sta scritto nel libro della legge di Mose il comando del Signore:
«I padri non moriranno per i figli,
ne i figli per i padri,
ma ognuno morira per il suo peccato».
5] Amazia riunì quelli di Giuda e li distribuì,
secondo i casati,
sotto capi di migliaia e sotto capi di centinaia,
per tutto Giuda e Beniamino.
Fece un censimento di tutti gli abitanti dai vent'anni in su e trovò che c'erano trecentomila uomini atti alla guerra,
armati di lancia e di scudo.
6] Egli assoldò da Israele centomila uomini valorosi per cento talenti d'argento.
7] Gli si presentò un uomo di Dio che gli disse:
«O re,
non si unisca a te l'esercito di Israele,
perché il Signore non è con Israele,
ne con alcuno dei figli di Efraim.
8] Ma se tu vuoi marciare con loro,
fa pure.
Raffòrzati pure per la battaglia;
Dio ti fara stramazzare davanti al nemico,
poiché Dio ha la forza per aiutare e per abbattere».
9] Amazia rispose all'uomo di Dio:
«Che ne sara dei cento talenti che ho dato per la schiera di Israele?».
L'uomo di Dio rispose:
«Il Signore può darti molto più di questo».
10] Amazia congedò la schiera venuta a lui da Efraim perché se ne tornasse a casa;
ma la loro ira divampò contro Giuda;
tornarono a casa loro pieni di sdegno.
11] Amazia,
fattosi animo,
andò a capo del suo esercito nella Valle del sale,
ove sconfisse diecimila figli di Seir.
12] Quelli di Giuda ne catturarono diecimila vivi e,
condottili sulla cima della Roccia,
li precipitarono giù;
tutti si sfracellarono.
13] I componenti della schiera,
che Amazia aveva congedato perché non andassero con lui,
assalirono le città di Giuda,
da Samaria a Bet-Coròn,
uccidendo in esse tremila persone e facendo un immenso bottino.
14] Tornato dalla vittoria sugli Idumei,
Amazia fece portare le divinita dei figli di Seir e le costituì suoi dei e si prostrò davanti a loro e offrì loro incenso.
15] Perciò l'ira del Signore divampò contro Amazia;
gli mandò un profeta che gli disse:
«Perché ti sei rivolto a dei che non sono stati capace di liberare il loro popolo dalla tua mano?».
16] Mentre costui lo apostrofava,
il re lo interruppe:
«Forse ti abbiamo costituito consigliere del re? Smettila! Perché vuoi farti uccidere?».
Il profeta cessò,
ma disse:
«Vedo che Dio ha deciso di distruggerti,
perché hai fatto una cosa simile e non hai dato retta al mio consiglio».
17] Consigliatosi,
Amazia re di Giuda mandò a dire a Ioas figlio di Ioacaz,
figlio di Ieu,
re di Israele:
«Su,
misuriamoci in guerra!».
18] Ioas re di Israele fece rispondere ad Amazia re di Giuda:
«Il cardo del Libano mandò a dire al cedro del Libano:
da in moglie tua figlia a mio figlio.
Ma una bestia selvatica del Libano passò e calpestò il cardo.
19] Tu ripeti:
Ecco ho sconfitto Edom! E il tuo cuore si è inorgoglito esaltandosi.
Ma stattene a casa! Perché provocare una calamita e precipitare tu e Giuda con te?».
20] Ma Amazia non diede ascolto.
Era volonta di Dio che fossero consegnati nelle mani del nemico,
perché si erano rivolti agli dei di Edom.
21] Allora si mosse Ioas re di Israele;
si sfidarono a battaglia,
lui e Amazia re di Giuda,
in Bet-Sèmes che appartiene a Giuda.
22] Giuda fu sconfitto di fronte a Israele e ognuno fuggì nella sua tenda.
23] Ioas re di Israele in Bet-Sèmes fece prigioniero Amazia re di Giuda,
figlio di Ioas,
figlio di Ioacaz.
Condottolo in Gerusalemme,
demolì una parte delle mura cittadine,
dalla porta di Efraim fino alla porta dell'Angolo,
per quattrocento cubiti.
24] Prese tutto l'oro,
l'argento e tutti gli oggetti trovati nel tempio di Dio,
che erano affidati a Obed-E`dom,
i tesori della reggia e alcuni ostaggi e poi tornò a Samaria.
25] Amazia figlio di Ioas,
re di Giuda,
visse ancora quindici anni dopo la morte di Ioas figlio di Ioacaz,
re di Israele.
26] Le altre gesta di Amazia,
le prime come le ultime,
sono descritte nel libro dei re di Giuda e di Israele.
27] Dopo che Amazia si fu allontanato dal Signore,
fu ordita una congiura contro di lui in Gerusalemme.
Egli fuggì in Lachis,
ma lo fecero inseguire fino a Lachis e la l'uccisero.
28] Lo caricarono su cavalli e lo seppellirono con i suoi padri nella città di Davide.


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 26]
1] Tutto il popolo di Giuda prese Ozia che aveva sedici anni e lo proclamò re al posto del padre Amazia.
2] Egli ricostruì Elat e la ricondusse sotto il dominio di Giuda,
dopo che il re si era addormentato con i suoi padri.
3] Ozia aveva sedici anni quando divenne re;
regnò cinquantadue anni in Gerusalemme.
Sua madre,
di Gerusalemme,
si chiamava Iecolia.
4] Egli fece ciò che è retto agli occhi del Signore come aveva fatto Amazia suo padre.
5] Egli ricercò Dio finché visse Zaccaria,
che l'aveva istruito nel timore di Dio,
e finché egli ricercò il Signore,
Dio lo fece prosperare.
6] Uscito in guerra contro i Filistei,
smantellò le mura di Gat,
di Iabne e di Asdòd;
costruì piazzeforti nel territorio di Asdòd e in quello dei Filistei.
7] Dio lo aiutò contro i Filistei,
contro gli Arabi abitanti in Gur-Baal e contro i Meuniti.
8] Gli Ammoniti pagavano un tributo a Ozia,
la cui fama giunse sino alla frontiera egiziana,
perché egli era divenuto molto potente.
9] Ozia costruì torri in Gerusalemme alla porta dell'Angolo e alla porta della Valle e sul Cantone e le fortificò.
10] Costruì anche torri nella steppa e scavò molte cisterne perché possedeva numeroso bestiame nella pianura e nell'altipiano;
aveva campagnoli e vignaioli sui monti e sulle colline,
perché egli amava l'agricoltura.
11] Ozia possedeva un esercito agguerrito e pronto per combattere,
diviso in schiere,
registrate sotto la sorveglianze dello scriba Ieiel e di Maaseia,
commissario agli ordini di Anania,
uno degli ufficiali del re.
12] Tutti i capi dei casati di quei prodi ammontavano a duemilaseicento.
13] Da loro dipendeva un esercito di trecentosettemilacinquecento guerrieri di grande valore,
pronti per aiutare il re contro il nemico.
14] A loro,
cioè a tutto l'esercito,
Ozia fornì scudi e lance,
elmi,
corazze,
archi e pietre per le fionde.
15] In Gerusalemme aveva fatto costruire macchine,
inventate da un esperto,
che collocò sulle torri e sugli angoli per scagliare frecce e grandi pietre.
La fama di Ozia giunse in regioni lontane;
divenne potente perché fu molto assistito.
16] Ma in seguito a tanta potenza si insuperbì il suo cuore fino a rovinarsi.
Difatti si mostrò infedele al Signore suo Dio.
Penetrò nel tempio per bruciare incenso sull'altare.
17] Dietro a lui entrò il sacerdote Azaria con ottanta sacerdoti del Signore,
uomini virtuosi.
18] Questi si opposero al re Ozia,
dicendogli:
«Non tocca a te,
Ozia,
offrire l'incenso,
ma ai sacerdoti figli di Aronne che sono stati consacrati per offrire l'incenso.
Esci dal santuario,
perché hai commesso un'infrazione alla legge.
Non hai diritto alla gloria che viene dal Signore Dio».
19] Ozia,
che teneva in mano il braciere per offrire l'incenso,
si adirò.
Mentre sfogava la sua collera contro i sacerdoti,
gli spuntò la lebbra sulla fronte davanti ai sacerdoti nel tempio presso l'altare dell'incenso.
20] Azaria sommo sacerdote,
e tutti i sacerdoti si voltarono verso di lui,
che apparve con la lebbra sulla fronte.
Lo fecero uscire in fretta di lì;
anch'egli si precipitò per uscire,
poiché il Signore l'aveva colpito.
21] Il re Ozia rimase lebbroso fino al giorno della morte.
Egli abitò in una casa di isolamento,
come lebbroso,
escluso dal tempio.
Suo figlio Iotam dirigeva la reggia e governava il popolo del paese.
22] Le altre gesta di Ozia,
le prime come le ultime,
le ha descritte il profeta Isaia,
figlio di Amoz.
23] Ozia si addormentò con i suoi padri con i quali fu sepolto nel campo presso le tombe reali,
perché si diceva:
«E` un lebbroso».
Al suo posto divenne re suo figlio Iotam.


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 27]
1] Quando Iotam divenne re,
aveva venticinque anni;
regnò sedici anni in Gerusalemme.
Sua madre si chiamava Ierusa figlia di Zadok.
2] Egli fece ciò che è retto agli occhi del Signore come agì Ozia suo padre,
ma non entrò nel tempio e il popolo continuava a pervertirsi.
3] Egli restaurò la porta Superiore del tempio;
lavorò molto anche per le mura dell'Ofel.
4] Ricostruì città sulle montagne di Giuda;
costruì castelli e torri nelle zone boscose.
5] Attaccò il re degli Ammoniti,
vincendolo.
Gli Ammoniti gli diedero in quell'anno - e anche nel secondo e terzo anno - cento talenti d'argento,
diecimila kor di grano e altrettanti di orzo;
questo gli consegnarono gli Ammoniti.
6] Iotam divenne potente,
perché aveva sempre camminato davanti al Signore suo Dio.
7] Le altre gesta di Iotam,
tutte le sue guerre e la sua condotta,
ecco sono descritte nel libro dei re di Israele e di Giuda.
8] Quando divenne re,
aveva venticinque anni;
regnò sedici anni in Gerusalemme.
9] Iotam si addormentò con i suoi padri;
lo seppellirono nella città di Davide.
Al suo posto divenne re suo figlio Acaz.


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 28]
1] Quando Acaz divenne re,
aveva vent'anni;
regnò sedici anni in Gerusalemme.
Non fece ciò che è retto agli occhi del Signore,
come Davide suo antenato.
2] Seguì le strade dei re di Israele;
fece perfino fondere statue per i Baal.
3] Egli bruciò incenso nella valle di Ben-Hinnòn;
bruciò i suoi figli nel fuoco,
imitando gli abomini delle popolazioni che il Signore aveva scacciate davanti agli Israeliti.
4] Sacrificava e bruciava incenso sulle alture,
sui colli e sotto ogni albero verde.
5] Ma il Signore suo Dio lo mise nelle mani del re degli Aramei,
i quali lo vinsero e gli presero un gran numero di prigionieri,
che condussero in Damasco.
Fu consegnato anche nelle mani del re di Israele,
che gli aveva inflitto una grande sconfitta.
6] Pekach,
figlio di Romelia,
in un giorno uccise centomila uomini in Giuda,
tutti uomini valorosi,
perché avevano abbandonato il Signore Dio dei loro padri.
7] Zicri,
un eroe di Efraim,
uccise Maaseia figlio del re e Azrikam maggiordomo,
ed Elkana luogotenente del re.
8] Gli Israeliti condussero in prigionia,
bottino preso ai propri fratelli,
duecentomila persone fra donne,
figli e figlie;
essi raccolsero anche una preda abbondante che portarono in Samaria.
9] C'era la un profeta del Signore,
di nome Oded.
Costui uscì incontro all'esercito che giungeva in Samaria e disse:
«Ecco,
a causa dello sdegno contro Giuda,
il Signore,
Dio dei vostri padri,
li ha messi nelle vostre mani;
ma voi li avete massacrati con un furore tale che è giunto fino al cielo.
10] Ora voi dite di soggiogare,
come vostri schiavi e schiave,
gli abitanti di Giuda e di Gerusalemme.
Ma non siete anche voi colpevoli nei confronti del Signore vostro Dio? 11] Ora ascoltatemi e rimandate i prigionieri,
che avete catturati in mezzo ai vostri fratelli,
perché altrimenti l'ira ardente del Signore ricadra su di voi».
12] Alcuni capi tra gli efraimiti,
cioè Azaria figlio di Giovanni,
Berechia figlio di Mesillemòt,
Ezechia figlio di Sallum,
e Amasa figlio di Caldai si alzarono contro quanti tornavano dalla guerra,
13] dicendo loro:
«Non portate qui i prigionieri,
perché su di noi pesa gia una colpa nei riguardi del Signore.
Voi intendete aumentare il numero dei nostri peccati e delle nostre colpe,
mentre la nostra colpa è gia grande e su Israele incombe un'ira ardente».
14] I soldati allora rilasciarono i prigionieri e la preda davanti ai capi e a tutta l'assemblea.
15] Alcuni uomini,
designati per nome,
si misero a rifocillare i prigionieri;
quanti erano nudi li rivestirono e li calzarono con capi di vestiario presi dal bottino;
diedero loro da mangiare e da bere,
li medicarono con unzioni;
quindi,
trasportando su asini gli inabili a marciare,
li condussero in Gerico,
città delle palme,
presso i loro fratelli.
Poi tornarono in Samaria.
16] In quel tempo il re Acaz mandò a chiedere aiuto al re di Assiria.
17] Gli Idumei erano venuti ancora una volta e avevano sconfitto Giuda e fatto prigionieri.
18] Anche i Filistei si erano sparsi per le città della Sefela e del Negheb di Giuda,
occupando Bet-Semes,
Aialon,
Ghederot,
Soco con le dipendenze,
Timna con le dipendenze e Ghimzo con le dipendenze,
vi si erano insediati.
19] Poiché il Signore aveva umiliato Giuda a causa di Acaz re di Giuda,
che aveva fomentato l'immoralita in Giuda ed era stato infedele al Signore.
20] Anche Tiglat-Pilezer,
re d'Assiria,
venne contro di lui e lo oppresse anziché aiutarlo.
21] Acaz spogliò il tempio,
il palazzo del re e dei principi e consegnò tutto all'Assiria,
ma non ne ricevette alcun aiuto.
22] Anche quando si trovava alle strette,
questo re Acaz continuava a essere infedele al Signore.
23] Sacrificò agli dei di Damasco,
che lo avevano sconfitto,
dicendo:
«Poiché gli dei dei re di Aram aiutano i loro fedeli,
io sacrificherò loro ed essi mi aiuteranno».
In realta,
essi provocarono la sua caduta e quella di tutto Israele.
24] Acaz radunò gli arredi del tempio e li fece a pezzi;
chiuse le porte del tempio,
mentre eresse altari in tutti i crocicchi di Gerusalemme.
25] In tutte le città di Giuda eresse alture per bruciare incenso ad altri dei,
provocando così lo sdegno del Signore Dio dei suoi padri.
26] Le altre gesta di lui e tutte le sue azioni,
le prime come le ultime,
ecco,
sono descritte nel libro dei re di Giuda e di Israele.
27] Acaz si addormentò con i suoi padri e lo seppellirono in città,
in Gerusalemme,
ma non lo collocarono nei sepolcri dei re di Israele.
Al suo posto divenne re suo figlio Ezechia.


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 29]
1] Ezechia divenne re a venticinque anni;
regnò ventinove anni in Gerusalemme.
Sua madre si chiamava Abia,
figlia di Zaccaria.
2] Egli fece ciò che è retto agli occhi del Signore come aveva fatto Davide suo antenato.
3] Nel primo anno del suo regno,
nel primo mese,
aprì le porte del tempio e le restaurò.
4] Fece venire i sacerdoti e i leviti,
ai quali,
dopo averli radunati nella piazza d'oriente,
5] disse:
«Ascoltatemi,
leviti! Ora purificatevi e poi purificate il tempio del Signore Dio dei vostri padri,
e portate fuori l'impurita dal santuario.
6] I nostri padri sono stati infedeli e hanno commesso ciò che è male agli occhi del Signore nostro Dio,
che essi avevano abbandonato,
distogliendo lo sguardo dalla dimora del Signore e voltandole le spalle.
7] Han chiuso perfino le porte del vestibolo,
spento le lampade,
non hanno offerto più incenso ne olocausti nel santuario al Dio di Israele.
8] Perciò l'ira del Signore si è riversata su Giuda e su Gerusalemme ed egli ha reso gli abitanti oggetto di terrore,
di stupore e di scherno,
come potete constatare con i vostri occhi.
9] Ora ecco,
i nostri padri sono caduti di spada;
i nostri figli,
le nostre figlie e le nostre mogli sono andati per questo in prigionia.
10] Ora io ho deciso di concludere un'alleanza con il Signore,
Dio di Israele,
perché si allontani da noi la sua ira ardente.
11] Figli miei,
non siate negligenti perché il Signore ha scelto voi per stare alla sua presenza,
per servirlo,
per essere suoi ministri e per offrirgli incenso».
12] Si alzarono allora i leviti Macat figlio di Amasai,
Gioele figlio di Azaria,
dei Keatiti;
dei figli di Merari:
Kis figlio di Abdi,
e Azaria figlio di Ieallelel;
dei Ghersoniti:
Ioach figlio di Zimma,
ed Eden figlio di Ioach;
13] dei figli di Elizafan,
Simri e Ieiel;
dei figli di Asaf,
Zaccaria e Mattania;
14] dei figli di Eman,
Iechièl e Simei;
dei figli di Idutun,
Semaia e Uzziel.
15] Essi riunirono i fratelli e si purificarono;
quindi entrarono,
secondo il comando del re e le prescrizioni del Signore,
per purificare il tempio.
16] I sacerdoti entrarono nell'interno del tempio per purificarlo;
portarono fuori,
nel cortile del tempio,
ogni immondezza trovata nella navata.
I leviti l'ammucchiarono per portarla fuori nel torrente Cedron.
17] Il primo mese cominciarono la purificazione;
nel giorno ottavo del mese entrarono nel vestibolo del Signore,
purificarono il tempio in otto giorni;
finirono il sedici del primo mese.
18] Quindi entrarono negli appartamenti reali di Ezechia e gli dissero:
«Abbiamo purificato il tempio,
l'altare degli olocausti con tutti gli accessori e la tavola dei pani dell'offerta con tutti gli accessori.
19] Abbiamo rinnovato e consacrato tutti gli oggetti che il re Acaz con empieta aveva messo da parte durante il suo regno.
Ecco stanno davanti all'altare del Signore».
20] Allora il re Ezechia,
alzatosi subito,
riunì i capi della città e salì al tempio.
21] Portarono sette giovenchi,
sette arieti,
sette agnelli e sette capri per offrirli in sacrificio espiatorio per la casa reale,
per il santuario e per Giuda.
Il re ordinò ai sacerdoti,
figli di Aronne,
di offrirli in olocausto sull'altare del Signore.
22] Scannarono i giovenchi,
quindi i sacerdoti ne raccolsero il sangue e lo sparsero sull'altare.
Scannarono gli arieti e ne sparsero il sangue sull'altare.
Scannarono gli agnelli e ne sparsero il sangue sull'altare.
23] Quindi fecero avvicinare i capri per il sacrificio espiatorio,
davanti al re e all'assemblea,
che imposero loro le mani.
24] I sacerdoti li scannarono e ne sparsero il sangue - sacrificio per il peccato - sull'altare in espiazione per tutto Israele,
perché il re aveva ordinato l'olocausto e il sacrificio espiatorio per tutto Israele.
25] Il re assegnò il loro posto ai leviti nel tempio con cembali,
arpe e cetre,
secondo le disposizioni di Davide,
di Gad veggente del re,
e del profeta Natan,
poiché si trattava di un comando del Signore dato per mezzo dei suoi profeti.
26] Quando i leviti ebbero preso posto con gli strumenti musicali di Davide e i sacerdoti con le loro trombe,
27] Ezechia ordinò di offrire gli olocausti sull'altare.
Quando iniziò l'olocausto,
cominciarono anche i canti del Signore al suono delle trombe e con l'accompagnamento degli strumenti di Davide re di Israele.
28] Tutta l'assemblea si prostrò,
mentre si cantavano inni e si suonavano le trombe;
tutto questo durò fino alla fine dell'olocausto.
29] Terminato l'olocausto,
il re e tutti i presenti si inginocchiarono e si prostrarono.
30] Il re Ezechia e i suoi capi ordinarono ai leviti di lodare il Signore con le parole di Davide e del veggente Asaf;
lo lodarono fino all'entusiasmo,
poi si inchinarono e adorarono.
31] Allora Ezechia presa la parola,
disse:
«Ora siete incaricati ufficialmente del servizio del Signore.
Avvicinatevi e portate qui le vittime e i sacrifici di lode nel tempio».
L'assemblea portò le vittime e i sacrifici di lode,
mentre quelli dal cuore generoso offrirono olocausti.
32] Il numero degli olocausti offerti dall'assemblea fu:
settanta buoi,
cento arieti,
duecento agnelli,
tutti per l'olocausto in onore del Signore.
33] Si consacrarono anche seicento buoi e tremila pecore.
34] I sacerdoti erano troppo pochi e non bastavano a scuoiare tutti gli olocausti,
perciò i loro fratelli i leviti li aiutarono finché non terminò il lavoro e finché i sacerdoti non si furono purificati;
difatti i leviti erano stati più zelanti dei sacerdoti nel purificarsi.
35] Ci fu anche un abbondante olocausto del grasso dei sacrifici di comunione e delle libazioni connesse con l'olocausto.
Così fu ristabilito il culto nel tempio.
36] Ezechia con tutto il popolo gioì perché Dio aveva ben disposto il popolo;
tutto infatti si fece senza esitazioni.


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 30]
1] Ezechia mandò messaggeri per tutto Israele e Giuda e scrisse anche lettere a Efraim e a Manasse per convocare tutti nel tempio in Gerusalemme a celebrare la pasqua per il Signore Dio di Israele.
2] Il re,
i suoi ufficiali e tutta l'assemblea di Gerusalemme decisero di celebrare la pasqua nel secondo mese,
3] perché non avevano potuto celebrarla nel tempo fissato per il fatto che i sacerdoti non si erano purificati in numero sufficiente e il popolo non si era radunato in Gerusalemme.
4] La proposta piacque al re e a tutta l'assemblea.
5] Stabilirono di proclamare con bando in tutto Israele,
da Bersabea a Dan,
che tutti venissero a celebrare in Gerusalemme la pasqua per il Signore Dio di Israele,
perché molti non avevano osservato le norme prescritte.
6] Partirono i corrieri con lettere da parte del re e dei suoi ufficiali per recarsi in tutto Israele e Giuda.
Secondo l'ordine del re dicevano:
«Israeliti,
fate ritorno al Signore Dio di Abramo,
di Isacco e di Israele,
ed egli ritornera a quanti fra voi sono scampati dal pugno dei re d'Assiria.
7] Non siate come i vostri padri e i vostri fratelli,
infedeli al Signore Dio dei loro padri,
che perciò li ha abbandonati alla desolazione,
come potete constatare.
8] Ora non siate di dura cervice come i vostri padri,
date la mano al Signore,
venite nel santuario che egli ha santificato per sempre.
Servite il Signore vostro Dio e si allontanera da voi la sua ira ardente.
9] Difatti,
se fate ritorno al Signore,
i vostri fratelli e i vostri figli troveranno compassione presso coloro che li hanno deportati;
ritorneranno in questo paese,
poiché il Signore vostro Dio è clemente e misericordioso e non distogliera lo sguardo da voi,
se voi farete ritorno a lui».
10] I corrieri passarono di città in città nel paese di Efraim e di Manasse fino a Zabulon,
ma la gente li derideva e si faceva beffe di loro.
11] Solo alcuni di Aser,
di Manasse e di Zabulon si umiliarono e vennero a Gerusalemme.
12] In Giuda invece si manifestò la mano di Dio e generò negli uomini un pentimento concorde per eseguire il comando del re e degli ufficiali secondo la parola del Signore.
13] Si riunì in Gerusalemme una grande folla per celebrare la festa degli azzimi nel secondo mese;
fu un'assemblea molto numerosa.
14] Cominciarono a eliminare gli altari che si trovavano in Gerusalemme;
eliminarono anche tutti gli altari dei profumi e li gettarono nel torrente Cedron.
15] Essi immolarono la pasqua il quattordici del secondo mese;
i sacerdoti e i leviti,
pieni di confusione,
si purificarono e quindi presentarono gli olocausti nel tempio.
16] Occuparono il proprio posto,
secondo le regole fissate per loro nella legge di Mose,
uomo di Dio.
I sacerdoti facevano aspersioni con il sangue che ricevevano dai leviti 17] perché molti dell'assemblea non si erano purificati.
I leviti si occupavano dell'uccisione degli agnelli pasquali per quanti non avevano la purita richiesta per consacrarli al Signore.
18] In realta la maggioranza della gente,
fra cui molti provenienti da Efraim,
da Manasse,
da I`ssacar e da Zabulon,
non si era purificata;
mangiarono la pasqua senza fare quanto è prescritto.
Ezechia pregò per loro:
«Il Signore che è buono perdoni 19] chiunque abbia il cuore disposto a ricercare Dio,
ossia il Signore Dio dei suoi padri,
anche senza la purificazione necessaria per il santuario».
20] Il Signore esaudì Ezechia e risparmiò il popolo.
21] Così gli Israeliti che si trovavano in Gerusalemme celebrarono la festa degli azzimi per sette giorni con grande gioia,
mentre i sacerdoti e i leviti lodavano ogni giorno il Signore con gli strumenti che risuonavano in suo onore.
22] Ezechia parlò al cuore di tutti i leviti,
che avevano dimostrato un profondo senso del Signore;
per sette giorni parteciparono al banchetto solenne,
offrirono sacrifici di comunione e lodarono il Signore,
Dio dei loro padri.
23] Tutta l'assemblea decise di festeggiare altri sette giorni;
così passarono ancora sette giorni di gioia.
24] Difatti il re Ezechia aveva donato alla moltitudine mille giovenchi e settemila pecore;
anche i capi avevano donato alla moltitudine mille giovenchi e diecimila pecore.
I sacerdoti si purificarono in gran numero.
25] Tutta l'assemblea di Giuda,
i sacerdoti e i leviti,
tutto il gruppo venuto da Israele,
gli stranieri venuti dal paese di Israele e gli abitanti di Giuda furono in festa.
26] Ci fu una gioia straordinaria in Gerusalemme,
perché dal tempo di Salomone figlio di Davide,
re di Israele,
non c'era mai stata una cosa simile in Gerusalemme.
27] I sacerdoti e i leviti si levarono a benedire il popolo;
la loro voce fu ascoltata e la loro preghiera raggiunse la santa dimora di Dio nel cielo.


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 31]
1] Quando tutto fu finito,
gli Israeliti presenti andarono tutti nelle città di Giuda a infrangere le stele,
a tagliare i pali sacri e a distruggere completamente le alture e gli altari in tutto Giuda,
nel territorio di Beniamino,
di Efraim e di Manasse.
Poi gli Israeliti tornarono nelle loro città,
ognuno nella sua proprieta.
2] Ezechia ricostituì le classi dei sacerdoti e dei leviti secondo le loro funzioni,
assegnando a ognuno,
ai sacerdoti e ai leviti,
il proprio servizio riguardo all'olocausto e ai sacrifici di comunione per celebrare e lodare con inni e per servire alle porte degli accampamenti del Signore.
3] Il re determinò quanto dei suoi beni dovesse essere destinato agli olocausti del mattino e della sera,
agli olocausti dei sabati,
dei noviluni e delle feste,
come sta scritto nella legge del Signore.
4] Egli ordinò al popolo,
agli abitanti di Gerusalemme,
di consegnare ai sacerdoti e ai leviti la loro parte perché questi potessero attendere alla legge del Signore.
5] Appena si diffuse quest'ordine,
gli Israeliti offrirono in abbondanza le primizie del grano,
del mosto,
dell'olio,
del miele e di ogni altro prodotto agricolo e la decima abbondante di ogni cosa.
6] Anche gli Israeliti e i Giudei,
che abitavano nelle città di Giuda,
portarono la decima degli armenti e dei greggi;
portarono la decima dei doni consacrati al Signore loro Dio,
facendone grandi ammassi.
7] Nel terzo mese si cominciò a fare gli ammassi,
che furono completati nel settimo mese.
8] Vennero Ezechia e i capi;
visti gli ammassi,
benedissero il Signore e il popolo di Israele.
9] Ezechia interrogò i sacerdoti e i leviti riguardo agli ammassi 10] e il sommo sacerdote Azaria della casa di Zadok gli rispose:
«Da quando si è cominciato a portare l'offerta nel tempio,
noi abbiamo mangiato e ci siamo saziati,
ma ne è rimasto in abbondanza,
perché il Signore ha benedetto il suo popolo;
ne è rimasta questa grande quantita».
11] Ezechia allora ordinò che si preparassero stanze nel tempio;
le prepararono.
12] Vi depositarono scrupolosamente le offerte,
le decime e le cose consacrate.
A tali cose presiedeva il levita Conania,
alle cui dipendenze era il fratello Simei.
13] Iechièl,
Azaria,
Nacat,
Asaèl,
Ierimot,
Iozabad,
Eliel,
Ismachia,
Macat e Benaia erano impiegati sotto la direzione di Conania e di suo fratello Simei per ordine del re Ezechia e di Azaria preposto al tempio.
14] Kore figlio di Imna,
levita custode della porta d'oriente,
si occupava delle offerte spontanee fatte a Dio;
egli distribuiva quanto si prelevava per l'offerta al Signore e le cose santissime.
15] Da lui dipendevano Eden,
Miniamin,
Giosue,
Semaia,
Amaria e Secania nelle città sacerdotali come distributori fedeli tra i loro fratelli,
grandi e piccoli,
secondo le loro classi,
16] oltre ai maschi registrati dai tre anni in su;
questi entravano ogni giorno nel tempio per il loro servizio,
secondo le loro funzioni e secondo le loro classi.
17] La registrazione dei sacerdoti era fatta secondo i loro casati;
quella dei leviti,
dai vent'anni in su,
secondo le loro funzioni e secondo le loro classi.
18] Erano registrati con tutti i bambini,
le mogli,
i figli e le figlie di tutta la comunita,
poiché dovevano consacrarsi con fedelta a ciò che è sacro.
19] Per i figli di Aronne,
ossia per i sacerdoti residenti in campagna,
nelle zone attorno alle loro città,
in ogni città c'erano uomini designati nominalmente per distribuire la parte dovuta a ogni maschio fra i sacerdoti e a ogni registrato fra i leviti.
20] Ezechia fece lo stesso in tutto Giuda;
egli fece ciò che è buono e retto davanti al Signore suo Dio.
21] Quanto aveva intrapreso per il servizio del tempio,
per la legge e per i comandi,
lo fece cercando il suo Dio con tutto il cuore;
per questo ebbe successo.


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 32]
1] Dopo questi fatti e queste prove di fedelta,
ci fu l'invasione di Sennacherib re d'Assiria.
Penetrato in Giuda,
assediò le città fortificate per forzarne le mura.
2] Ezechia vide l'avanzata di Sennacherib,
che si dirigeva verso Gerusalemme per assediarla.
3] Egli decise con i suoi ufficiali e con i suoi prodi di ostruire le acque sorgive,
che erano fuori della città.
Essi l'aiutarono.
4] Si radunò un popolo numeroso per ostruire tutte le sorgenti e il torrente che attraversava il centro del paese,
dicendo:
«Perché dovrebbero venire i re d'Assiria e trovare acqua in abbondanza?».
5] Ezechia si rafforzò;
ricostruì tutta la parte diroccata delle mura,
vi innalzò torri,
costruì un secondo muro,
fortificò il Millo della città di Davidee preparò armi in abbondanza e scudi.
6] Designò capi militari sopra il popolo;
li radunò presso di sé nella piazza della porta della città e così parlò al loro cuore:
7] «Siate forti e coraggiosi! Non temete e non abbattetevi davanti al re d'Assiria e davanti a tutta la moltitudine che l'accompagna,
perché con noi c'è uno più grande di chi è con lui.
8] Con lui c'è un braccio di carne,
con noi c'è il Signore nostro Dio per aiutarci e per combattere le nostre battaglie».
Il popolo rimase rassicurato dalle parole di Ezechia,
re di Giuda.
9] In seguito Sennacherib,
re d'Assiria,
mandò i suoi ministri a Gerusalemme,
mentre egli con tutte le forze assaliva Lachis,
per dire a Ezechia re di Giuda e a tutti quelli di Giuda che erano in Gerusalemme:
10] «Dice Sennacherib re d'Assiria:
Di chi avete fiducia voi per restare in Gerusalemme assediata? 11] Ezechia non vi inganna forse per farvi morire di fame e di sete quando asserisce:
Il Signore nostro Dio ci liberera dalle mani del re di Assiria? 12] Egli non è forse lo stesso Ezechia che ha eliminato le sue alture e i suoi altari dicendo a Giuda e a Gerusalemme:
Vi prostrerete davanti a un solo altare e su di esso soltanto offrirete incenso? 13] Non sapete che cosa abbiamo fatto io e i miei padri a tutti i popoli di tutti i paesi? Forse gli dei dei popoli di quei paesi hanno potuto liberare i loro paesi dalla mia mano? 14] Quale,
fra tutti gli dei dei popoli di quei paesi che i miei padri avevano votato allo sterminio,
ha potuto liberare il suo popolo dalla mia mano? Potra il vostro Dio liberarvi dalla mia mano? 15] Ora,
non vi inganni Ezechia e non vi seduca in questa maniera! Non credetegli,
perché nessun dio di qualsiasi popolo o regno ha potuto liberare il suo popolo dalla mia mano e dalle mani dei miei padri.
Nemmeno i vostri dei vi libereranno dalla mia mano!».
16] Parlarono ancora i suoi ministri contro il Signore Dio e contro Ezechia suo servo.
17] Sennacherib aveva scritto anche lettere insultando il Signore Dio di Israele e sparlando di lui in questi termini:
«Come gli dei dei popoli di quei paesi non hanno potuto liberare i loro popoli dalla mia mano,
così il Dio di Ezechia non liberera dalla mia mano il suo popolo».
18] Gli inviati gridarono a gran voce in ebraico al popolo di Gerusalemme che stava sulle mura,
per spaventarlo e atterrirlo al fine di occuparne la città.
19] Essi parlarono del Dio di Gerusalemme come di uno degli dei degli altri popoli della terra,
opera di mani d'uomo.
20] Allora il re Ezechia e il profeta Isaia figlio di Amoz,
pregarono a questo fine e gridarono al Cielo.
21] Il Signore mandò un angelo,
che sterminò tutti i guerrieri valorosi,
ogni capo e ogni ufficiale,
nel campo del re d'Assiria.
Questi se ne tornò,
con la vergogna sul volto,
nel suo paese.
Entrò nel tempio del suo dio,
dove alcuni suoi figli,
nati dalle sue viscere,
l'uccisero di spada.
22] Così il Signore liberò Ezechia e gli abitanti di Gerusalemme dalla mano di Sennacherib re d'Assiria e dalla mano di tutti gli altri e concesse loro la pace alle frontiere.
23] Allora molti portarono offerte al Signore in Gerusalemme e oggetti preziosi a Ezechia re di Giuda,
che,
dopo simili cose,
aumentò in prestigio agli occhi di tutti i popoli.
24] In quei giorni Ezechia si ammalò di malattia mortale.
Egli pregò il Signore,
che l'esaudì e operò un prodigio per lui.
25] Ma la riconoscenza di Ezechia non fu proporzionata al beneficio,
perché il suo cuore si era insuperbito;
per questo su di lui,
su Giuda e su Gerusalemme si riversò l'ira divina.
26] Tuttavia Ezechia si umiliò della superbia del suo cuore e a lui si associarono gli abitanti di Gerusalemme;
per questo l'ira del Signore non si abbattè su di essi finché Ezechia restò in vita.
27] Ezechia ebbe ricchezze e gloria in abbondanza.
Egli si costruì depositi per l'argento,
l'oro,
le pietre preziose,
gli aromi,
gli scudi e per qualsiasi cosa pregevole,
28] magazzini per i prodotti del grano,
del mosto e dell'olio,
stalle per ogni genere di bestiame,
ovili per le pecore.
29] Si edificò città;
ebbe molto bestiame minuto e grosso,
perché Dio gli aveva concesso beni molto grandi.
30] Ezechia chiuse l'apertura superiore delle acque del Ghicon,
convogliandole in basso attraverso il lato occidentale nella città di Davide.
Ezechia riuscì in ogni sua impresa.
31] Ma quando i capi di Babilonia gli inviarono messaggeri per informarsi sul prodigio avvenuto nel paese,
Dio l'abbandonò per metterlo alla prova e conoscerne completamente il cuore.
32] Le altre gesta di Ezechia e le sue opere di pieta ecco sono descritte nella visione del profeta Isaia,
figlio di Amoz,
e nel libro dei re di Giuda e di Israele.
33] Ezechia si addormentò con i suoi padri e lo seppellirono nella salita dei sepolcri dei figli di Davide.
Alla sua morte gli resero omaggio tutto Giuda e gli abitanti di Gerusalemme.
Al suo posto divenne re suo figlio Manasse.
http://web,tiscali.it/martiri

SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 33]
1] Quando Manasse divenne re,
aveva dodici anni;
regnò cinquantacinque anni in Gerusalemme.
2] Egli fece ciò che è male agli occhi del Signore,
secondo gli abomini dei popoli che il Signore aveva scacciato di fronte agli Israeliti.
3] Ricostruì le alture demolite da suo padre Ezechia,
eresse altari ai Baal,
piantò pali sacri,
si prostrò davanti a tutta la milizia del cielo e la servì.
4] Costruì altari nel tempio,
del quale il Signore aveva detto:
«In Gerusalemme sara il mio nome per sempre».
5] Eresse altari a tutta la milizia del cielo nei due cortili del tempio.
6] Fece passare i suoi figli per il fuoco nella Valle di Ben-Hinnòn.
Praticò la magia,
gli incantesimi e la stregoneria;
istituì negromanti e indovini.
Compì in molte maniere ciò che è male agli occhi del Signore provocando il suo sdegno.
7] E collocò la statua dell'idolo che aveva fatto,
nel tempio,
di cui Dio aveva detto a Davide e al figlio Salomone:
«In questo tempio e in Gerusalemme,
che mi sono scelta fra tutte le tribù di Israele,
porrò il mio nome per sempre.
8] Non lascerò più che il piede degli Israeliti si allontani dal paese che io ho concesso ai loro padri,
purché procurino di eseguire quanto ho comandato loro nell'intera legge,
ossia negli statuti e nei decreti dati loro per mezzo di Mose».
9] Manasse fece traviare Giuda e gli abitanti di Gerusalemme spingendoli ad agire peggio delle popolazioni che il Signore aveva sterminate di fronte agli Israeliti.
10] Il Signore parlò a Manasse e al suo popolo,
ma non gli badarono.
11] Allora il Signore mandò contro di loro i capi dell'esercito del re assiro;
essi presero Manasse con uncini,
lo legarono con catene di bronzo e lo condussero in Babilonia.
12] Ridotto in tale miseria,
egli placò il volto del Signore suo Dio e si umiliò molto di fronte al Dio dei suoi padri.
13] Egli lo pregò e Dio si lasciò commuovere,
esaudì la sua supplica e lo fece tornare in Gerusalemme nel suo regno;
così Manasse riconobbe che solo il Signore è Dio.
14] In seguito,
egli costruì il muro esteriore della città di Davide,
a occidente del Ghicon,
nella valle fino alla porta dei Pesci,
che circondava l'Ofel;
Manasse lo tirò su a notevole altezza.
In tutte le fortezze di Giuda egli pose capi militari.
15] Rimosse gli dei stranieri e l'idolo dal tempio insieme con tutti gli altari che egli aveva costruito sul monte del tempio e in Gerusalemme e gettò tutto fuori della città.
16] Restaurò l'altare del Signore e vi offrì sacrifici di comunione e di lode e comandò a Giuda di servire il Signore,
Dio di Israele.
17] Tuttavia il popolo continuava a sacrificare sulle alture,
anche se lo faceva per il Signore.
18] Le altre gesta di Manasse,
la sua preghiera a Dio e le parole che i veggenti gli comunicarono a nome del Signore Dio di Israele,
ecco sono descritte nelle gesta dei re di Israele.
19] La sua preghiera e come fu esaudito,
tutta la sua colpa e la sua infedelta,
le localita ove costruì alture,
eresse pali sacri e statue prima della sua umiliazione,
ecco sono descritte negli atti di Cozai.
20] Manasse si addormentò con i suoi padri e lo seppellirono nel suo palazzo.
Al suo posto divenne re suo figlio Amòn.
21] Quando Amòn divenne re,
aveva ventidue anni;
regnò due anni in Gerusalemme.
22] Egli fece ciò che è male agli occhi del Signore,
come l'aveva fatto Manasse suo padre.
Amòn offrì sacrifici a tutti gli idoli eretti da Manasse suo padre e li servì.
23] Non si umiliò davanti al Signore,
come si era umiliato Manasse suo padre;
anzi Amòn aumentò le sue colpe.
24] I suoi ministri ordirono una congiura contro di lui e l'uccisero nella reggia,
25] ma il popolo del paese uccise quanti avevano congiurato contro Amòn.
Lo stesso popolo del paese proclamò re,
al posto di lui,
suo figlio Giosia.

cap 34]
1] Quando Giosia divenne re,
aveva otto anni;
regnò trentun anni in Gerusalemme.
2] Egli fece ciò che è retto agli occhi del Signore e seguì le strade di Davide suo antenato,
senza fuorviare in nulla.
3] Nell'anno ottavo del suo regno,
era ancora un ragazzo,
cominciò a ricercare il Dio di Davide suo padre.
Nell'anno decimosecondo cominciò a purificare Giuda e Gerusalemme,
eliminando le alture,
i pali sacri e gli idoli scolpiti o fusi.
4] Sotto i suoi occhi furono demoliti gli altari di Baal;
infranse gli altari per l'incenso,
che vi erano sopra;
distrusse i pali sacri e gli idoli scolpiti o fusi,
riducendoli in polvere che sparse sui sepolcri di coloro che avevano sacrificato a tali cose.
5] Le ossa dei sacerdoti le bruciò sui loro altari;
così purificò Giuda e Gerusalemme.
6] Lo stesso fece nella città di Manasse,
di Efraim e di Simeone fino a Neftali,
nei loro villaggi devastati.
7] Demolì gli altari;
fece a pezzi i pali sacri e gli idoli in modo da ridurli in polvere;
demolì tutti gli altari per l'incenso in tutto il paese di Israele;
poi fece ritorno a Gerusalemme.
8] Nell'anno decimottavo del suo regno,
dopo aver purificato il paese e il tempio,
affidò a Safan figlio di Asalia,
a Maaseia governatore della città,
e a Ioach figlio di Ioacaz,
archivista,
il restauro del tempio del Signore suo Dio.
9] Costoro si presentarono al sommo sacerdote Chelkia e gli consegnarono il denaro depositato nel tempio;
l'avevano raccolto i leviti custodi della soglia da Manasse,
da Efraim e da tutto il resto di Israele,
da tutto Giuda,
da Beniamino e dagli abitanti di Gerusalemme.
10] Lo misero in mano ai direttori dei lavori che sovrintendevano al tempio ed essi l'utilizzarono per gli operai che lavoravano nel tempio per restaurarlo e rafforzarlo.
11] Lo diedero ai falegnami e ai muratori per l'acquisto di pietre da taglio e di legname per l'armatura e la travatura dei locali lasciati rovinare dai re di Giuda.
12] Quegli uomini lavoravano con fedelta;
erano stati loro preposti per la direzione Iacat e Abdia,
leviti dei figli di Merari,
Zaccaria e Mesullam,
Keatiti.
Leviti esperti di strumenti musicali 13] sorvegliavano i portatori e dirigevano quanti compivano lavori di qualsiasi genere;
altri leviti erano scribi,
ispettori e portieri.
14] Mentre si prelevava il denaro depositato nel tempio,
il sacerdote Chelkia trovò il libro della legge del Signore,
data per mezzo di Mose.
15] Chelkia prese la parola e disse allo scriba Safan:
«Ho trovato nel tempio il libro della legge».
Chelkia diede il libro a Safan.
16] Safan portò il libro dal re;
egli inoltre riferì al re:
«Quanto è stato ordinato,
i tuoi servitori lo eseguiscono.
17] Hanno versato il denaro trovato nel tempio e l'hanno consegnato ai sorveglianti e ai direttori dei lavori».
18] Poi lo scriba Safan annunziò al re:
«Il sacerdote Chelkia mi ha dato un libro».
Safan ne lesse una parte alla presenza del re.
19] Udite le parole della legge,
il re si strappò le vesti 20] e comandò a Chelkia,
ad Achikam figlio di Safan,
ad Abdon figlio di Mica,
allo scriba Safan e ad Asaia ministro del re:
21] «Andate,
consultate il Signore per me e per quanti sono rimasti in Israele e in Giuda riguardo alle parole di questo libro ora trovato;
grande infatti è la collera del Signore,
che si è accesa contro di noi,
poiché i nostri padri non hanno ascoltato le parole del Signore facendo quanto sta scritto in questo libro».
22] Chelkia insieme con coloro che il re aveva designati si recò dalla profetessa Culda moglie di Sallum,
figlio di Tokat,
figlio di Casra,
il guardarobiere;
essa abitava nel secondo quartiere di Gerusalemme.
Le parlarono in tal senso 23] ed essa rispose loro:
«Dice il Signore Dio di Israele:
Riferite all'uomo che vi ha inviati da me:
24] Dice il Signore:
Ecco,
io farò piombare una sciagura su questo luogo e sui suoi abitanti,
tutte le maledizioni scritte nel libro letto davanti al re di Giuda,
25] perché hanno abbandonato me e hanno bruciato incenso ad altri dei provocandomi a sdegno con tutte le opere delle loro mani.
La mia collera si accendera contro questo luogo e non si potra spegnere.
26] Al re di Giuda,
che vi ha inviati a consultare il Signore,
riferirete:
Dice il Signore,
Dio di Israele:
A proposito delle parole che hai udito,
27] poiché il tuo cuore si è intenerito e ti sei umiliato davanti a Dio,
udendo le mie parole contro questo luogo e contro i suoi abitanti;
poiché ti sei umiliato davanti a me,
ti sei strappate le vesti e hai pianto davanti a me,
anch'io ho ascoltato.
Oracolo del Signore! 28] Ecco,
io ti riunirò con i tuoi padri e sarai deposto nel tuo sepolcro in pace.
I tuoi occhi non vedranno tutta la sciagura che io farò piombare su questo luogo e sui suoi abitanti».
Quelli riferirono il messaggio al re.
29] Allora il re inviò dei messi e radunò tutti gli anziani di Giuda e di Gerusalemme.
30] Il re,
insieme con tutti gli uomini di Giuda,
con gli abitanti di Gerusalemme,
i sacerdoti,
i leviti e tutto il popolo,
dal più grande al più piccolo,
salì al tempio.
Egli fece leggere ai loro orecchi tutte le parole del libro dell'alleanza,
trovato nel tempio.
31] Il re,
stando in piedi presso la colonna,
concluse un'alleanza davanti al Signore,
impegnandosi a seguire il Signore,
a osservarne i comandi,
le leggi e i decreti con tutto il cuore e con tutta l'anima,
eseguendo le parole dell'alleanza scritte in quel libro.
32] Fece impegnare quanti si trovavano in Gerusalemme e in Beniamino.
Gli abitanti di Gerusalemme agirono secondo l'alleanza di Dio,
del Dio dei loro padri.
33] Giosia rimosse tutti gli abomini da tutti i territori appartenenti agli Israeliti;
costrinse quanti si trovavano in Israele a servire il Signore loro Dio.
Finché egli visse non desistettero dal seguire il Signore,
Dio dei loro padri.
http://web.tiscali.it/martiri

SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 35]
1] Giosia celebrò in Gerusalemme la pasqua per il Signore.
Gli agnelli pasquali furono immolati il quattordici del primo mese.
2] Il re ristabilì i sacerdoti nei loro uffici e li incoraggiò al servizio del tempio.
3] Egli disse ai leviti che ammaestravano tutto Israele e che si erano consacrati al Signore:
«Collocate l'arca santa nel tempio costruito da Salomone figlio di Davide,
re di Israele;
essa non costituira più un peso per le vostre spalle.
Ora servite il Signore vostro Dio e il suo popolo Israele.
4] Disponetevi,
secondo i vostri casati,
secondo le vostre classi,
in base alla prescrizione di Davide,
re di Israele,
e alla prescrizione di Salomone suo figlio.
5] State nel santuario a disposizione dei casati dei vostri fratelli,
dei figli del popolo;
per i leviti ci sara una parte nei singoli casati.
6] Immolate gli agnelli pasquali,
purificatevi e mettetevi a disposizione dei vostri fratelli,
secondo la parola del Signore comunicata per mezzo di Mose».
7] Giosia diede ai figli del popolo,
a quanti erano lì presenti,
del bestiame minuto,
cioè tremila agnelli e capretti come vittime pasquali,
e in più tremila buoi.
Tutto questo bestiame era di proprieta del re.
8] I suoi ufficiali fecero offerte spontanee per il popolo,
per i sacerdoti e per i leviti.
Chelkia,
Zaccaria,
Iechièl,
preposti al tempio,
diedero ai sacerdoti,
per i sacrifici pasquali,
duemilaseicento agnelli e capretti,
oltre trecento buoi.
9] Conania,
Semaia e Netaneèl suoi fratelli,
Casabia,
Iechièl e Iozabad capi dei leviti,
diedero ai leviti,
per i sacrifici pasquali,
cinquemila agnelli e capretti,
oltre cinquecento buoi.
10] Così tutto fu pronto per il servizio;
i sacerdoti si misero al loro posto,
così anche i leviti secondo le loro classi,
secondo il comando del re.
11] Immolarono gli agnelli pasquali:
i sacerdoti spargevano il sangue,
mentre i leviti scuoiavano.
12] Misero da parte l'olocausto da distribuire ai figli del popolo,
secondo le divisioni dei vari casati,
perché lo presentassero al Signore,
come sta scritto nel libro di Mose.
Lo stesso fecero per i buoi.
13] Secondo l'usanza arrostirono l'agnello pasquale sul fuoco;
le parti consacrate le cossero in pentole,
in caldaie e tegami e le distribuirono sollecitamente a tutto il popolo.
14] Dopo,
prepararono la pasqua per se stessi e per i sacerdoti,
poiché i sacerdoti,
figli di Aronne,
furono occupati fino a notte nell'offrire gli olocausti e le parti grasse;
per questo i leviti prepararono per se stessi e per i sacerdoti figli di Aronne.
15] I cantori,
figli di Asaf,
occupavano il loro posto,
secondo le prescrizioni di Davide,
di Asaf,
di Eman e di Idutun veggente del re;
i portieri erano alle varie porte.
Costoro non dovettero allontanarsi dal loro posto,
perché i leviti loro fratelli prepararono tutto per loro.
16] Così in quel giorno fu disposto tutto il servizio del Signore per celebrare la pasqua e per offrire gli olocausti sull'altare del Signore,
secondo l'ordine del re Giosia.
17] Gli Israeliti presenti celebrarono allora la pasqua e la festa degli azzimi per sette giorni.
18] Dal tempo del profeta Samuele non era stata celebrata una pasqua simile in Israele;
nessuno dei re di Israele aveva celebrato una pasqua come questa celebrata da Giosia,
insieme con i sacerdoti,
i leviti,
tutti quelli di Giuda,
i convenuti da Israele e gli abitanti di Gerusalemme.
19] Questa pasqua fu celebrata nel decimottavo anno del regno di Giosia.
20] Dopo tutto ciò,
dopo che Giosia aveva riorganizzato il tempio,
Necao re d'Egitto andò a combattere in Carchemis sull'Eufrate.
Giosia marciò contro di lui.
21] Quegli mandò messaggeri a dirgli:
«Che c'è fra me e te,
o re di Giuda? Io non vengo contro di te,
ma contro un'altra casa sono in guerra e Dio mi ha imposto di affrettarmi.
Pertanto non opporti a Dio che è con me affinchè egli non ti distrugga».
22] Ma Giosia non si ritirò.
Deciso ad affrontarlo,
non ascoltò le parole di Necao,
che venivano dalla bocca di Dio,
e attaccò battaglia nella valle di Meghiddo.
23] Gli arcieri tirarono sul re Giosia.
Il re diede l'ordine ai suoi ufficiali:
«Portatemi via,
perché sono ferito gravemente».
24] I suoi ufficiali lo tolsero dal suo carro,
lo misero in un altro carro e lo riportarono in Gerusalemme,
ove morì.
Fu sepolto nei sepolcri dei suoi padri.
Tutti quelli di Giuda e di Gerusalemme fecero lutto per Giosia.
25] Geremia compose un lamento su Giosia;
tutti i cantori e le cantanti lo ripetono ancora nei lamenti su Giosia;
è diventata una tradizione in Israele.
Esso è inserito fra i lamenti.
26] Le altre gesta di Giosia,
le sue opere di pieta secondo le prescrizioni della legge del Signore,
27] le sue gesta,
le prime come le ultime,
ecco sono descritte nel libro dei re di Israele e di Giuda.


SECONDO LIBRO DELLE CRONACHE
cap 36]
1] Il popolo del paese prese Ioacaz figlio di Giosia e lo proclamò re,
al posto del padre,
in Gerusalemme.
2] Quando Ioacaz divenne re,
aveva ventitrè anni;
regnò tre mesi in Gerusalemme.
3] Lo spodestò in Gerusalemme il re d'Egitto,
che impose al paese un'indennita di cento talenti d'argento e di un talento d'oro.
4] Il re d'Egitto nominò re su Giuda e Gerusalemme il fratello Eliakìm,
cambiandogli il nome in Ioiakìm.
Quanto al fratello di Ioacaz,
Necao lo prese e lo deportò in Egitto.
5] Quando Ioiakìm divenne re,
aveva venticinque anni;
regnò undici anni in Gerusalemme.
Egli fece ciò che è male agli occhi del Signore suo Dio.
6] Contro di lui marciò Nabucodonosor re di Babilonia,
che lo legò con catene di bronzo per deportarlo in Babilonia.
7] Nabucodonosor portò in Babilonia parte degli oggetti del tempio,
che depose in Babilonia nella sua reggia.
8] Le altre gesta di Ioiakìm,
gli abomini da lui commessi e le colpe che risultarono sul suo conto,
ecco sono descritti nel libro dei re di Israele e di Giuda.
Al suo posto divenne re suo figlio Ioiachìn.
9] Quando Ioiachìn divenne re,
aveva diciotto anni;
regnò tre mesi e dieci giorni in Gerusalemme.
Egli fece ciò che è male agli occhi del Signore.
10] All'inizio del nuovo anno il re Nabucodonosor mandò a imprigionarlo per deportarlo in Babilonia con gli oggetti più preziosi del tempio.
Egli nominò re su Giuda e Gerusalemme il fratello di suo padre Sedecìa.
11] Quando Sedecìa divenne re,
aveva ventun anni;
regnò undici anni in Gerusalemme.
12] Egli fece ciò che è male agli occhi del Signore suo Dio.
Non si umiliò davanti al profeta Geremia che gli parlava a nome del Signore.
13] Si ribellò anche al re Nabucodonosor,
che gli aveva fatto giurare fedelta in nome di Dio.
Egli si ostinò e decise fermamente in cuor suo di non far ritorno al Signore Dio di Israele.
14] Anche tutti i capi di Giuda,
i sacerdoti e il popolo moltiplicarono le loro infedelta,
imitando in tutto gli abomini degli altri popoli,
e contaminarono il tempio,
che il Signore si era consacrato in Gerusalemme.
15] Il Signore Dio dei loro padri mandò premurosamente e incessantemente i suoi messaggeri ad ammonirli,
perché amava il suo popolo e la sua dimora.
16] Ma essi si beffarono dei messaggeri di Dio,
disprezzarono le sue parole e schernirono i suoi profeti al punto che l'ira del Signore contro il suo popolo raggiunse il culmine,
senza più rimedio.
17] Allora il Signore fece marciare contro di loro il re dei Caldei,
che uccise di spada i loro uomini migliori nel santuario,
senza pieta per i giovani,
per le fanciulle,
per gli anziani e per le persone canute.
Il Signore mise tutti nelle sue mani.
18] Quegli portò in Babilonia tutti gli oggetti del tempio,
grandi e piccoli,
i tesori del tempio e i tesori del re e dei suoi ufficiali.
19] Quindi incendiarono il tempio,
demolirono le mura di Gerusalemme e diedero alle fiamme tutti i suoi palazzi e distrussero tutte le sue case più eleganti.
20] Il re deportò in Babilonia gli scampati alla spada,
che divennero schiavi suoi e dei suoi figli fino all'avvento del regno persiano,
21] attuandosi così la parola del Signore,
predetta per bocca di Geremia:
«Finché il paese non abbia scontato i suoi sabati,
esso riposera per tutto il tempo nella desolazione fino al compiersi di settanta anni».
22] Nell'anno primo di Ciro,
re di Persia,
a compimento della parola del Signore predetta per bocca di Geremia,
il Signore suscitò lo spirito di Ciro re di Persia,
che fece proclamare per tutto il regno,
a voce e per iscritto:
23] «Dice Ciro re di Persia:
Il Signore,
Dio dei cieli,
mi ha consegnato tutti i regni della terra.
Egli mi ha comandato di costruirgli un tempio in Gerusalemme,
che è in Giuda.
Chiunque di voi appartiene al suo popolo,
il suo Dio sia con lui e parta!».
http://yeshuahamashiachnotzri.blogspot.com



-------------------------------------------------------------------------------







Signoraggio Network title="Signoraggio Network"/>SovranitaMonetaria.org
Aiutaci! e ... sopratutto aiutati!





http://yeshuahamashiachnotzri.blogspot.com